Numana must dell’estate per il turismo familiare

Un trattamento d’eccellenza rivolto a turisti e residenti con centinaia di eventi e trasporti gratuiti. E un mare da 19ª Bandiera Blu

Numana, 16 giugno 2018 – Conferme e tante novità nel piano degli eventi e del trasporto pubblico dell’estate numanese 2018, messo a punto dall’ufficio Turismo e dal personale Iat con lo stretto coordinamento del sindaco Gianluigi Tombolini.

Alla quinta stagione turistica organizzata da questa Amministrazione, e grazie al binomio sponsor–tassa di soggiorno, l’offerta turistica dell’estate numanese si preannuncia fra le migliori di tutta la Riviera del Conero, dal Passetto di Ancona fino a Porto Recanati.

Presentazione alla stampa dell’estate numanese 2018: a sinistra, il sindaco Gianluigi Tombolini, dietro, seduto, l’addetto stampa del Comune Giuseppe Monaco

Oltre 100 eventi (almeno uno per sera da giugno a settembre), e l’organizzazione di 6 linee di trasporto pubblico diurno e notturno, è ciò che è stato riservato a residenti e turisti. Tutto gratuito.

Gli eventi

Verranno distribuiti nelle varie location del paese: Piazza del Santuario, Piazza Nuova, Piazzetta Miramare a Marcelli, Piazzetta Svarchi. Impossibile elencarli tutti, vi rimandiamo al sito http://www.turismonumana.it/it/eventi.

Ce n’è per tutti i gusti: oltre alle gradite conferme come i “Lunedì del libro”, la “Notte rossa”, le “Vie in musica”, la rassegna dei comici reduci dalle più note trasmissioni televisive, anche tante novità assolute come i “Giovedì Scienzazionali” (conferenze a tema scientifico con esperimenti e spettacoli), le “Serate Lunari” (eventi ed interventi a tema Zen), “Numana land” (tutto il paese diventa un parco di divertimenti a tema), “Disco party” con noti DJ locali.

Serena Dandini e Vladimir Luxuria protagoniste dell’estate numanese

Due gli eventi da segnalare: sabato 14 luglio sarà a Numana la presentatrice televisiva e scrittrice Serena Dandini, mentre lunedì 30 luglio interverrà Vladimir Luxuria, per due serate culturali assolutamente non scontate dove presenteranno i loro ultimi libri.

Il clou dell’estate sabato 4 agosto con il “Galà della danza in Blu”, esibizione dei migliori ballerini internazionali di danza classica e moderna in onore della 19ª Bandiera Blu. Il giorno dopo, domenica 5 agosto, il concerto del cantante Numanese Luca Lattanzio; il Concerto all’Alba e la festa dell’Assunta il 14 al porticciolo con gli immancabili fuochi d’artificio finali.

Trasporti

Visto il successo ottenuto lo scorso anno (172mila persone trasportate), quest’anno il servizio gratuito da e per le spiagge, e dagli alberghi ai luoghi degli eventi o centro paese, verrà rafforzato.  Ogni 30 minuti gli autobus urbani euro 5 a grande capienza faranno tappa nei 3 parcheggi scambiatori del Piazzale IAT (centro paese), Piazzale Adriatico e Via Ancona (Marcelli), per sgravare ancora di più il lungomare dal traffico.

Numana – La spiaggiola e sullo sfondo il promontorio del Monte Conero

Sono stati introdotti servizi di corse settimanali (queste a pagamento: 5 euro andata e ritorno) tra Numana e Portonovo, Loreto e Grotte di Frasassi, per collegare la Riviera alle località con più attrattiva turistica delle Marche e permettere ai turisti di visitarle lasciando l’auto in Hotel.

Ma c’è di più. Siete al ristorante e non avete voglia di tornare a casa o in albergo a piedi? Chiamate con il cellulare e un’auto verrà a prendervi. Gratis.

Numana – Spiaggia dei Frati

Insomma, difficile trovare un’altra realtà turistica che coccola e accoglie i propri ospiti meglio di così. Il tutto, come già anticipato, grazie agli sponsor e alla tassa di soggiorno che lo scorso anno ha fruttato oltre 300mila euro. Gli eventi messi in cartellone per tutta l’estate e il trasporto pubblico, che non costeranno un cent a turisti e residenti, costano in totale circa 250 mila euro. Un investimento calcolato da questa Amministrazione e mirato alla continua crescita dell’offerta e delle presenze.

Al sindaco Tombolini e alla sua squadra va riconosciuto il gran lavoro fatto in questi anni. E siccome è l’ultima estate da sindaco per lui (il prossimo anno gli scade il mandato, ndr), gli abbiamo chiesto se si ricandiderà: «Troppo presto per dirlo – è stata la sua risposta – In questi anni, grazie alla mia squadra e a magnifici collaboratori, diversi dei quali sono diventati anche amici, abbiamo fatto davvero un gran lavoro. Non so ancora se mi ricandiderò, ma vorrei fossero loro a chiedermelo».

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Elezione Presidente della Repubblica, 1ª chiama

Nessun accordo: 672 schede bianche


Camerano, 24 gennaio 2022 – Partita alle ore 15.00, a Roma, la prima votazione per eleggere il quattordicesimo Capo dello Stato della Repubblica Italiana. Il numero totale degli elettori fra Deputati, Senatori compresi quelli a vita, Rappresentanti delle Regioni, è sceso da 1.009 a 1.008: alla vigilia delle votazioni è venuto a mancare il deputato di Forza Italia Vincenzo Fasano. Quorum dei due terzi, dunque, almeno per questa prima votazione, fissato a quota 672. Domani, martedì 25 gennaio la Camera eleggerà a Montecitorio, al suo posto, Rossella Sessa, sempre di Forza Italia.

La prima chiama odierna è partita all’insegna di una grande incertezza: vuoi perché i leader politici non sono stati in grado di presentare candidati ufficiali, vuoi per il clima particolare in cui si muovono i Grandi elettori dovuto alla pandemia in corso.

Proprio a causa del virus, infatti, il presidente della Camera Roberto Fico – padrone di casa – ha stravolto le procedure di voto. Ha fatto sparire lo storico catafalco coperto di drappi rossi all’interno del quale si votava da sempre, e lo ha fatto sostituire con tre moderne strutture tipo cabina elettorale rigorosamente rosse (foto).

All’interno dell’emiciclo, ha disposto che i votanti debbano essere non più di cinquanta alla volta, ovviamente oltre ai commessi in servizio, cancellando in un sol colpo quell’atmosfera che si respirava in passato fatta da un’aula stracolma, da capannelli di parlamentari che discutevano fra i banchi cercando intese improbabili dell’ultimo minuto. In più, sempre grazie al Covid, ha relegato i parlamentari risultati positivi, circa una trentina, in un seggio speciale adiacente alla Camera dei deputati, in Via della Missione, facendoli votare in modalità drive-in.

Mentre in aula si procedeva alle votazioni secondo la chiama stabilita per ordine alfabetico, all’esterno dell’emiciclo i vari leader si sono mossi con frenesia per trovare quell’accordo su un nome condiviso che fino ad oggi non sono stati in grado di trovare. Esplicativo, in tal senso, il commento dell’editorialista de La Stampa Marcello Sorgi: «Ma perché non si sono messi d’accordo prima? Hanno avuto tutto il tempo per farlo!»

Fra i più attivi, in giornata, il leader della Lega Matteo Salvini che ha avuto dapprima un colloquio con il presidente del Consiglio Mario Draghi, poi con il segretario del PD Enrico Letta, poi con il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte.

Il lungo pomeriggio elettivo si chiude a Roma con lo spoglio delle schede, terminato alle 21.05. Come da previsioni più che annunciate, le schede bianche sono state 672 (prima dell’ennesima verifica); forse un caso, ma è lo stesso numero del quorum. Niente di fatto, dunque. Tutto rimandato a domani per la seconda chiama. Fra i votati oggi, Marta Cartabia (9), Paolo Maddalena (36), Umberto Bossi (6), Sergio Mattarella (16), Berlusconi (7). Ma pure nomi come Pierferdinando Casini e Walter Veltroni, il conduttore Rai Amadeus e il giornalista Bruno Vespa, oltre all’improbabile presidente della Lazio Lotito.

© riproduzione riservata


link dell'articolo