Riaperture scuole Ancona: il punto sul trasporto pubblico locale

Il funzionamento del progetto 6Smart che coinvolge studenti pendolari e cittadini

Ancona, 29 aprile 2021 – A quattro giorni dalla riapertura delle scuole, con la città di nuovo in zona gialla, l’Amministrazione comunale ha fatto il punto sul funzionamento del trasporto pubblico locale, insieme a Conerobus e con la ditta Pluservice, incaricata della gestione del progetto sperimentale 6smart che prevede linee aggiuntive per gli studenti di alcune scuole pilota, per i pendolari e per i cittadini che hanno necessità di spostarsi sulle medesime linee.

Ancona – L’assessore ai Trasporti Ida Simonella

«Si tratta di dati confortanti – afferma l’assessore ai Trasporti Ida Simonella – che possiamo interpretare sia come il frutto dell’impegno organizzativo dei vari istituti scolastici, sia come il segno di una buona consapevolezza degli studenti e delle loro famiglie. Il Comune, da parte sua, si è impegnato a rassicurare le scuole e le famiglie, creando un sistema che prevede l’attivazione “automatica” di corse aggiuntive laddove ce ne fosse bisogno. Il nostro progetto 6Smart, infatti, continua a essere utilizzato da una parte degli studenti e, poiché dimostra di avere ancora capienza, resta aperto a tutti i cittadini e ai pendolari che abbiano la necessità di spostarsi lungo le linee in cui esso è attivo».

6Smart è un sistema sperimentale riconosciuto come best practice sia a livello regionale sia a livello nazionale, giunto anche sul tavolo di confronto del Viminale. È uno strumento che, per la sua valenza logistica (si possono prenotare gli orari e soprattutto i posti a bordo  a sedere), si presta ad essere utilizzato anche in altri contesti dove è importante garantire la certezza del servizio in piena sicurezza, come ad esempio negli spostamenti da e per le spiagge della riviera.

Per quanto riguarda gli autobus di linea, i dati comunicati da Conerobus indicano che la frequentazione media giornaliera del servizio urbano di Ancona (tutte le corse) si attesta attorno al 18-20% della capacità di carico totale degli autobus.

Per quanto attiene i collegamenti utilizzati dagli studenti delle scuole medie superiori, la stessa fonte ha indicato le fasce di frequentazione media per gli ingressi e le uscite: per le linee utilizzate dagli studenti degli Istituti Savoia Benincasa, Mannucci e Rinaldini oscillano tra il 25 e il 40 per cento; stesse oscillazioni di frequentazione media si registrano sulle linee che servono gli studenti del liceo scientifico Galilei e l’ISS Podesti e quelli dell’IIS Volterra Elia, mentre per l’ISTVASS i valori sono tra il 20 e il 35% di capienza occupata.

Muzio Papaveri, presidente di Conerobus

«Siamo soddisfatti del lavoro di squadra che ci vede protagonisti insieme al Comune di Ancona, alla Regione Marche, alla Prefettura e ai dirigenti scolastici – dice il presidente di Conerobus Muzio PapaveriAbbiamo implementato un sistema di trasporto costruito per rispondere alle esigenze delle scuole, la cui attività didattica, per gli istituti secondari di secondo grado, è svolta il presenza al 70%. Per garantire il trasporto in sicurezza, l’azienda ha anche introdotto corse supplementari ed è pronta ad intervenire, in caso di necessità, con ulteriori mezzi. Quest’ultima evenienza non si è al momento verificata. Ciò significa che abbiamo imboccato la strada giusta e che ci sono margini di potenziamento del servizio»..

Il servizio 6smart prevede una serie di corse aggiuntive rispetto alla normale pianificazione e, nato per  aiutare gli studenti a raggiungere i loro istituiti osservando le regole volte a salvaguardare la salute di tutti, oggi è aperto a tutti coloro che hanno necessità di spostarsi negli orari e nelle tratte già previste, che possono essere consultati nella pagina di myCicero al link:

www.mycicero.it/atma-prenotazione-corsa-scolastica

Quattro le linee individuate attraverso le preferenze degli studenti che hanno prenotato il servizio 6Smart:

  1. FS: dalla Stazione FS, transito per piazzale Europa con destinazione via Tiziano-Michelangelo e via Gervasoni c/o Questura
  2. PL: dal centro di Pietralacroce, transito per il Passetto con destinazione via XXV Aprile c/o via Michelangelo e via Gervasoni c/o Questura
  3. PN: dal capolinea del Pinocchio in via Madonnetta, transito per piazza Ugo Bassi e p.le Europa con destinazione via Tiziano-Michelangelo e via Gervasoni c/o Questura
  4. BB: dal centro scambiatore di via Brecce Bianche, transito per via di Passo Varano-stazione FS, via S.Giacomo della Marca con destinazione via Bocconi-accesso a via Marini e via Martiri della Resistenza-Vigili del Fuoco.

Per prenotare occorre scaricare l’app gratuita ATMA e registrarsi. In app è possibile prenotare gratuitamente la corsa, utilizzando i titoli cartacei già in proprio possesso, oppure acquistando il titolo di viaggio digitale.

Alla pagina

http://www.mycicero.it/atma-prenotazione-corsa-scolastica

sono disponibili tutti gli aggiornamenti e le informazioni per utilizzare 6Smart. Se si necessita di assistenza si può scrivere alla mail: 6smart@mycicero.it

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primo Maggio con mascherina

Nessun corteo, nessuna bandiera, nessun concerto, pochi vaccini


1 maggio 2021 – Oggi, esattamente come un anno fa. E questo editoriale potrebbe finire qui. Trecentosessantacinque giorni fa, giorno più giorno meno, uscivamo da una dura segregazione forzata in casa dovuta ad una pandemia ignorata da tutti. Erano i giorni degli striscioni ai balconi che recitavano “andrà tutto bene”, “insieme ce la faremo”. Invece, a distanza di 12 mesi siamo ancora qui a misurare quotidianamente i morti per Covid e le persone in quarantena. A registrare l’evoluzione di un virus che sembra invincibile con la sua capacità di trasformarsi in cento varianti sparse nel mondo sempre più aggressive.

Prima ondata, segregazione in casa, apertura; seconda ondata, chiusure forzate; regioni gialle, arancioni, rosse. Obbligo dell’uso delle mascherine, del lavaggio delle mani, del rispetto delle distanze… Traffici e frodi per una bombola d’ossigeno introvabile, gli speculatori dei respiratori, le terapie intensive al collasso, bare accatastate in un magazzino qualsiasi, morti mai consegnati ai parenti. Variante inglese, brasiliana, indiana… E poi l’arrivo dei vaccini, i ritardi nelle consegne, i furbetti del “vax prima io” o del “no vax”…

A riviverli così, questi ultimi 12 mesi, ci rendiamo conto che il vocabolario non ci appartiene. Fatti, accadimenti, decisioni e comportamenti alieni al genere umano. Invece no, è tutto vero, reale. È successo nel nostro quotidiano, sta succedendo e continuerà a succedere. Alla faccia di chi fa finta di niente o bolla tutto come un enorme complotto ordito per governare e soggiogare il popolo, per togliergli ciò che di più sacro esiste: libertà e lavoro.

Oggi, festa dei lavoratori, la libertà del popolo è legata ad una vaccinazione di massa che va troppo a rilento e i lavoratori, stremati dal rispetto delle regole anticoronavirus e con il fiato corto dietro le mascherine, non hanno nulla da festeggiare. Un po’ perché in tanti il lavoro l’hanno perso, altri perché non hanno più i fondi necessari a sostenere l’attività.

Niente celebrazioni dunque, niente cortei, bandiere al vento o concerti in piazza com’era uso fare fino a un paio d’anni fa. Non ci sono i presupposti. Sarà un Primo Maggio con la mascherina: unico orpello concesso in tempo di pandemia.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi