Domenica con il nordic walking per la Conero Trail 2016

Su e giù dal Monte Conero respirando l’aria del mare con la sabbia sotto i piedi

Sirolo. All’aria aperta, migliora la postura, fa bene al cuore e alla circolazione e rafforza i muscoli.

È il nordic walking, la disciplina che da qualche anno si è diffusa anche tra i sentieri del Parco del Conero grazie all’impegno e ai corsi della cooperativa Forestalp, che ha organizzato per questa domenica, 23 ottobre, una nuova occasione per praticare questo sport.

Nordic walking al Monte Conero
Nordic walking al Monte Conero

Si partirà alle 9.30 da Piazza Brodolini a Sirolo e si percorreranno le più belle strade della riviera del Conero impugnando i propri bastoni.

È questo il programma della camminata competitiva e non promossa dalla Scuola Nordic Walking Forestalp in collaborazione con la Trail Adventure Marche, che prevede un tracciato da otto km di nordic walking e due ulteriori tracciati competitivi di 13 e 25 km.

Il ritrovo è previsto alle 7.30 nella sede della pro loco di Sirolo, in via Dante, per il ritiro dei pettorali, quindi alle 9.15 avverrà la punzonatura degli atleti delle due gare competitive.

Alle 9.30 si parte per il primo percorso di otto km non competitivo e dopo un breve prologo intorno alle mura e al centro storico si scende nella suggestiva spiaggia di San Michele, la si percorre per qualche centinaia di metri per iniziare poi una lunga e impegnativa risalita del versante sud est.

Si raggiunge quindi il belvedere sud con il suo panorama mozzafiato sulle Due sorelle e successivamente la Badia di San Pietro, dove si trova il primo ristoro e il bivio per continuare i due percorsi competitivi da 13 e 25 km.

Si continua a salire sul sentiero sottobosco fino al punto più elevato del monte Conero, fino ad affacciarsi sul versante nord con i bellissimi scorci sulla baia di Portonovo e Ancona.

Dalla sommità del Monte si scende fin sulla spiaggia
Dalla sommità del Monte si scende fin sulla spiaggia

Da qui inizia la discesa lineare fino a Pian Grande poi quella più tortuosa fino al Poggio dove termina il percorso da 13 km e si trova il secondo ristoro.

Si riparte per il percorso da 25 km, recuperando quota, e in pochi minuti si accede al versante ovest che prevede la discesa alla Cava nascosta, la risalita e il raggiungimento di Pian di Raggetti. Attraverso un facile sentiero si ritorna alla Badia di San Pietro per il terzo ristoro e si scende nuovamente alla spiaggia San Michele per poi raggiungere con l’ultima salita il traguardo di Sirolo.

Dalle 12 alle 14 nella sede della pro loco sono in programma il ristoro finale, le premiazioni delle due gare competitive, i premi estratti a sorteggio per la gara di Nordic Walking e il premio di partecipazione per tutti gli atleti dei tre percorsi comprendente una t-shirt tecnica, una confezione di integratori, barrette e gel Multipower e materiale pubblicitario.

Per partecipare è necessario iscriversi a questo link: https://www.mysdam.net/store/data-entry_34154.do; e versare la quota di partecipazione che varia dai 12 ai 20 euro in base alla gara scelta.

Sono già circa 150 gli iscritti che hanno deciso di passare una domenica di sport tra il mare e il monte del Parco del Conero.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi