Piero Massimo Macchini conquista il Caffè Letterario

Tante risate e tanti applausi per il comico fermano ieri sera al "cantinone"

Camerano. È filato via liscio come l’olio lo spettacolo di ieri sera prodotto dal comico Piero Massimo Macchini sul palco del Caffè Letterario. In pieno contrasto con la particolarità della sua voce ruvida che lo rende subito riconoscibile.

Piero Massimo Macchini
Piero Massimo Macchini

Il pubblico s’è divertito e lo ha applaudito a più riprese. E forse non s’è accorto, il pubblico, che nelle sue macchiette strampalate Macchini lo ha un po’ preso in giro. Perché questo comico fermano dal baffetto simpatico, per le sue gag s’è ispirato proprio ai giovani d’oggi, alle loro manie e quotidiane follie consumate nel bar sotto casa.

E il suo umorismo dall’accento maceratese lo ha riservato un po’ a tutti: amici, madri, donne, fidanzate e luoghi comuni che se ci pensi bene alla fine non sono altro che fatti quotidiani. Al termine, dopo più di un’ora di performance, s’è reso simpaticamente disponibile per le nostre domande, nonostante avesse voglia di tornare a casa da sua figlia. Segno che dietro la maschera giullaresca del comico si nasconde un padre pemuroso.

Da dove parte la tua carriera di comico?

«Diciamo che un po’ ci sono nato, dal momento che questo ruolo mi è stato affibbiato fin da piccolo in famiglia. Poi, vabbé, ho iniziato con il teatro di strada, improvvisazione, una scuola a Roma molto bella di teatro clown per arrivare a scrivermi da solo i testi e a produrli. Ho fatto anche teatro per ragazzi per quattro anni».

E dove ti sta portando?

«Oggi ho un’associazione, gestisco un marchio web live tv che è Marche Tube. A dicembre parte una trasmissione su Rai 4, Challenge four, dove faccio il mimo parlante. Inoltre, ho appena girato un film con la regia di Alessandro Valori, tutto nelle Marche, tutto molto bello».

Un momento dello spettacolo di Macchini
Un momento dello spettacolo di Macchini

Tanta carne al fuoco… Che sensazioni ti ha dato questo Caffè Letterario?

«Beh, è un ambiente molto bello. Si presta molto per uno spettacolo dal vivo, è molto underground, molto bello. Raro trovare un posto dove fai cabaret e c’è un’attenzione teatrale. Il pubblico si sente che è avvezzo e formato, gli organizzatori hanno fatto un buon lavoro nel tempo».

Cos’è la comicità oggi in Italia?

«C’è in atto un grosso dibattito su questo tema. Personalmente ho scritto una cosa tempo fa: “vince chi ride”. Esistono tante forme di comicità, la mia è a 360 gradi: faccio il mimo, uso la magia, faccio un monologo, non esiste un genere… Chi fa le sue battaglie per affermare un genere particolare di comicità per me ha perso in partenza, è infantile. Io amo tutto Ciccio e Franco, Totò, la macchietta… vince chi sa ridere».

È difficile procurarsi ingaggi?

«Beh, in Italia se conosci… meglio è! Io ho sempre lottato per realizzare quello che avevo dentro la testa. Alla fine, anziché ambire a cose troppo alte, se t’accontenti riesci a portare a buon fine le cose che vuoi fare».

Chiudiamo così: che ne pensi delle tante trasmissioni tv fatte solo da comici?

«Guarda, io sono uno che non ha la televisione. L’anno scorso ho fatto Eccezziunale Veramente ma mi sono rivisto solo sul web. La Tv mi da nausea. Certo che se mi chiamano vado a farla, è il mio lavoro. Se non mi chiamano non me ne frega niente. I miei amici comici me li guardo volentieri sul web».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Covid – Ok lo screening di massa a Osimo e Castelfidardo

Organizzazione perfetta e soliti denigratori


Camerano, 24 gennaio 2021 – Al PalaBaldinelli di Osimo e al PalaOlimpia di Castelfidardo (foto) sono in corso gli screening di massa gratuiti tramite tampone antigenico rapido che rientrano nel progetto Marche Sicure messo in atto dalla Regione.

Al PalaBaldinelli, da oggi e fino a martedì 26 gennaio, oltre agli osimani possono sottoporsi allo screening i residenti di Filottrano, Agugliano, Polverigi, Santa Maria Nuova e Offagna. Al PalaOlimpia, oggi e domani, i residenti di Castelfidardo, Camerano, Numana e Sirolo.

In un Paese dove tutto si complica e niente risulta efficiente quando si tratta di dare servizi alla popolazione, va detto che sia ad Osimo sia a Castelfidardo le procedure di screening stanno procedendo senza intoppi. Meglio, in entrambe le realtà l’organizzazione, lo staff medico, gli addetti, stanno producendo un lavoro d’eccellenza.

Nonostante la massiccia adesione, e nonostante il giorno di pioggia, tutto risulta ben organizzato, non ci sono file d’attesa, il personale addetto allo screening risulta gentile, altamente professionale, con una particolare disponibilità nei confronti di anziani e bambini. E per capire quanto ciò sia rispondente alla realtà basta andare su Facebook e leggersi le centinaia di apprezzamenti, ringraziamenti e complimenti postati da altrettanti cittadini che si sono sottoposti al test.

In linea di principio, ma bisognerà aspettare il termine dello screening per avere un dato certo e attendibile, la percentuale di positivi che sta uscendo dai test si aggira intorno all’uno per mille a Castelfidardo, qualche virgola in più ad Osimo ma lo scostamento è minimo.

Particolarmente soddisfatti di questo andamento i due sindaci, Simone Pugnaloni e Roberto Ascani, che oltre ad averci messo del proprio nell’organizzazione non perdono occasione per ringraziare tutti gli artefici di questo bell’esempio di efficienza. Un’esperienza cui plaudire senza se e senza ma, che sarà propedeutica alla fase successiva della vaccinazione per tutti. Un esempio di come sia possibile far bene le cose quando il sindaco è valido e ci crede, a prescindere dalla propria appartenenza politica.

Eppure, nonostante tutto ciò, sui social c’è chi proprio non ce la fa a dare a Cesare quel che è di Cesare, a riconoscere all’avversario politico un successo, una capacità. Come nel caso di un nostro lettore che sotto l’articolo di presentazione dello screening ad Osimo ha postato: “Una bella pubblicità per il PD osimano”.

Non citerò il nome del lettore, non ne vale la pena. E dirò anche – ma lui lo sa – che Pugnaloni non raccoglie il massimo delle mie simpatie giornalistiche, ma questa è un’altra storia. In questa storia dello screening di massa, invece, riconosco al sindaco Simone Pugnaloni un gran lavoro al servizio della sua comunità e di quelle degli altri Comuni che sta ospitando al PalaBaldinelli. E sono convinto che neppure per un attimo, mentre si dava da fare per organizzarlo, abbia pensato alla sua appartenenza politica. E lo stesso vale per Roberto Ascani. Grazie sindaci!

© riproduzione riservata 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi