L’attore Paolo Cupido animerà la gara della pigiatura dell’uva

A destra, l'attore Paolo Cupido
A destra, l’attore Paolo Cupido

Camerano. Dalla realtà poliedrica dell’associazione Finestre Rosse di Camerano, attiva all’interno di gran parte delle iniziative locali, qualche anno fa è uscito allo sbaraglio verso il mondo artistico, Paolo Cupido.

Attore, giocoliere, performer, regista, sceneggiatore, curatore di spettacoli e direttore artistico di eventi, Paolo Cupido è tornato nella sua amata cittadina per la Festa del Rosso Conero. Da protagonista: questa sera, venerdì 2 settembre alle 22.15, presenterà e animerà in Piazza S. Apollinare la tradizionale gara della pigiatura.

Lo abbiamo incontrato per farci raccontare la sua multiforme carriera.

Paolo, come hai scoperto la tua vena artistica?

“Frequentando, qui a Camerano, l’Associazione Finestre Rosse – di cui sono ancora socio – e prendendo parte attiva agli spettacoli da loro organizzati. Sia come attore, sia con la giocoleria di piazza.”

Il passo successivo?

“La giocoleria durante le feste medioevali di Offagna. Mi piaceva esibirmi in pubblico, ma capivo la necessità di dovermi dotare di una istruzione artistica che mi mancava. Così decisi di frequentare la scuola presso il Teatro Stabile delle Marche di Ancona”

Bastò quella scuola per farti diventare quello che sei?

“Assolutamente no. Volevo uscire dalla provincia per pormi traguardi più ambiziosi. Frequentare una scuola di recitazione a valenza nazionale. Lasciai Camerano. Passai le selezioni per l’ammissione alla scuola teatrale Alessandra Galante Garrone di Bologna e mi traferii lì. Dove abito tutt’ora. Conclusi i due anni di quell’accademia, mi gettai convinto nel mondo dello spettacolo certo di trovare presto un lavoro. Capii subito però quanto fosse difficile muoversi in un mondo così competitivo com’è quello della recitazione”.

Le tantissime storie raccontate da attori di successo ci hanno spiegato che la gavetta è dura per tutti. Quasi un passaggio obbligato.

“Infatti. Ma non volevo perdere l’arte imparata in quegli anni di studio, così, insieme ad altri quattro miei compagni d’accademia formammo una compagnia di teatro di maschera chiamata ‘I Cani di Carta’. Girammo mezza Europa quell’estate mettendo in scena uno spettacolo ideato da noi. Tornato in Italia lavorai nello spettacolo teatrale La dodicesima notte, di Shakespeare, diretto da Gabriele Tesauri; per poi passare sotto la direzione di Massimiliano Briarava della compagnia Rev con lo spettacolo Sakura Falls. La mia formazione deve molto a questi due lavori ”.

La recitazione intensa di Paolo Cupido
La recitazione intensa di Paolo Cupido

A quel punto ti consideravi un attore completo?

“Lo sei quando hai sperimentato i vari ruoli di quel mondo. Non a caso infatti, ho deciso di dirigere spettacoli scritti da me come Monsieur Malaussene che ho tratto da un romanzo di Pennac. O di cimentarmi nella scenografia in Arte di Yasmina Reza, del regista Gianmarco Pezzoli. Nel mondo dello spettacolo non è sufficiente saper recitare, occorre sapere la composizione delle luci, dei suoni, delle immagini. In quel mondo niente e nessuno deve essere sottovalutato”.

Finché è arrivata la televisione.

“Già, la Magnolia con il programma Flight 616. Un reality che tutto ha tranne la realtà”

Pur restando sempre nell’ambito artistico, hai attraversato decine di esperienze con ruoli diversi. Ma qual è il vero amore di Paolo Cupido?

“La recitazione, senza dubbio. Dalle mie esperienze ho capito quanto sia indispensabile farsi trovare pronti quando la vita ti pone davanti delle sfide. Le mie tante esperienze mi hanno permesso di mettere insieme un bagaglio sufficiente a raccoglierle senza troppe remore”.

Fare l’attore significa viaggiare in lungo e in largo per l’Italia, non sogni mai un lavoro meno impegnativo?

“Il mio sogno sarebbe riuscire a lavorare a Camerano, la mia città. E fare la mia parte per riaprire il Teatro Maratti inutilizzato da troppo tempo. Magari riportandolo al lustro di un tempo attraverso la rassegna di nuove stagioni teatrali”.

La vedo dura. Grazie per la chiacchierata, e consoliamoci questa sera con la pigiatura dell’uva.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel Sanremo che non c’è più

E che il Covid non sia la scusa per coprire la latitanza della canzone italiana


3 marzo 2021 – Si può scrivere, perché in fondo lo penso davvero, che la prima serata del 71° Festival della canzone italiana di Sanremo non mi sia piaciuta? Facile sparare sulla Croce Rossa, certo, ma proprio non ce la faccio a trovare aggettivi “complimentosi”. E se a metà serata di un brodo allungato con cento banalità mi sono addormentato sul divano – non mi era mai successo nelle ultime cinquanta edizioni – significa che proprio non mi è piaciuto.

Direte: sei cattivo, ingeneroso, fallo tu, in questi tempi da colera, un Festival come si deve. Un Festival con le mascherine, senza pubblico, con l’obbligo del distanziamento. Anzi, di più, con l’obbligo di farlo a tutti i costi perché i conti Rai vanno messi a posto costi quel che costi.

Osservazioni sacrosante, certo; infatti, fosse dipeso da me non lo avrei fatto. Ma non è questo il punto dal mio punto di vista, sia ben chiaro. Un punto di vista del tutto personale di uno che, siccome paga obbligatoriamente un canone per accendere la Rai, si sente autorizzato a esprimere pubblicamente quel che della Rai gli piace o non gli piace. Direte: se non ti piace, cambia canale. Certo, azione possibile ma, se lo facessi, porrei fine ad una onorata carriera ormai antica di fedelissimo del Festival che in passato non ha mai saltato un’edizione. Perché troncare di netto la mia personalissima corsa verso un record: quello cioè d’ascoltatore fedele nei secoli?

Non ci sono più i Festival di Sanremo di una volta, semplicemente perché non ci sono più le canzoni di una volta, i cantanti di una volta, gli ospiti e le star di una volta. Forse, non c’è più neppure una volta, sì, quella volta là che… E qui casca l’asino, cioè io. Perché una volta non c’è mai stato il Covid di oggi… ma che non sia una scusa, però. Come non sia una scusa che non c’è più il pubblico di una volta.

Ieri sera, Fiorello (in foto a destra) non è mai stato il Fiorello di una volta e, di conseguenza, neppure Amadeus (in foto, a sinistra). Bravi per “mestiere” e nulla più. La co-conduttrice Matilda De Angelis ha fatto simpaticamente e disinvoltamente il suo; Zlatan Ibrahimović ha fatto la caricatura di Zlatan ma lo vedo meglio in pantaloncini corti e scarpette chiodate nonostante l’età; il glam rock di Achille Lauro va da sé che non mi è piaciuto (ma sono io l’asino, l’ho già detto), mentre Loredana Bertè è stata sì quella di una volta grazie al medley di successi del passato. Certo, la Bertè di una volta aveva un’altra voce ma gli anni passano per tutti mentre i successi restano.

Sulle canzoni in gara stendo un velo pietoso, lo stesso velo che si è steso sui miei occhi fino a quando non si sono chiusi portandomi da Morfeo. Finché sono riuscito a tenerli aperti, quel che hanno sentito le mie orecchie hanno fatto stridere i nervi e attanagliare le viscere. Sul palco ad esibirsi, a parte un paio d’eccezioni, non c’erano i testimonial della musica italiana d’autore bensì i più cliccati sul web. E lo sa il mondo intero: non bastano 10 milioni di like per fare di un pezzo una canzone con la C maiuscola, o di un cantante un grande interprete con una grande voce.

Era il primo ascolto quello di ieri, un ascolto per giunta assonnato. Per cui rimando altri giudizi alle successive serate, nella speranza che Morfeo si faccia i fatti suoi. Chiudo con gli ascolti di ieri. 11 milioni 176 mila, pari al 46.4% di share, i telespettatori che hanno seguito su Rai1 la prima serata del 71° Festival di Sanremo nella prima parte; la seconda parte ne ha avuti 4 milioni 212 mila con il 47.8%  Lo scorso anno, sempre nella prima serata, la prima parte aveva avuto 12 milioni 480 mila spettatori con il 51.2%, la seconda 5 milioni 697 mila con il 56.2%. Curiosissimo di vedere come andrà questa sera.

© riproduzione riservata 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi