Sole, freddo e spettacolo nel Ciclocross Ancona che ha salutato il 2016

Oltre 130 partecipanti nella prima edizione ampiamente riuscita

Ancona. Spettacolo di ciclocross nell’ultimo giorno dell’anno ad Ancona. In una giornata fredda, ma soleggiata. È mancato il fango, classico nella specialità invernale del ciclismo, ma non le emozioni date dagli oltre 130 partenti che non sono voluti mancare alla prima edizione del Cross Ancona.

Un passaggio spettacolare nel circuito dorico
Un passaggio spettacolare nel circuito dorico

Su un circuito disegnato nei prati antistanti lo Stadio del Conero e il PalaRossini, per una mattinata intera e intensa di gare dai più giovani ai più grandi. Ottima l’organizzazione del Pedale Chiaravallese e del team Ciclocross Agugliano, con in testa il factotum Emanuele Serrani. Atleti provenienti da Marche, Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Lazio.

Al via i migliori specialisti della disciplina per la soddisfazione del presidente del Comitato Regionale Fci Marche Lino Secchi, presente alla manifestazione insieme al vice presidente Massimo Romanelli e al delegato del Coni per la provincia di Ancona Luna Fabio, ma con la presenza pure del presidente del ciclismo anconetano Tania Belvederesi e del presidente del Coni regionale Germano Peschini.

L'arrivo vittorioso di Gabriele Torcianti
L’arrivo vittorioso di Gabriele Torcianti

A livello tecnico, nella gara che ha aperto la manifestazione, splendida la cavalcata solitaria del campione italiano Gabriele Torcianti, atleta della società organizzatrice Pedale Chiaravallese, che ha fatto corsa di testa sin dal primo giro dominando la competizione Allievi. Negli Open ha trionfato Stefano Valdrighi della Cicli Taddei che si imposto su Antonio Folcarelli ed Emanuele Di Giovanni. Quarto Pietro Pavoni.

Nelle società, dove ha trionfato Bikers in Liberta, da segnalare il secondo posto nella classifica a partecipazione del Pedale Chiaravallese, mentre nella graduatoria a punteggio il Pedale ha chiuso al terzo posto.

«Non possiamo che essere soddisfatti di questa prima edizione – fanno sapere gli organizzatori – Si pensa già alla prossima con l’obiettivo di crescere ulteriormente». Complimenti arrivati da tutti, partecipanti e non, per il percorso, ma anche per la data azzeccata visto che fra una settimana si disputeranno i campionati italiani e per tanti è stata la rifinitura per il tricolore.

I vincitori maschili e femminili di categoria della prima edizione del Cross Ancona

Open (Elite e under 23): Stefano Valdrighi (Cicli Taddei).

Juniores: Mario G. Di Mattia (Cerrano) e Caris Cosentino (Lu Ciclone).

Allievi: Gabriele Torcianti (Pedale Chiaravallese) e Gaia Realini (Spelt Cycling).

Esordienti. 2° anno: Lorenzo Masciarelli (Spelt Cycling) e Giorgia Negossi (Mtb Santa Marinella).

Giovanissimi. G6: Luca G. Giannandrea (Amici della Bici Junior) ed Eleonora Ciabocco (Ciclisti Junior Matelica).

Elite Sport: Leonardo Caracciolo (Sc Centro Terni).

Master 1: Pasquale Iachini (Team Rodas).

Master 2: Matteo Donati (Bikeland).

Master 3: Massimo Folcarelli (Race Mountain).

Master 4: Massimo Viozzi (New Pupilli).

Master 5: Gianni Panzarini (Drake Team Cisterna).

Master 6: Marco Gobbetti (Cicli Cingolani).

Master 7: Franco Di Vita (Avis Sassoferrato).

Master 8: Mario Giulianelli (Mondobici Fermignano).

Master Woman: Marika Passeri (Due Ponti).

Società punteggio e partecipazione: 1. Bikers in Liberta.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi