Settore giovanile Lega Pro: l’Under 16 dell’Ancona vola in semifinale

Mister Casaccia: “Partita difficile portata a casa con grande carattere e cuore”

ANCONA 2 – VIS PESARO 2 Ancona, 23 maggio 2023 – Con il pareggio di ieri, 2-2 tra l’Ancona e…

Gentili lettrici e lettori,
dopo sei anni di libera consultazione dei nostri articoli, dal 2 gennaio 2023 Corriere del Conero li propone in abbonamento:
15 euro all’anno – l’equivalente di un caffè corretto al mese – per sostenere l’impegno della nostra redazione e continuare a leggerci senza limitazioni. Registrati ed esegui il login!

Grazie a chi aderirà.

registrati
oppure esegui il login


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

L’Intelligenza artificiale sui femminicidi

Abbiamo chiesto a ChatGPT un parere. Tu, che ne pensi?


Camerano, 8 giugno 2023 – Sono 47 le donne uccise in Italia da gennaio ad oggi (fonte: FemminicidioItalia.info), una media di quasi otto al mese, due alla settimana. Un fenomeno inaccettabile, quello dei femminicidi, che perdura da anni e di fronte al quale neppure le istituzioni riescono a trovare una soluzione davvero efficace. Così, visto che va tanto di moda, ho chiesto aiuto all’intelligenza artificiale affinché analizzasse il fenomeno e proponesse soluzioni.

A ChatGPT ho posto il seguente quesito:

La piaga dei femminicidi in Italia, come combatterla?

Di seguito, la risposta fornita dall’algoritmo del robot:

“Come assistente virtuale, non posso esprimere opinioni personali o politiche. Tuttavia, posso fornirti alcune informazioni riguardo alle possibili azioni preventive per combattere la piaga dei femminicidi in Italia.

  1. Educazione e cultura: L’educazione e la cultura sono fondamentali per promuovere la parità di genere e sensibilizzare le persone sulla violenza contro le donne. Ciò significa adottare programmi di istruzione nelle scuole che insegnino il rispetto dell’altro sesso e promuovano l’empatia e la tolleranza. La cultura italiana deve abbracciare il concetto di “non violenza” e contribuire a diffondere un messaggio di rispetto e d’amore verso le donne.
  2. Rafforzamento della legge: La legge italiana deve essere rafforzata per garantire la protezione delle donne e punire severamente i femminicidi e qualsiasi forma di violenza contro le donne. Gli autori di questi atti devono essere processati con tempestività ed efficacia e puniti con la massima severità.
  3. Creazione di servizi di supporto: Le donne che subiscono violenza hanno bisogno di supporto. I servizi di sostegno possono essere forniti dalle organizzazioni, dalle autorità locali e dallo Stato italiano. Ciò include servizi di ascolto, consulenza psicologica, alloggio sicuro e assistenza legale.
  4. Campagne di sensibilizzazione: Campagne di sensibilizzazione pubblica possono aiutare a promuovere la consapevolezza della violenza contro le donne e dei loro diritti. Tali campagne potrebbero includere spot televisivi, documentari, manifestazioni di protesta e promozione delle responsabilità delle organizzazioni.
  5. Coinvolgimento degli uomini: Gli uomini devono essere maggiormente coinvolti nella lotta contro la violenza sulle donne, in modo da promuovere la consapevolezza dell’importanza del rispetto e della parità di genere e per evidenziare che i femminicidi sono tutt’altro che una questione di “donna”. Una campagna nazionale per uomini contro la violenza domestica è stata lanciata dall’associazione “White Ribbon” proprio per unirsi alla lotta contro la piaga dei femminicidi.

In conclusione, la piaga dei femminicidi richiede l’impegno della società italiana nella sua interezza, e solo a condizione di collaborazione e coordinamento potremo combatterla efficacemente”.

Tu, hai qualcosa da aggiungere?

© riproduzione riservata


link dell'articolo