LegaPro – La nave Ancona affonda abbandonata al suo destino

La società non onora il pagamento di stipendi e contributi del primo bimestre 2017

testatina-ancona-1905-palla-al-centro

Era nell’aria da giorni, ma stamattina è diventato ufficiale: l’Ancona non ha pagato stipendi e contributi del bimestre gennaio – febbraio entro la scadenza del 18 aprile. È la seconda volta consecutiva che il club non onora gli obblighi federali, ma in questa occasione non ha versato neanche un euro ai propri tesserati: a febbraio, almeno, sette stipendi e tutti i contributi erano stati saldati (ciò non impedirà il -1 in classifica).

Ma a parte la penalizzazione che, per questa scadenza, verrà inflitta nella prossima stagione (ammesso che la società si iscriva ad un campionato, ndr), è impressionante vedere la velocità con cui la nave Ancona stia colando a picco.

Gianfranco Mancini, direttore generale del nuovo corso dell'Ancona 1905
L’ex direttore generale Gianfranco Mancini, il suo interregno è durato soli pochi mesi

Poco più di tre mesi fa, alla cena di Natale, l’ex dg Mancini parlava di B in tre anni, di un progetto importante, di una casa di cristallo. Dopo quaranta giorni da quelle dichiarazioni, invece, sono arrivate le sue dimissioni per lasciare spazio a Marco Nacciarriti, già dg della Maceratese che, come prima dichiarazione, rassicurò tutti sull’avvenuto pagamento degli stipendi di novembre e dicembre (saldati in seguito grazie a parte della fidejussione di Marinelli), per poi passare a fantomatiche trattative con imprenditori calzaturieri che hanno smentito sdegnati uno ad uno.

Fino ad arrivare agli sponsor occulti che avrebbero coperto le perdite di bilancio: in questo caso non si hanno notizie di loro dimissioni – in pratica, non esiste più neanche un ufficio comunicazione – e Nacciarriti non dà più notizie di sé da un paio di settimane.

Le prime dichiarazioni in sala stampa di Marco Nacciarriti, il nuovo direttore generale dell'Us Ancona 1905
Marco Nacciarriti, il dg che ha sostituito Mancini non si fa vedere da almeno due settimane

A questo punto, dando per scontata la retrocessione, è già scattata la corsa per iscrivere la squadra alla serie D. Una possibilità che per poter essere praticata obbliga al saldo dell’ingente debito accumulato da una gestione a dir poco dissennata. Un buco nero che si sta allargando mese dopo mese e che sta assumendo i contorni di una voragine.

Ma non è tutto. L’attuale proprietà, rappresentata da Ercole Di Nicola, chiede una sostanziosa buonuscita per levare le tende, nonostante sia ormai invisa alla piazza ed aspramente contestata. In pratica, vorrebbe rientrare delle spese effettuate, che sono solo una piccola parte dei danni prodotti.

Ercole Di Nicola
Ercole Di Nicola

Alla resa dei conti, vale davvero la pena salvare quest’Ancona? Noi lo abbiamo già scritto: nel modo più assoluto, no! Un malato terminale va lasciato morire in pace, senza nessun accanimento terapeutico. Bisogna – e anche questo lo abbiamo già scritto – iniziare a lavorare per un futuro diverso, pulito e soprattutto anconetano: la città, in tutte le sue componenti, deve svegliarsi e potrebbe essere già in colpevole ritardo.

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo