La Curva Nord: salviamo questa Ancona, non serve crearne un’altra!

Nel comunicato mattutino degli ultras si auspica una serie D di assestamento

Ancona – Curva Nord ha fatto sentire la sua voce e come sempre è stata chiara: non vuole sentire parlare di fallimento e nuova ripartenza, l’Ancona è questa e va salvata. Gli ultras lo hanno comunicato attraverso una nota arrivata in redazione questa mattina, ma già lunedì avevano presenziato al tavolo di lavoro al Touring.

«Purtroppo ci siamo di nuovo dovuti occupare di questioni societarie – è l’inizio del comunicato della curva – ma quando abbiamo saputo che lunedì si sarebbe riunita l’ennesima cordata (all’Hotel Touring ndr.), abbiamo resistito e siamo andati a dire in faccia a questi imprenditori nostrani quello che pensiamo, sia per nostro conto, cioè quello degli ultras, sia per conto di quella parte di tifoseria sempre più numerosa che condivide la nostra posizione».

La curva critica aspramente l’atteggiamento degli imprenditori anconetani, Schiavoni in primis, accusati di farsi solo pubblicità su radio, giornali ed internet invece di pensare a salvare davvero l’Ancona: «In questi giorni, durante le solite passerelle mediatiche, abbiamo sentito dire che con l’attuale proprietà non si può trattare e parlare, abbiamo sentito ipotesi di fusioni fantasiose, di trasformazioni, di titoli sportivi, di fallimenti e ripartenze da zero, di buchi. Ci sono saltati in mente i fantasmi del dopo Petocchi e quindi ci siamo sentiti in dovere di dire a questi signori che noi in questo inferno ci siamo già passati e questo passaggio ci è costato una grossa fetta di tifosi che non si è più riconosciuta in questa fusione (quella con il Piano San Lazzaro di Marinelli nel 2010 ndr.)».

Già, parecchi tifosi in fondo non hanno ancora metabolizzato la caduta in Eccellenza dalla serie B di 7 anni fa e piano piano hanno abbandonato il Del Conero, probabilmente non riconoscendosi del tutto in questa società: la gestione Miani ha fatto il resto.

Gli ultras non transigono, bisogna salvare quest’Ancona e lanciano una provocazione per vedere fino a che punto gli imprenditori dorici tengano a questi colori: «Ci siamo sentiti in dovere di dire che se amano veramente i colori biancorossi e questa città, come sostengono da anni e come si legge nelle interviste, l’obiettivo non può che essere uno, salvare questa Ancona, non crearne un’altra. Abbiamo anche riconosciuto che salvare la società, per noi la sola esistente, non sarà compito facile e richiederà sacrifici, quelli che la tifoseria dorica ha già largamente affrontato nello sprofondare nel dilettantismo per 4 anni e subendo umiliazioni non consoni ad una tifoseria di un capoluogo di regione. Quindi tocca ora a questi signori rimboccarsi le maniche e dimostrare coi fatti quello che valgono, noi davanti a un progetto serio siamo pronti ad un campionato di serie D senza pretese e di assestamento, ma con questa Ancona».

E adesso? Beh, la posizione della curva non può essere ignorata. Ma allo stesso tempo non possono neanche essere ignorati i debiti e le penalizzazioni in arrivo per il prossimo campionato (proprio ieri è arrivato il deferimento per non aver pagato stipendi e contributi entro il 18 aprile).

Sergio Schiavoni, mister Imesa

L’intenzione di Schiavoni, che ha dalla sua parte due o tre imprenditori amici, è completamente opposta al volere degli ultras: lasciare l’Ancona 1905 di Miani e Di Nicola al suo destino e lavorare ad una possibile rinascita. Ma senza l’appoggio della tifoseria vale la pena?

Per far partire un progetto ci vuole unità d’intenti da tutte le parti altrimenti non c’è futuro. Salvare questa società, invece, vale la pena? La nostra posizione la conoscete già: il milione e mezzo di debiti vociferato, di cui 800 mila euro da pagare subito e da garantire con una fidejussione, le indagini federali in corso e la buonuscita richiesta dall’attuale proprietà (il finanziatore occulto della società vuole rientrare dei suoi investimenti ndr.) sono scogli troppo grandi.

Ma allo stesso tempo ripartire senza Curva Nord è impossibile. Ecco perché il calcio ad Ancona sta per scomparire. Anzi, c’è la data: il 12 luglio, quando scadranno i termini per l’iscrizione alla serie D.

 

Claudio Marconi

LA NOTA DI PAFIL

Ecco, ci risiamo. Riparte la sarabanda intorno all’Ancona calcio – anche se forse non è mai cessata in questo ultimo anno -. Danze balletti, schermaglie e passi a due, a tre, a quattro finalizzati tutti a volere il bene e il futuro di questa martoriata e bistrattata società.

Una sarabanda oscena, inaccettabile e al limite della farsa che produrrà l’unico risultato possibile: nulla! Dove il nulla sta per l’ennesimo fallimento di un progetto mai decollato e, forse, mai perseguito davvero con le giuste finalità.

Troppi gli attori di questa vicenda che recitano a soggetto, ognuno con una propria partitura slegata dal contesto degli altri. Caricature di personaggi che stonano sulla scena sia cittadina sia societaria. Battute stantie ripetute fino alla noia che ormai non divertono più. Con nessuno disposto a pagare ancora il prezzo del biglietto per assistere a questa rappresentazione dislessica e balbettante di una società allo sfascio.

Miani, Di Nicola, Schiavoni

Miani, Di Nicola, i tifosi, la città, il Comune, gli imprenditori, lo stesso Schiavoni e i suoi tanto reclamizzati amici imprenditori che forse sono disposti… ma che non dispongono affatto… Ecco, sono questi gli attori sul proscenio della commedia Ancona calcio. Mediocri, sul piano recitativo, tutti disposti ad azzannare un brandello di carne biancorossa ma solo per saziare la loro personale fame di uno spicchio di sole nel totale grigiume che li sovrasta e li avvolge.

Non servono a nessuno attori così. E probabilmente, viste le premesse, il presente e il probabile epilogo alla città dorica non serve neppure questa società. C’è stato un tempo in cui è servita. Oggi quel tempo è finito: non si può vivere solo di sogni. Non più. Basta, game over, partita chiusa. Tutti a casa.


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Speciale Festival di Sanremo: la prima serata

7/8 febbraio 2023 – Le prime 14 canzoni in gara


Sanremo, 8 febbraio 2023 – Un’apertura patriottica quella della 73esima edizione del Festival di Sanremo targata Amadeus-Gianni Morandi, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella (foto), con Roberto Benigni a rompere il ghiaccio sviscerando un pistolotto sulla Costituzione e il no alla guerra. Alle 21.20 precise, partenza ufficiale della competizione canora con l’esibizione del primo artista in gara: Anna Oxa con il pezzo Sali. Subito, a seguire, il secondo big: gIanmaria (vincitore di Sanremo Giovani), con la canzone Mostro.

Neanche il tempo di prendere il ritmo che ecco salire sul palco la prima delle co-conduttrici: Chiara Ferragni. La signora Fedez, anche qui senza perdere tempo, presenta il terzo artista in gara: Mr. Rain con Super eroi, con la complicità di un coro di bimbi, il biondo artista cattura la mia attenzione. È la volta degli ospiti vincitori della passata edizione: Mahmood & Blanco con Brividi, brano accompagnato da una sequela di premi e milioni di visualizzazioni sui social. Ma davvero il pezzo vale così tanto?

Dopo un’ora e un quarto di trasmissione arriva il quarto cantante in gara: Marco Mengoni che canta Due vite, anche lui accompagnato da oltre 60 dischi di platino e svariati milioni di like sui social. Sarà un successo. Ritmo canoro di nuovo spezzato con l’arrivo dell’ospite Elena Sofia Ricci: usare lo spazio del palco di Sanremo per promuovere la sua prossima fiction ce lo poteva anche risparmiare. Alle 22.15 la quinta cantante in gara: Ariete con Mare di guai: la sua vasca malinconica piena di squali è un po’ vuota di melodia. Segue intermezzo divertente di Gianni Morandi con le sue peggiori canzoni.

Ore 22.40, sesto big in gara: Ultimo con Alba: tanta roba, tanto cuore, in una parola, una vera canzone. Altro intermezzo spezza ritmo in esterna con Piero Pelù in Piazza Colombo che canta Gigante. Settimi in gara il duo Coma_Cose con L’addio: addio. A seguire, altro lungo intermezzo ospiti con i Pooh: l’età inizia a farsi sentire ma il talento è immenso. Alle 23.30 ottavo artista in gara: Elodie con Due: tante piume nere a svelare una gran silhouette per un pezzo che andrà molto in radio. Nude look della Ferragni (disegnato e non trasparente), per lanciare un messaggio alle donne: “non abbiate paura”. A seguire, collegamento con il rapper Salmo a bordo della Costa Smeralda. La mezzanotte viene salutata dal nono big in gara: Leo Gassmann con Terzo cuore, quello riservato all’amore.

C’è il tempo per un veloce Tg1 e l’esibizione dell’ospite Blanco con L’isola delle rose: bruttissimo lo spettacolo che offre, prendendo a calci i fiori che ornano il proscenio del teatro Ariston, se lo poteva evitare. Il pubblico in sala lo boccia in toto e spera di non rivederlo più su quel palco. Anch’io. La gara canora riprende alle 00.20 con i decimi big, i Cugini di Campagna con Lettera 22: fedeli al look e al loro repertorio pop, con un po’ meno di falsetto. Dopo la pubblicità, l’undicesimo big, Gianluca Grignani con Quando ti manca il fiato: intimistico e difficile dialogo tra padre e figlio che ha bisogno di un secondo ascolto. Dodicesimo big, Olly con Polvere: tanto Auto-Tune.

Si fa l’una dell’8 febbraio con l’esibizione dei tredicesimi big in gara, i Colla Zio con Non mi va: giovani loro, allegro il brano poco “sanremese”. A seguire, e a chiudere questa prima serata del Festival di Sanremo, la quattordicesima big, Mara Sattei con Duemila minuti: si sente la mano di Damiano dei Måneskin tra gli autori. Chiusura corale con Il mio canto libero di Lucio Battisti cantato da Gianni Morandi, il coro e il pubblico.

All’una e trenta di notte, arriva la classifica parziale della Sala Stampa di questa prima serata: 1° Marco Mengoni con Due vite; 2° Elodie con Due; 3° Coma_Cose con L’addio; 4° Ultimo con Alba; 5° Leo Gassmann con Tre cuori; 6° Mara Sattei con Duemila minuti; 7° Colla Zio con Non mi va; 8° Cugini di Campagna con Lettera 22; 9° Mr. Rain con Super eroi; 10° Gianluca Grignani con Quando ti manca il fiato; 11° Ariete con Mare di guai; 12° gIanmaria con Mostro; 13° Olly con Polvere; 14° Anna Oxa con Sali.

A quest’ora, nel dare appuntamento alla seconda serata di questa sera mercoledì 8 febbraio che presenta gli altri 14 big in gara, non mi resta che una cosa da dire al conduttore: “Amadeus, dacci un taglio!”

© riproduzione riservata


link dell'articolo