Atletica – Per Simone Barontini un doppio tricolore fantastico

Il mezzofondista anconetano vince i 1500 e gli 800: «Li dedico ai miei amici Daniele e Davide»

lintervista-barontini

Ancona. Per Simone Barontini un inizio di stagione da sogno. Due campionati italiani conquistati nel giro di due giorni. Per giunta in casa. Nella sua Ancona, in quel PalaIndoor che è la sua seconda casa. La sua palestra assieme all’Italico Conti. «Lo conosco come le mie tasche, ormai da sette anni, da quando ho iniziato a correre».

Simone Barontini, 18 anni compiuti a gennaio, ha cominciato alla grande la nuova stagione che lo vede protagonista nella nuova categoria: quella Junior Under 20.

Il mezzofondista della Sef Stamura Ancona si fascia di un doppio tricolore. Prima sui 1500 metri grazie a uno scatto bruciante, piazzato a un giro e mezzo dalla fine, con una progressione conclusiva che non ha lasciato scampo agli avversari. L’indomani bissa il successo negli 800 metri nei campionati italiani juniores e promesse che ha aperto un febbraio davvero intenso di appuntamenti tricolori nell’impianto anconetano.

A chi dedica la doppietta tricolore?

«Ai miei amici Daniele e Davide Di Claudio che hanno perso il papà da poco. Non c’erano, ma è come se ci fossero stati».

Simone Barontini in trionfo negli 800 metri. Nella foto in alto quello sui 1500
Simone Barontini in trionfo negli 800 metri. Nella foto in alto quello sui 1500

Che vittoria è stata quella dei 1500?

«Una competizione molto tattica. Siamo partiti piano, poi sono uscito ai 350 metri. Pensavo di scattare un giro dopo, ma stavo bene. Non ce l’ho fatta più a resistere visto il gran tifo. Ero al debutto in questa competizione e per questo che la gioia è doppia».

Negli 800 invece è abituato a vincere?

«Ero più tranquillo, anche se sapevo che non sarebbe stato semplice. Dovevo confrontarmi con Romani, l’atleta più temibile e che mi aveva preceduto l’anno scorso sul podio agli Europei. Era in testa fino ai 350 metri, poi ho approfittato del ritmo rallentato e sono scattato. Come nell’altra gara ho iniziato a festeggiare a 70 metri dall’arrivo, chiudendo con un tempo molto buono».

Che sensazione si prova trionfare davanti a parenti e a tanti amici?

«Fantastico, stupendo. Le vittorie per distacco mi sono servite per godermi la vittoria. Ho trovato il tempo pure di fare la linguaccia ai miei amici in curva. La vittoria in casa ha un sapore particolare, diverso dagli altri due campionati italiani vinti a Borgo Valsugana nel 2014 e l’anno scorso a Jesolo, all’aperto».

Gimbo Tamberi si complimenta con Simone Barontini
Gimbo Tamberi si complimenta con Simone Barontini

Il prossimo grande obiettivo?

«I campionati italiani assoluti il 19 febbraio sempre ad Ancona. Disputerò gli 800 metri. Difficile, contro ragazzi più grandi, ma niente è impossibile visto che gioco in casa. Gli indoor mi riescono sempre bene anche se non li preparo al massimo».

Cosa le ha detto Gianmarco Tamberi presente al PalaIndoor?

«Mi ha fatto i complimenti. Quando mi viene a vedere vinco sempre, mi porta bene. È un grande. È stato contentissimo e uno dei primi a festeggiarmi all’arrivo».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi