Argomenti per categorie

Matteo Pongiluppi in volata trionfa al Trofeo Città di Castelfidardo – Cisel

Esito al fotofinish. La combinata “Semar” della Due Giorni Marchigiana va al vincitore della prima giornata Giosuè Epis (Zalf)

Castelfidardo – Matteo Pongiluppi al fotofinish

Castelfidardo, 29 maggio 2023 – Finale mozzafiato per il secondo appuntamento della Due Giorni Marchigiana. Il Città di Castelfidardo, con un tracciato che evidenzia i velocisti, non ha deluso le attese ed ha regalato una gara intensa, veloce, combattuta come non mai.

L’arrivo in volata, dopo fughe importanti ed il gruppo sempre a controllare, è stato deciso per pochissimi centimetri. È stato necessario attendere infatti l’esito del fotofinish per assegnare la vittoria a Matteo Pongiluppi, corridore di Carpi, che con i colori della Sias Rime ottiene la sua prima vittoria stagionale nella patria della fisarmonica, su un percorso vinto sempre da grandi campioni.

Sul secondo gradino Attilio Viviani (Team Corratec) che ha corso sempre con lucidità e senza risparmiarsi. I suoi dirigenti hanno chiesto ai giudici un controllo ulteriore del fotofinish. Ma il verdetto finale non è mutato. Terzo Alessandro Motta (Biesse Carrera).

«Sapevo e speravo di poter far bene perché prediligo questi arrivi in volata. Nei 200 metri del rettilineo finale – dichiara Pongiluppi stremato all’arrivo – ho visto un “buco” e ci ho provato. Sentivo una gran gamba ed è andata bene. Per me è la prima vittoria stagionale in una gara d’alto livello e di rango internazionale. Ringrazio i compagni che hanno coperto le fughe durante un percorso molto veloce che ha valorizzato le mie doti. La dedico alla squadra ed alla mia famiglia. In modo speciale a mio padre che ieri ha compiuto gli anni». 

Il podio del Trofeo Città di Castelfidardo – Cisel

Sono stati 182,4 chilometri, corsi sulle strade fra le città di Castelfidardo Loreto e Recanati, che hanno regalato emozioni forti agli appassionati. Il primo vero caldo stagionale ha reso il tutto più difficoltoso. Prima del via ricordate le vittime dell’alluvione in Emilia-Romagna ed il ds. Stefano Martolini, scomparso nel 2022 a 41 anni per un tragico incidente su queste strade.

Dopo il primo giro vissuto a studiare il tracciato, si staccano in quindici. Fuga lunga, però sempre controllata dal gruppo, anche se Gianmarco Garofoli, tra i battistrada, tenta di fare selezione guidando a lungo la testa della corsa (al termine si piazzerà al 18° posto). A metà percorso i fuggitivi diventano 8. Ma è chiaro che la gara, quella vera, arriverà solo all’ultimo giro.

Infatti, al suono della campana dell’ultimo giro, quando mancano appena 22 chilometri al termine, tenta prima l’allungo il laziale Lolli (Aran Cucine). Subito ripreso da altri 20 uomini con la Zalf a fare l’andatura. I battistrada, poco collaborativi, guadagnano però solo una manciata di secondi.  

Tutto azzerato. Il gruppo si ricompatta negli ultimi due chilometri e regala ai tifosi presenti l’arrivo in volata mozzafiato.

 La combinata “Semar” va al vincitore di ieri Giosuè Epis (Zalf).

ORDINE D’ARRIVO

1) Matteo Pongiluppi (Sias Rime) che copre 182,4 km in 3h50,18’’ (media oraria 47,521;

2) Attilio Viviani (Team Corratec) s.t.;

3) Alessandro Motta (Biesse Carrera) s.t.;

4) Cristian Rocchetta (U.C. Trevigiani EnergiaPura) s.t.;

5) Simone Buda (Solme – Olmo) s.t.;

6) Nico Gomez Jaramillo (Hoppla’ Petroli Firenze) s.t.;

7) Andrea Biancalani (Beltrami TSA Tre Colli) s.t.;

8) Michael Minali (Campana Imballaggi Geo&Tex tre) s.t.

9) Stefan Kovar (Hrinkow Advarics Cycleang) s.t.;

10) Lorenzo Peschi (Gerenal Store-Essegibi) s.t.

 

redazionale

© riproduzione riservata