41esima Marcialonga lauretana all’ombra del Santuario

Intervista a Fabrizio Severini che ha partecipato alla 100 Km del Passatore

Loreto. La Marcialonga Lauretana, giunta quest’anno alla 41° edizione, è una delle manifestazioni podistiche di maggior rilievo della nostra regione, di sicuro una delle più longeve.

Negli anni si è corsa su varie distanze fino all’odierna mezza maratona; ha raccolto sempre un buon numero di partecipanti, con atleti di primissimo piano sia a livello regionale che nazionale.

Il folto schieramento della Podistica Loreto
Il folto schieramento della Podistica Loreto

L’organizzazione è interamente sulle “gambe” della Nuova podistica Loreto, di cui è presidente dal 2006 Giampaolo Grottini, conta 70 iscritti di cui 52 corrono a livello agonistico; la squadra femminile ha conquistato quest’anno il campionato regionale Master di Maratona alla Collemarathon.

La partenza, domenica 6 novembre, sarà all’ombra del Santuario in via Don Minzoni. La gara si snoderà su un percorso di 11 Km, con passaggio iniziale in Piazza della Madonna, discesa fino a Loreto Stazione e ritorno passando per la frazione di Villa Costantina, con l’arrivo posto sotto le splendide mura ed il bastione appena restaurati di Porta Marina.

Oltre alla gara competitiva per agonisti sono previsti percorsi per camminatori e nordikwalking rispettivamente di 4 e 6 Km sempre sullo stesso tracciato, e gare giovanili che si snoderanno all’interno del centro storico.

È prevista la presenza di circa 900 partecipanti con gruppi da tutte la regioni d’Italia.

Gianpaolo Grottini, presidente della podistica
Gianpaolo Grottini, presidente della podistica

In questa edizione sarà ricordato il nostro carissimo amico Augusto Arcangeletti scomparso di recente, socio fondatore della Podistica Loreto ed instancabile marciatore con ben 8 partecipazioni alla 100 Km del Passatore.

Ed a proposito della durissima ed affascinante corsa del Passatore che si svolge a maggio con partenza da Firenze ed arrivo a Faenza, abbiamo incontrato Fabrizio Severini, socio della Nuova podistica Loreto che ha partecipato a questa gara il maggio scorso.

Fabrizio, come ci si allena per una corsa così dura e particolare?

«Fino a cinque anni fa per me era impensabile riuscire a correre per 100 km, poi ho voluto dimostrare a me stesso che volere è potere ed ho iniziato ad allenarmi in maniera specifica iniziando a correre quasi quotidianamente; per poi effettuare una preparazione particolare per trenta settimane, correndo mediamente dagli 80 ai 120 km settimanali abbinando una corretta alimentazione e, cosa molto importante, otto ore di sonno giornaliero. Inoltre ho partecipato alle ultra maratone, ovvero corse superiori alla distanza classica di km. 42,195».

Faenza. Fabrizio Severini taglia il traguardo del "Passatore" 2016
Faenza. Fabrizio Severini taglia il traguardo del “Passatore” 2016

Cos’hai provato durante la corsa?

« Mentre corri ti passano davanti tutte le varie tappe della vita, sia personale che podistica. Ho pensato che se fossi arrivato a Faenza avrei aggiunto un importante tassello alla mia vita. Nei chilometri finali, quando sentivo che l’obiettivo era a portata di mano, ho provato emozioni indescrivibili».

I tuoi obiettivi futuri?

«L’appetito vien mangiando ed è mia intenzione riprovarci anche nel 2017, cercando di abbattere le 10 ore e 25 minuti con cui ho corso il Passatore 2016, il massimo sarebbe percorrerla sotto le 10 ore».

Appuntamento per tutti gli appassionati a domenica 6 novembre, dunque, per una suggestiva corsa all’ombra della cupola e del campanile del Santuario, un modo per uscire qualche ora dall’angoscia e dalle paure di questi giorni.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi