Argomenti per categorie

La Nef Osimo di scena mercoledì 24 ad Alba Adriatica

In terra d’Abruzzo i “senza testa” alla ricerca dei primi punti della stagione. Paolucci: “Le sconfitte non ci abbattono”

Osimo, 23 febbraio 2021 – Torna subito in campo La Nef Osimo. I ragazzi di coach Roberto Masciarelli, dopo la sconfitta nel derby contro la Sampress Loreto, aprono il girone di ritorno con la trasferta in quel di Alba Adriatica. Un test immediato per valutare i progressi della squadra contro la compagine abruzzese, neo promossa in B, attualmente a cinque punti in classifica generale.

Un avversario sicuramente interessante per i “senza testa” che sono alla ricerca dei primi punti di questo campionato e vogliono provare a risalire la china della classifica: i nuovi innesti di Giorgio Molari e Riccardo Valla permettono di dare più esperienza e profondità al roster osimano e sarà importante cercare di sfoderare una prestazione interessante.

Alessio Paolucci

«Queste sconfitte non ci stanno abbattendo – commenta Alessio PaolucciNon siamo riusciti a fare un buon campionato finora dal punto di vista della classifica, ma dobbiamo rimanere concentrati per il girone di ritorno. Il campionato non è finito e se c’è la possibilità di fare meglio l’importante è provarci sempre: quindi, per mercoledì, ci stiamo preparando e non ci siamo fermati un attimo. Siamo pronti per questa trasferta».

Alessio, classe 2003, è uno dei giovani talenti osimani che già dall’anno scorso è entrato nelle rotazioni di coach Roberto Masciarelli. «Ho avuto un piccolo problema alla spalla che si è risolto – continua Paolucci – Mi sto divertendo tantissimo e c’è un bel gruppo, quindi anche se ci sono state delle sconfitte non bisogna pensarci troppo ma pensare sempre alla partita successiva, perché siamo una squadra molto preparata e forte, quindi non ci resta che farlo vedere alle altre compagini».

Fischio d’inizio mercoledì 24 febbraio, alle ore 20.45, al Palazzetto dello Sport di Alba Adriatica. Dirigono l’incontro i signori Fabio Ercolani ed Alessio Cocco.

 

redazionale

© riproduzione riservata 

Tags: