Argomenti per categorie

Gli Allievi dell’Osimana conquistano il titolo provinciale

Mister Cesaretti: «Percorso di crescita incredibile, i ragazzi hanno dimostrato la loro forza e determinazione»

Osimo, 12 giugno 2024 – Gli Allievi dell’Osimana hanno conquistato il titolo provinciale dopo una cavalcata trionfale. Un risultato importante per il settore giovanile giallorosso che gratifica la società del lavoro svolto. Ne parliamo con mister Gabriele Cesaretti che con mister Luca Saracchini porta avanti questo gruppo.

  1. Come giudichi il percorso dei ragazzi di questa stagione?
    «I ragazzi hanno fatto un percorso di crescita incredibile sia mentale che tecnico. Soprattutto dopo la mancata qualificazione ai regionali, per via di infortuni episodi non favorevoli e un girone di ferro, i ragazzi sono stati bravi nel reagire e nel dimostrare la loro forza nel girone provinciale dove hanno tenuto la testa della classifica dall’inizio alla fine, in un girone non facile con squadre forti e competitive».
  2. Che soddisfazione avete provato nel vincere il titolo provinciale?
    «La soddisfazione è nel vedere i ragazzi esultare ed abbracciarsi dopo una partita sofferta contro un’ottima squadra ben messa in campo. Soddisfazione tra l’altro doppia, visto che a causa delle gite scolastiche, abbiamo giocato con moltissimi giocatori sotto età che hanno dimostrato il loro valore con personalità e spirito di sacrificio. Resta un po’ di rammarico perchè le gite hanno tolto ai nostri 2007, dopo un anno ad altissimi livelli la possibilità di giocarsi una finale sudata e meritata. Resta per loro la gioia di aver riportato un trofeo nella bacheca giallorossa che mancava ormai da tempo».
  3. Le aspettative per il futuro su questo gruppo?
    «Le aspettative sono quasi già realtà, perché molti di loro si sono allenati costantemente con la prima squadra e un paio di ragazzi hanno avuto già la gioia di esordire nel campionato di eccellenza. Ovviamente la speranza è che continuiamo ad avere la voglia di allenarsi e di soffrire ad ogni singolo allenamento. Ma su questo non ho dubbi perché sono tutti ragazzi educati, rispettosi e allo stesso tempo determinati nell’ottenere ciò che vogliono».
Tags: