Il Camerano Calcio smentisce le voci di fusione con l’Ancona 1905

"Nessuno ha mai parlato in società di cedere il titolo ai dorici"

Camerano – In questi giorni su alcuni media sono comparse voci che palesavano la possibilità che la società di calcio locale militante nel campionato d’Eccellenza, potesse cedere il titolo all’Ancona 1905 retrocessa dalla LegaPro alla serie D e a rischio fallimento. Un modo per far ripartire i dorici da un campionato il più vicino possibile a quello professionistico.

Con un comunicato ufficiale a firma del presidente Giuseppe Giacomelli – che pubblichiamo integralmente – la società del Camerano smentisce categoricamente simili voci e la possibilità che vi siano stati incontri di sorta fra dirigenti dei due sodalizi.

La squadra schierata del Camerano Calcio 2016-2017 che ha disputato il campionato di Eccellenza, fotografata nell’impianto di casa “Daniele Montenovo”

“Il Camerano Calcio intende replicare e smentire categoricamente, totalmente, in ogni sua virgola, tutto quanto letto ieri e oggi su numerosi organi di informazione. Il riferimento è ad un (fantomatico) incontro che qualcuno della nostra società avrebbe avuto con esponenti della Us Ancona 1905 durante questa stagione in merito ad una possibile fusione (o qualsiasi altra cosa del genere) con la società biancorossa. Tale incontro o tale dialogo non è mai avvenuto. Con tutto il rispetto per il sodalizio dorico e per tutti i suoi tifosi (come molti di noi) ci teniamo a dirlo pubblicamente, a chiare lettere e senza possibilità alcuna di smentita.

L’unica verità è che nei mesi scorsi abbiamo avuto un dialogo con l’ex dirigente Gianfranco Mancini per valutare la possibilità in futuro di accogliere presso l’impianto di Camerano, stadio “Daniele Montenovo”, alcune sedute di allenamento di una o più squadre del Settore Giovanile della Us Ancona 1905 e, di conseguenza, di stringere una collaborazione fra il nostro vivaio e quello biancorosso. Confronto che si è tenuto, grosso modo, nel mese di Gennaio. Ma di “cedere” il titolo all’Ancona (o cose simili) non ne abbiamo mai parlato con nessuno.

Il presidente del Camerano Calcio, Giuseppe Giacomelli

Ci domandiamo anche come tali invenzioni (perché di questo si tratta. Addirittura si è scritto di possibili incarichi per i nostri dirigenti in cambio di questo “matrimonio”. Siamo alla fantascienza, per quanto ci riguarda) possano essere state costruite e pubblicate senza nemmeno interpellarci preventivamente, “costringendoci” così ad emettere questo perentorio comunicato nel rispetto dei nostri tesserati, dei nostri affezionati, dei nostri partner, della nostra comunità e della nostra società.

Ci preme ricordare, infine, che il Camerano Calcio è una società che prima di tutto desidera far giocare a calcio e far divertire i ragazzi e il pubblico di Camerano. Una società che vuole offrire un servizio a tutta la comunità del nostro paese. Una missione, quest’ultima, che portiamo avanti con passione da 70 anni e che ci auguriamo di condurre per molto altro tempo ancora. A Camerano, nel nome del Camerano Calcio”.

 

Il Presidente del Camerano Calcio
GIUSEPPE GIACOMELLI


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Marchigiani: rabbia, orgoglio e dignità

Un onore appartenere a questo popolo un po’ dorico un po’ piceno


Camerano, 21 settembre 2022 – Non voglio star qui a commentare ciò che è successo nella notte fra giovedì 15 e venerdì 16 settembre 2022 nelle Marche. Né i morti di Ostra, i disastri a Sassoferrato, Pianello, Corinaldo, Cantiano, Senigallia, per citarne solo alcuni. O la reiterata piena del Misa, le responsabilità di chi doveva fare e non ha fatto. O i dispersi… Se ne è parlato e se ne sta parlando, forse anche troppo, su tutti i media social compresi.

No, non commento, sperando, finalmente, che le responsabilità di chi poteva arginare i danni e se n’è fregato saltino fuori e i colpevoli vengano puniti. Magra consolazione però di fronte ai morti, dispersi, feriti o ai rimasti senza un’abitazione.

Di fronte ad un’alluvione con conseguenze così drammatiche come quest’ultima, aspettando che la Magistratura e la Giustizia facciano il loro corso, vorrei sottolineare invece la reazione dei marchigiani. Rabbia sì, tanta, tantissima, perché gran parte dei disastri si sarebbero potuti evitare visti i precedenti del 2014. Ma anche tanto orgoglio e dignità.

Senza tante chiacchiere, senza aspettare inermi gli aiuti che comunque sono arrivati anche da mezza Italia, i marchigiani colpiti dal disastro si sono da subito rimboccati le maniche e, indossati gli stivali e agguantate le pale e le scope, si sono messi immediatamente all’opera per spalare via dal fango strade, garage, cantine e abitazioni allagate.

Mentre Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari cercavano i morti e i dispersi, tanti giovani studenti, operai, commercianti, imprenditori e liberi professionisti, uniti dallo stesso intento e tutti insieme, si sono riversati per strada cercando di salvare il salvabile. Con orgoglio e dignità. L’orgoglio e la dignità di un antico popolo di mare avvezzo a fare da sé di fronte agli accidenti della vita. Perché i marchigiani sanno da sempre come si fa a rialzare la testa, con tigna e la forza delle proprie braccia.

Ma c’è anche di più, e questo solo i marchigiani lo possono capire. Vedere gruppi di tifosi dell’Ascoli e dell’Ancona – acerrimi nemici quando si tratta di calcio giocato – lavorare fianco a fianco a Senigallia e Borgo Bicchia pale in mano, sporchi di fango e stremati dalla fatica, dà la vera misura di cosa significhi la solidarietà, l’orgoglio e la dignità di questo popolo un po’ dorico e un po’ piceno (foto, Curva Nord Ancona).

Scene particolari che ad un vecchio cronista di provincia come me fanno sentire fino in fondo, e con sincero orgoglio, il senso d’appartenenza a questa gente. Se questi sono i marchigiani, è un onore per me essere nato in questa regione. Grazie a tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno lavorato per far rialzare la testa alle mie Marche!

© riproduzione riservata


link dell'articolo