Argomenti per categorie

Riprende all’Astra A più voci con l’arcobaleno di Adriano Olivetti

Giovedì 23 settembre ore 21. La visione realizzata del manager di Ivrea a confronto con i bisogni odierni dell’impresa e del lavoro

Castelfidardo, 22 settembre 2021 – Riprende all’Astra la rassegna di teatro “A più voci” ideata da Isabella Carloni per l’Associazione Rovine Circolari in collaborazione con Regione Marche, Comune di Castelfidardo, Comune di Osimo e Amat, quest’anno dedicata alla geniale figura di Adriano Olivetti e al rapporto fra cultura e impresa nei territori.

La serata a teatro, dal titolo “Il manager e l’arcobaleno”, è preceduta da un evento di formazione nell’ottica di Business&Art – in collaborazione con Officine Soprani di Castelfidardo – a cui parteciperanno imprenditori del territorio marchigiano, articolata in un team building e un’apericena di presentazione.

Appuntamento giovedì 23 settembre alle 21.00 al teatro Astra: biglietto d’ingresso 6 euro, necessario Green pass per l’accesso in sala. Info: 335 660 34 97

Note sullo spettacolo

Adriano Olivetti, il grande imprenditore di Ivrea, é riuscito ad elevare l’impresa a vertici di efficienza e di produttività altissimi, senza rinunciare alla bellezza, alla cultura e alla relazione empatica nel luogo di lavoro e nel processo produttivo, facendo anzi, di questi aspetti, il punto di forza e l’originalità vincente del suo approccio imprenditoriale.

Da queste suggestioni si sviluppa una performance teatrale dove le parole di Olivetti si intrecciano ai temi dell’oggi, ai bisogni dell’impresa e del lavoro: l’impresa etica e il territorio come “comunità concreta” suonano infatti come strategiche alle nostre sfide contemporanee.
Il titolo “Il Manager e l’Arcobaleno” è ispirato a Tiziano Terzani e alle sue riflessioni intorno alla felicità pro-capite dopo la sua esperienza alla Olivetti.

La ricerca musicale di Paolo Bragaglia consente allo spettatore delle incursioni nel mondo della elettronica che ha conosciuto interessanti sviluppi proprio negli anni del dopoguerra.

 

redazionale

© riproduzione riservata