A otto mesi dalla chiusura Passatempo è senza scuola materna

I lavori inizieranno solo a fine maggio. Slitta la data per la realizzazione del parcheggio

Osimo – «Lunedì 29 maggio inizieranno i lavori per la messa in sicurezza della scuola dell’infanzia di Passatempo». Così martedì sera, in sede di consiglio di quartiere, il primo cittadino ha rassicurato i genitori della frazione. O meglio, ha tentato di rassicurarli. Ma non gli è andata granché bene.

Una vicenda inspiegabilmente lunga e travagliata quella che vede protagonista il plesso di via Montefanese, chiuso a sorpresa lo scorso settembre, a pochi giorni dal suono della prima campanella, per via di accorgimenti antisismici che i tecnici comunali hanno ritenuto necessari all’indomani del terremoto del 24 agosto.

Scuola materna di Passatempo, Istituto Comprensivo F.lli Trillini

Stanziati 50 mila euro allo scopo di alzare l’indice di sicurezza da 0.6 a 1, i lavori sarebbero dovuti partire a ottobre per permettere ai bambini – temporaneamente fatti migrare in un paio di aule ricavate alla bell’e meglio all’interno delle scuola primaria di via Pertini – di rientrare in classe a gennaio.

Sono passati otto mesi, nel frattempo di acqua ne è passata sotto i ponti e anche tra le mura della scuola, dove – stando alle dichiarazioni della dirigente scolastica – si è formata la muffa a causa del prolungato periodo di buio. Così, ai 50 mila euro iniziali si dovranno aggiungere quelli necessari a riparare i danni prodotti dall’incuria.

L’ordinanza comunale di trasferimento temporaneo degli alunni affissa da settembre 2016 sul cancello d’ingresso della scuola

Altra questione spinosa riguarda la realizzazione di un parcheggio nelle retrovie della scuola, il cui ingresso affaccia sulla trafficata via Montefanese.

Un progetto rimpallato per anni dalle varie amministrazioni e diventato finalmente realtà – almeno sulla carta – lo scorso novembre in sede di consiglio comunale, quando era stato approvato lo stanziamento di 150mila euro per quindici posti auto.

Ma ancora una volta le parole hanno fatto a gara – vincendo a mani basse – con i fatti. Se i cittadini speravano di vedere il parcheggio a settembre, il sindaco ieri ha spiegato che le probabilità che ciò accada sono pressoché nulle.

Prima della costruzione, infatti, si dovrà attendere la pubblicazione dell’approvazione del progetto – fissata per il prossimo lunedì – sull’albo pretorio, far trascorrere sessanta giorni per eventuali osservazioni presentate dai cittadini, e poi attendere ancora qualche giorno per le controdeduzioni da parte del Comune.

Solo allora potrà essere pubblicato il bando per la gara di appalto e, successivamente, programmare l’inizio dei lavori.

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni. non ha convinto i genitori degli alunni della scuola dell’infanzia di Passatempo

Nell’attesa si completi questo iter burocratico, non potrà essere ricavato neppure un semplice camminatoio in grado di collegare l’area che dà le spalle alla scuola con l’ingresso principale, perché un lembo del terreno agricolo acquistato dal Comune per la realizzazione del progetto non rispetta la conformità urbanistica.

«Ci siamo stancati di false promesse – hanno tuonato i genitori riuniti in comitato – Servono idee chiare e progetti a lungo termine per una frazione che sta crescendo a dismisura. La scuola non era in sicurezza e nessuno ci ha avvertiti – hanno denunciato – sono trascorsi otto mesi, ma nessun tecnico ha effettuato un sopralluogo per verificare lo stato degli interni. Pretendiamo che questo venga per lo meno effettuato prima del 29 maggio. Vogliamo conoscere l’entità dei danni!»

Qualsiasi intervento migliorativo ad un edificio datato e su due piani – condizione, quest’ultima, poco adeguata a bambini di tre anni – si rivelerebbe in ogni caso, secondo le famiglie, una soluzione solo temporanea. L’ennesimo, inutile rattoppo.

La richiesta avanzata è quindi quella di elaborare un progetto per la realizzazione di un nuovo plesso. Al momento i soldi nelle casse del Comune non ci sono, ma i genitori della frazione non demordono: «Continueremo a soffiare sul collo dell’Amministrazione. La scuola non è un regalo ma un diritto. Chi governa ha l’obbligo di assicurarci una scuola degna di questo nome».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Elezione Presidente della Repubblica, 1ª chiama

Nessun accordo: 672 schede bianche


Camerano, 24 gennaio 2022 – Partita alle ore 15.00, a Roma, la prima votazione per eleggere il quattordicesimo Capo dello Stato della Repubblica Italiana. Il numero totale degli elettori fra Deputati, Senatori compresi quelli a vita, Rappresentanti delle Regioni, è sceso da 1.009 a 1.008: alla vigilia delle votazioni è venuto a mancare il deputato di Forza Italia Vincenzo Fasano. Quorum dei due terzi, dunque, almeno per questa prima votazione, fissato a quota 672. Domani, martedì 25 gennaio la Camera eleggerà a Montecitorio, al suo posto, Rossella Sessa, sempre di Forza Italia.

La prima chiama odierna è partita all’insegna di una grande incertezza: vuoi perché i leader politici non sono stati in grado di presentare candidati ufficiali, vuoi per il clima particolare in cui si muovono i Grandi elettori dovuto alla pandemia in corso.

Proprio a causa del virus, infatti, il presidente della Camera Roberto Fico – padrone di casa – ha stravolto le procedure di voto. Ha fatto sparire lo storico catafalco coperto di drappi rossi all’interno del quale si votava da sempre, e lo ha fatto sostituire con tre moderne strutture tipo cabina elettorale rigorosamente rosse (foto).

All’interno dell’emiciclo, ha disposto che i votanti debbano essere non più di cinquanta alla volta, ovviamente oltre ai commessi in servizio, cancellando in un sol colpo quell’atmosfera che si respirava in passato fatta da un’aula stracolma, da capannelli di parlamentari che discutevano fra i banchi cercando intese improbabili dell’ultimo minuto. In più, sempre grazie al Covid, ha relegato i parlamentari risultati positivi, circa una trentina, in un seggio speciale adiacente alla Camera dei deputati, in Via della Missione, facendoli votare in modalità drive-in.

Mentre in aula si procedeva alle votazioni secondo la chiama stabilita per ordine alfabetico, all’esterno dell’emiciclo i vari leader si sono mossi con frenesia per trovare quell’accordo su un nome condiviso che fino ad oggi non sono stati in grado di trovare. Esplicativo, in tal senso, il commento dell’editorialista de La Stampa Marcello Sorgi: «Ma perché non si sono messi d’accordo prima? Hanno avuto tutto il tempo per farlo!»

Fra i più attivi, in giornata, il leader della Lega Matteo Salvini che ha avuto dapprima un colloquio con il presidente del Consiglio Mario Draghi, poi con il segretario del PD Enrico Letta, poi con il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte.

Il lungo pomeriggio elettivo si chiude a Roma con lo spoglio delle schede, terminato alle 21.05. Come da previsioni più che annunciate, le schede bianche sono state 672 (prima dell’ennesima verifica); forse un caso, ma è lo stesso numero del quorum. Niente di fatto, dunque. Tutto rimandato a domani per la seconda chiama. Fra i votati oggi, Marta Cartabia (9), Paolo Maddalena (36), Umberto Bossi (6), Sergio Mattarella (16), Berlusconi (7). Ma pure nomi come Pierferdinando Casini e Walter Veltroni, il conduttore Rai Amadeus e il giornalista Bruno Vespa, oltre all’improbabile presidente della Lazio Lotito.

© riproduzione riservata


link dell'articolo