Argomenti per categorie

Divieto d’accesso alla scuola dell’infanzia Il Gabbiano

Lo ha decretato il sindaco con un’ordinanza dopo il monitoraggio dei locali effettuato dall’Arpam

Sirolo, 18 ottobre 2019 – ieri sera, il sindaco Filippo Moschella ha decretato con un’ordinanza il divieto di accesso nella scuola dell’infanzia Il Gabbiano, immediatamente dopo aver ricevuto la nota dell’Asur Marche, emessa a seguito dei risultati del monitoraggio degli interni della struttura effettuato dall’Arpam.

Va detto, in premessa, che stiamo parlando di una scuola di recentissima costruzione, la cui inaugurazione risale al 13 settembre 2018. A convincere il primo cittadino alla chiusura della scuola, sono stati gli ultimi risultati della qualità dell’aria presente all’interno della struttura, e più precisamente di una singola aula da dove proviene un forte odore maleodorante.

Sirolo – La scuola dell’infanzia Il Gabbiano

Una prima verifica dell’Asur, risalente al febbraio 2019, aveva prodotto ben poco, tanto che l’azienda sanitaria regionale aveva consigliato di “arieggiare i locali”. Persistendo però il problema, si è proseguito con le analisi inserendo anche quelle riguardanti la Formaldeide (conosciuta anche come Formalina, ndr), e questo ha permesso di scoprire che in una sola aula la presenza di Formaldeide è pari ad un valore doppio rispetto alla normalità.

Le cause, che verranno accertate a partire dal prossimo lunedì, potrebbero essere imputabili a rivestimenti vinilici del pavimento o anche ad un solo mobile in legno presente nella stanza; al compensato pressato utilizzato per la sua costruzione o alle colle utilizzate per il suo assemblaggio. La ditta Subissati, che ha costruito la struttura, sta da sempre collaborando fattivamente con Amministrazione comunale e Asur per venire a capo del problema.

Filippo Moschella, sindaco di Sirolo

Il sindaco Moschella informa: «Per dirimere la questione, individuare cioè cosa produce la Formaldeide e procedere alla rimozione, si stimano in ordine di tempo una ventina di giorni, massimo un mese. Nel frattempo, dal prossimo lunedì i bambini verranno trasferiti nella precedente scuola dell’infanzia in Via Giulietti. La stiamo predisponendo, è ancora in buono stato c’è solo un po’ di polvere da togliere».

 

 

Tags: