Successione: come sbloccare il conto corrente del defunto

http://www.fisco7.it/
http://www.fisco7.it/

Cosa accade al conto corrente alla morte del suo titolare? Quali diritti hanno gli eredi sulle giacenze presenti? Quali sono i limiti stabiliti dalle banche per quanto riguarda le operazioni sul conto corrente del defunto?

A seguito del decesso di una persona, i suoi beni patrimoniali vengono trasferiti ai chiamati che accettano l’eredità e l’istituto di credito presso il quale il defunto aveva dei rapporti in essere provvede al “congelamento” di questi ultimi, impedendo qualsiasi transazione.

Tale congelamento permane fino a quando, da un lato, non è definitivamente stabilito chi subentrerà come erede nei diritti e negli obblighi del defunto, e dall’altro, fino a quando non viene presentata una copia della dichiarazione di successione anche all’istituto di credito (sempre che non sussistano le condizioni di esonero dall’obbligo di presentazione della dichiarazione di successione ai sensi dell’art. 28 par.7 del decreto legislativo n. 346/1990; in tal caso gli istituti di credito richiedono una dichiarazione di esonero scritta da parte di un coerede, da presentare in duplice copia, poiché la banca è tenuta a trasmetterne una copia alla sede competente dell’Agenzia delle Entrate).

Per effetto della morte del titolare del conto, infatti, si estinguono anche tutti i poteri di firma che il defunto aveva concesso a terzi quando era in vita: pertanto tutti coloro che erano stati delegati ad operare sul conto corrente non possono più effettuare operazioni su di esso.

Come viene disciplinata quindi la legittimazione degli eredi ad operare sul conto corrente del defunto? Rispondiamo a tale domanda esaminando varie casistiche.

  • Conto corrente intestato unicamente al deceduto. In questo caso gli eredi, dopo aver definitivamente accettato l’eredità, possono effettuare in piena libertà operazioni bancarie.
  • Conto corrente cointestato tra il defunto e più persone. In questo caso cade in successione solo la percentuale di denaro depositato di spettanza del Per capire se l’altro (o gli altri) cointestatario/i superstite/i possa/no o meno esigere la liquidazione intera del conto, bisogna verificare se il conto cointestato prevedeva firma congiunta o firma disgiunta:
  • nel caso di firma congiunta, il conto rimane bloccato fino all’identificazione degli eredi legittimi che agiranno sul conto, congiuntamente assieme all’intestatario rimasto in vita;
  • nel caso di firma disgiunta, invece, il cointestatario rimasto in vita potrà legittimamente operare oltre che sulla sua quota, anche su quella astrattamente riferibile al defunto (dato che non vi è la necessità di una pluralità di firme per esprimere la volontà di disporre). Va precisato, però, che tale situazione non è ben vista dalle banche, che temono di essere coinvolte in diatribe tra i coeredi e l’intestatario vivente. Proprio per questo, spesso, gli istituti di credito lasciano bloccati i conti correnti, anche se la giurisprudenza ha ribadito che, nel caso di un rapporto cointestato a firma disgiunta, potenzialmente sarebbero legittimati ad operare interamente sia il cointestatario superstite sia gli stessi eredi del
  • Conto corrente intestato al solo defunto coniugato in regime di comunione legale dei beni. Dato che cadono in comunione sia i frutti dei beni personali, sia i proventi dell’attività separata dei coniugi non consumati al momento dello scioglimento della comunione, il coniuge superstite sposato in regime di comunione legale potrà beneficiare del 50% del contenuto del conto del defunto prescindendo dagli altri eredi. La banca dunque dovrebbe consentire al coniuge la liquidazione della metà del contenuto del conto senza concorrenza con gli altri eredi, che potranno invece individuare la rispettiva quota di spettanza solo sull’importo residuo.

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi