Risparmio: come investire oggi?

RUBRICA SOLDI & FINANZA. In tempi di Quantitative Easing è davvero difficile pensare di trarre soddisfazione economica da strumenti di investimento a basso rischio come conti correnti, conti deposito e buoni postali. Chi si è recato recentemente presso la propria filiale bancaria con l’intenzione di vincolare delle somme aprendo un conto deposito ha scoperto con amarezza percentuali di interesse sulle somme investite ridicole se non prossime allo zero.

banconote-soldi-by-m-schuppich-fotolia-750

Sono davvero finiti i tempi del tasso al 3% lordo proposto dalla banca con la zucca, che fino a qualche anno fa campeggiava su giornali e spot pubblicitari garantendo a fronte di un vincolo minimo temporale sulle somme versate, percentuali di interesse notevoli.

Se ci si accontenta di aver spuntato condizioni di contratto di c/c a costo zero e si decide di lasciare tutta la liquidità sullo stesso, bisognerebbe considerare che è abitudine delle banche offrire a canone zero solo rapporti che non prevedono remunerazione sulle giacenze. E poi basta un deposito medio superiore ai 5000,00 euro per erodere il capitale accumulato: scatta infatti il fisco con l’assoggettamento all’imposta di bollo, 34,20 euro annuali per le persone fisiche e ben 100,00 euro annuali per i soggetti diversi dalle persone fisiche che vanno sottratti al saldo del conto corrente.

Qualcuno, attratto dallo zero virgola,  ricorre al metodo del “nomadismo”, cioè  aprire e chiudere il conto corrente spostando la propria liquidità da un istituto di credito a uno completamente nuovo con cadenza pressoché semestrale (le banche infatti vedono con favore l’arrivo di “denaro fresco” e premiano il nuovo correntista con tassi leggermente più alti – ma comunque per periodi limitati di tempo). Che ne valga davvero la pena?

monetine

In un periodo di vacche così magre incuriosiscono le soluzioni di investimento più sofisticate, che attraggono e sono alla portata anche dei piccoli risparmiatori.

Tuttavia, per affacciarsi al mondo delle possibilità di investimento finanziario si richiede preventivamente di affrontare una riflessione approfondita su alcuni aspetti metodologici. Di seguito alcuni spunti.

Quali sono i motivi che spingono ad investire? L’acquisto di una nuova automobile, la nascita di un figlio, una casa di proprietà? Una riserva per andare una settimana ai tropici a Natale? In che fascia temporale collocare l’investimento (breve, medio, lungo termine)? I motivi per cui si decide di investire infatti influenzano la durata dell’investimento. E’ bene considerare che tendenzialmente più lunga è la durata dell’investimento, maggiori sono le probabilità di ottenere un profitto che batta la volatilità dei mercati.

Così come maggiore è la propensione al rischio e maggiore sarà la possibilità anche di ottenere una significativa crescita del capitale, ma attenzione perché allo stesso tempo si possono subire delle perdite sul capitale investito.

Va considerato se si è attratti solo dalla possibilità di incrementare il capitale o anche dalla possibilità di ottenere un flusso reddituale aggiuntivo: le statistiche riportano che gli investitori più giovani sono solitamente concentrati ad ottenere il primo risultato, perseguendo la crescita del capitale, mentre investitori collaudati si spingono a ricercare fonti di reddito ulteriore utili a finanziare i loro impegni di spesa.

Tipicamente, per chi si avvicina alla pensione, potrebbe essere saggio ridurre il più possibile la possibilità che quanto è stato risparmiato possa essere perduto a causa delle oscillazioni del mercato. Sull’altro versante, un soggetto giovane potrebbe gradire un approccio al rischio più elevato, poiché potrebbe cambiare rotta sulla strategia di investimento scelta e modificarla completamente in ogni momento, recuperando in breve tempo eventuali perdite.

investimento-crescente-slider-980x380

Un altro aspetto da considerare è decidere quanto investire. Un buon consulente dovrebbe rispondere che è bene vincolare – rispetto ai risparmi complessivi – solo la somma di denaro che si ritiene non servirà per tutta la durata prefissata dell’investimento. Ma è altrettanto importante decidere ogni quanto investire. Esistono infatti gli strumenti ordinari che consentono di investire una somma di denaro una tantum oppure altri che permettono di ricorrere ad un investimento periodico (ad esempio i PAC, piano di accumulo): consentono versamenti periodici di piccoli importi che vanno progressivamente ad accrescere il capitale investito, senza sforzi e con la possibilità di versare quando si vuole o interrompere i versamenti senza penalità, per poi riprenderli all’occorrenza.

Fondamentale è poi conoscere i costi di gestione dell’operazione e farsi spiegare dal consulente finanziario quali sono le commissioni previste e che importi hanno: talvolta dietro a prodotti che danno una buona resa vi sono costi “occulti” che annichiliscono i risultati della gestione al punto da mettere in discussione la scelta di quello specifico prodotto finanziario.

Infine, attenzione a quella malsana abitudine dell’investitore italiano, portata alla ribalta della cronaca finanziaria recente (si pensi al dramma dei correntisti di Banca Etruria, o degli azionisti di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza), di investire tutti i propri risparmi in prodotti “garantiti” dal bancario di fiducia. La verità è che un buon investimento non può prescindere da una pianificazione attenta e soprattutto ben informata sul prodotto.

Ma ancor prima va sonoramente sconsigliato l’investimento unidirezionale. I casi di cronaca citati ne sono l’esempio: risparmiatori che hanno concentrato tutti i loro risparmi di una vita verso un’unica direzione di investimento si espongono ad un azzardo enorme.  La prima e più importante regola che deve caratterizzare ogni risparmiatore saggio, un mantra costante che non dovrebbe ammettere mai alcuna deroga è per l’appunto la differenziazione del rischio.

 

M.M.


Un commento alla notizia “Risparmio: come investire oggi?”:

  1. Aldo says:

    Banca Marche perche non la citate!!!
    La suddetta banca ha rotto tutta cristalleria depositata, è l’azionisti l’anno duvuta pagare profumatamente;è giusto?

Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi