Argomenti per categorie

Riviera artigiana: inaugurata a Numana la 36ª edizione

Dal 15 giugno all'8 settembre, viale Morelli ospita le eccellenze dell’artigianato locale, promuovendo turismo e tradizione nel cuore della Riviera del Conero

Numana, 16 giugno 2024 – Taglio del nastro a Numana per la 36esima edizione di Riviera Artigiana uno degli eventi di punta dell’estate e tra le iniziative più longeve con cui Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino mira a promuovere il territorio a partire dalle sue eccellenze, quelle tipiche locali e dell’artigianato artistico.

Dodici gli espositori del territorio, coordinati dalla Teor eventi di Giacomo Delsere, che in viale Morelli, tutte le sere dalle 18.30 alle 24.00, dal 15 giugno all’8 settembre daranno vita ad una mostra mercato in cui turisti e visitatori potranno apprezzare ed acquistare prodotti e manufatti unici.

La rassegna che di fatto apre il calendario degli eventi estivi della Riviera nasce dal connubio di arte, cultura, territorio e maestria artigiana e punta ad essere un itinerario in cui andare alla scoperta della maestria artigiana e, dunque, un veicolo di promozione turistica e territoriale.

Presenti all’inaugurazione il segretario di Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino Marco Pierpaoli e il sindaco di Numana Gianluigi Tombolini.

«Riviera Artigiana non è un semplice mercatino, ma è il risultato di una ricerca di eccellenze che escono dalle mani di maestri artigiani esperti nella lavorazione di materie prime come legno, rame, ferro battuto», spiega Pierpaoli.

«Gli artigiani sono custodi di un sapere e di una tradizione da tutelare e valorizzare perché siano trasmessi alle nuove generazioni così come si fa con la storia e la cultura. Eventi di valore come ‘Riviera Artigiana’ hanno il merito di promuovere e animare del territorio, ma anche di diffondere a quante più persone possibili i valori artigiani e della tradizione fatti di ricerca, qualità e passione. Numana e tutta la zona del Conero sono capaci di attrarre per la loro bellezza naturalistica, ma i turisti che arrivano qui, acquistando un oggetto o un prodotto tipico, riportano a casa un pezzo del territorio promuovendolo a loro volta».

Tags: