Rush finale per il referendum del 4 dicembre

Entrano nel vivo gli incontri pubblici per spiegare agli elettori le ragioni del sì e del no

Osimo. A meno di un mese dal voto referendario del 4 dicembre si fa sempre più serrata la campagna tra i due schieramenti avversi, favorevoli o contrari alla modifica della carta costituzionale. I punti nevralgici proposti dalla riforma Renzi-Boschi riguardano il superamento dell’attuale bicameralismo perfetto, l’abolizione di organi cotituzionali superflui (CNEL e province), nuove modalità circa le leggi di iniziativa popolare, la riassegnazione allo stato di competenze prima regionali, la riduzione del numero dei parlamentari e la modifica sia della composizione che delle competenze del senato, che non avrà più il potere di sfiducia nei confronti del governo.

La platea all'incontro con Diego Fusaro del 6 novembre
La platea all’incontro con Diego Fusaro del 6 novembre

Trattandosi di un referendum confermativo, gli italiani verranno chiamati alle urne per esprimere il proprio voto favorevole o contrario alla proposta di legge. In caso di vittoria del sì la riforma costituzionale entrerà in vigore, nel caso contrario, verrà invece bocciata.

Per indirizzare i cittadini a una scelta consapevole Osimo ospiterà, nei prossimi giorni, iniziative pubbliche promosse dai due fronti opposti. Ad aprire le danze di questo rush finale sarà il Movimento 5 Stelle, che domani, domenica 13 novembre, incontrerà gli elettori al Joy’s Cafè di Osimo Stazione per spiegare le ragioni del no. Ragioni difese dai grillini senza testa già lo scorso 6 novembre in occasione della visita a Osimo del filosofo torinese Diego Fusaro, il quale aveva proposto al pubblico una ricostruzione storico-filosofica circa la graduale perdita di sovranità degli stati nazionali a fronte del crescente predominio dell’economia sulla politica.

Giovedì 17 la parola passerà al coro del sì tramite un incontro che si svolgerà, a partire dalle ore 18, all’interno della sala Quattro Colonne di Palazzo Campana. Ospiti d’onore Cesare Pinelli, ordinario di diritto costituzionale presso l’Università Tor Vergata di Roma, l’Onorevole Ernesto Carbone, responsabile della Pubblica Ammistrazione all’interno della Segreteria Nazionale del PD, l’Onorevole Emanuele Lodolini. A moderare il dibattito sarà direttamente il primo cittadino Simone Pugnaloni, che si è esposto in prima persona nella campagna a favore del sì partecipando mercoledì 9 novembre a Roma all’iniziativa Basta un Sìndaco che ha coinvolto olre 900 sindaci da tutta Italia.

Il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni saluta Matteo Renzi all'incontro "Basta un sindaco"
Il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni saluta Matteo Renzi all’incontro “Basta un sindaco”

Nel frattempo l’amministrazione ha comunicato, tramite l’albo pretorio virtuale consultabile  tramite il sito del comune, l’elenco degli elettori osimani attualmente residenti all’estero sia in maniera stabile che temporanea ai quali sarà concesso di esercitare il regolare diritto di voto per corrispondenza.

Indirizzata ai cittadini che abitano in Italia o all’estero ma che toneranno nel comune di residenza in occasione del referendum, invece, la circolare inoltrata dall’ufficio territoriale del governo di Ancona ai sindaci della provincia, che illustra le agevolazioni di viaggio applicate da enti e società che gestiscono i servizi di trasporto a livello nazionale.

Nello specifico, sarà possibile prenotare biglietti ridotti – mostrando un documento di riconoscimento e la tessera elettorale – sui viaggi Trenitalia,  Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV), e poi sulle tratte via mare coperte dalla Compagnia Italiana di Navigazione e infine sui voli Alitalia. Solo per gli elettori residenti all’estero che si sposteranno in macchina non verrà applicato alcun pedaggio autostradale sia nel tragitto di andata che di ritorno. In quest’ultimo caso il viaggiatore dovrà esibire al casellante, oltre al documento personale, la tessera elettorale munita del bollo della sezione presso la quale ha votato.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Conte alla conta: cercasi quaglie pronte a saltare

Frenetico mercato di voti e politici per allungare la legislatura


Camerano, 16 gennaio 2021 – Siamo alla conta, al mercato delle vacche, al salto della quaglia, chiamatelo come volete ma, da qualunque parte lo si guardi, il frenetico mercimonio in atto in Parlamento e al Senato (foto) per raccattare i voti necessari alla sopravvivenza del Governo Conte-PD-5Stelle è davvero poco edificante e irrispettoso.

Roba da Repubblica delle banane che, seppur visto e rivisto fin dai tempi della DC e praticato da tutti i partiti politici, evoca sostantivi di segno negativo come tradimento con tutti i suoi sinonimi: infedeltà, voltafaccia, inganno, truffa…

Eh sì, perché ci sta che un politico liberamente e regolarmente eletto dai cittadini all’interno di una precisa compagine politica, durante la successiva legislatura possa cambiare idea. “Solo i morti e gli  stupidi non cambiano mai opinione” ebbe a dire già nel 1800 lo scrittore e critico statunitense James Russell Lowell. Quel che non ci sta, e che invece è avvenuto e sta avvenendo a Roma in questi giorni, è che a cambiare idea, tornare sui propri passi o cambiare radicalmente e di botto schieramento politico, siano senatori della Repubblica che lo fanno per puro tornaconto personale.

Qualcuno lo fa per soldi, altri lo fanno per garantirsi un futuro politico e per restare quanto più possibile all’interno del Palazzo, altri ancora lo fanno per consumare vendette personali. Insomma, qualunque siano le vere molle che li portano al salto della quaglia, saranno tutti concordi e accomunati da un’unica dichiarazione ufficiale: “In questi tempi così difficili, lo facciamo per senso di responsabilità; il Paese versa in gravi condizioni economiche e sociali, è nostro dovere dare una mano per uscire dalla crisi”.

Quel che è peggio, è che la Costituzione glielo permette. Nel caso di una crisi come quella attuale, prima di rimettere il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica, un Presidente del Consiglio ha il dovere di verificare se in Parlamento ci sono i numeri e le persone necessarie a garantirgli una maggioranza. Da dove arrivino quei numeri, o a quali schieramenti politici appartengano le persone, non interessa a nessuno. Non importa se a garantire i numeri sia un’accozzaglia di colori senza senso e dignità politica: gialli, rossi, verdi, azzurri, va tutto bene purché sia. Purché duri. A qualsiasi prezzo. Alla faccia delle ideologie, dei programmi elettorali, della storia e dei percorsi.

Alla faccia di quei babbei di cittadini che, votato il programma di un partito e dato mandato a una loro figura politica di fiducia affinché lo realizzi nell’arco di una legislatura, dopo un anno o due vedono questa figura cambiare idea, a volte corrente, spesso partito.

Qui, non si tratta di andare a votare a tutti i costi: se un’altra maggioranza è possibile, è corretto che il premier Conte ne prenda atto, la metta insieme e continui nel mandato. Qui, si tratta di avere in Parlamento più politici capaci, coerenti, responsabili e meno mandriani e quaglie. Come fece a suo tempo Gesù Cristo, sarebbe opportuno cacciare i mercanti dal tempio. Pardon, dal Palazzo.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi