Osimo – L’ospedale fa saltare il Consiglio comunale

Tra sabotaggi e ripicche il governo della città si sta trasformando in una farsa. E a rimetterci sono sempre i cittadini

Osimo – “Chi la fa l’aspetti!”. Sembra essere questo il leit motiv che scandisce oramai da qualche tempo le sedute all’interno della Sala Gialla di Osimo.

Tra defezioni e sabotaggi da parte dei vari schieramenti una cosa è certa: il clima politico che si respira quando ci si addentra in tematiche particolarmente calde non è affatto disteso.

Osimo - Consiglio comunale: i banchi della maggioranza Pd
Osimo – Consiglio comunale: i banchi della maggioranza Pd

Scottante – a dir poco – è la questione che riguarda la sanità cittadina e il destino dell’ospedale Ss Benvenuto e Rocco in seguito alla fusione con l’Inrca già da mesi in fase di sperimentazione.

Unico punto all’ordine del giorno della seduta consiliare appositamente indetta lo scorso 1 marzo, la tematica è stata nuovamente inserita tra gli argomenti di cui discutere nella nuova riunione che si è tenuta ieri.

A farne formale richiesta, i rappresentanti delle Liste Civiche che avevano disertato in massa lo scorso Consiglio Comunale (1 marzo), in segno di protesta contro: «una maggioranza – avevano fatto sapere i civici – che si sottomette alle condizioni imposte dal governo regionale circa le sorti del nosocomio osimano e che non mira in alcun modo ad ottenere garanzie per la sua salvaguardia».

Osimo - Consiglio comunale: I banchi vuoti delle Liste civiche nell'assemblea pubblica del 1 marzo
Osimo – Consiglio comunale: I banchi vuoti delle Liste civiche nell’assemblea pubblica del 1 marzo

La mozione presentata al Consiglio di ieri riguardava in particolare la richiesta di ristrutturazione del pronto soccorso, insieme al potenziamento di alcuni reparti tra cui quello di Ortopedia.

Al momento di trattare il punto in scaletta però, i rappresentanti del Pd, sindaco compreso, hanno abbandonato le proprie postazioni, costringendo la presidente Paola Andreoni a interrompere anzitempo la seduta per mancanza del numero legale.

«Rigettiamo la condotta irrispettosa delle Liste Civiche verso il Consiglio comunale – ha motivato il gruppo di maggioranza – Pochi giorni fa si è svolta una seduta estremamente sentita dai cittadini alla quale nessuno dei civici ha partecipato definendola una farsa. Oggi le stesse Liste presentano un ordine del giorno che ricalca tematiche identiche. La loro è una farsa».

E continua il rimbrotto: «Hanno ripresentato ulteriori o.d.g. che non hanno copertura finanziaria e che andrebbero discussi in sede di bilancio. Non prendiamoci in giro e non utilizziamo il Consiglio comunale come campo di battaglia e di propaganda elettorale».

Dura la risposta delle Liste Civiche: «La democrazia della fuga» ha commentato Dino Latini.

Dino Latini
Una foto d’archivio di Dino Latini delle Liste Civiche

«È una vergogna senza precedenti – hanno incalzato i consiglieri di minoranza – Pur di non assumersi responsabilità in nome e per conto della città preferiscono essere considerati dei vigliacchi. Il problema dell’ospedale è serio e l’attenzione va tenuta alta portando il problema alla ribalta dell’opinione pubblica anche tutti i giorni se necessario, senza ricatti né ingiustificabili ripicche».

Altrettanto severe le parole di Fabio Pasquinelli de L’altra Osimo con la Sinistra che la scorsa settimana, insieme al collega Carlo Catena, aveva formalizzato la scissione dal gruppo di maggioranza.

Fabio Pasquinelli e Carlo Catena, consiglieri de L'altra Osimo con la sinistra
Fabio Pasquinelli e Carlo Catena, consiglieri de L’altra Osimo con la sinistra, gli scissionisti

«Ad Osimo condotta Pd illegittima. La maggioranza fa mancare il numero legale in Consiglio. Oggi andate a casa, domani vi ci mandiamo noi» ha tuonato Pasquinelli tramite un post su Twitter, facendo definitivamente sfumare le speranze di un ritorno all’ovile dei secessionisti.

Tra i due fuochi i rappresentanti del Movimento 5 stelle che, pur essendo sulla carta dalla parte delle Liste Civiche, hanno criticato la mancata partecipazione alla seduta di inizio mese: «Siamo venuti a fare battaglia qui insieme a tanti cittadini – ha commentato Sara Andreoli subito dopo lo scioglimento del Consiglio – sareste dovuti venire in quell’occasione per farvi sentire insieme noi».

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

La vita con i cani è… meravigliosa!

Quattordici modi per coniugarla dal profondo dell’anima


13 gennaio 2022Piera Alessio (nella foto con la sua cagnolina Nina), torna in questo spazio “Paneburroemarmellata” (glielo cedo sempre con profonda stima, amicizia e rispetto oltre che per il suo grande cuore e la sua grande penna), per raccontarci com’è, dal suo punto di vista, la vita con i cani che lei declina e descrive in svariate sfaccettature. Un argomento solo all’apparenza scontato, che solo chi ha posseduto o possiede un cane può davvero cogliere nella sua essenza. Scrive Piera:

“La vita con i cani è strana. Diventerai, senza che nessuno te lo insegni o ti spieghi come farlo, il capo branco di un cane che sarà pronto a qualunque cosa per te non appena saprà riconoscere il tuo odore e la tua voce.

La vita con i cani è misteriosa. Sarai spiato da un Grande Fratello peloso che non perderà nessun tuo movimento, specialmente quando capirà dove sono la cucina ed il recipiente dei biscotti.

La vita con i cani è crescere. Non puoi farci niente, non puoi fermare il tempo perché quel cucciolo che hai tenuto in braccio crescerà troppo velocemente, per diventare il grande amico che ti vorrà accompagnare ovunque andrai. I cuccioli durano troppo poco.

La vita con i cani è confronto. Avrai sempre uno sguardo con il quale misurarti, affogherai senza poterti salvare nelle profondità inimmaginabili degli occhi di un cane. Dove la gente crede che non ci sia un’anima.

La vita con i cani è sincera. Non avrai bisogno di raccontar loro una bugia o delle storie inventate perché tanto, qualunque cosa tu dica loro, i cani la sanno. Sempre.

La vita con i cani è scomoda. Ti ritroverai una sera d’inverno, con la tramontana che ti graffia il viso ed il gelo che ti arriva alle ossa, a passeggiare da solo con il tuo cane che corre e scodinzola felice, incurante del vento che gli arruffa il pelo e del caldo che avete lasciato in casa.

La vita con i cani è buffa. Parlerai con un essere che non ti potrà mai rispondere e che però ascolterà ogni tua parola, con così tanta attenzione ed interesse che non ritroverai in nessun altro uomo o donna al mondo.

La vita con i cani è ritorno a casa. Nessuno come il tuo cane sarà felice di vederti ogni volta che spunterai dalla porta dalla quale ti ha visto andar via; imparerà i tuoi orari, riconoscerà il tuo passo e sarà lì ad aspettarti, anche quando sarà vecchio e stanco, saltando di gioia come se non ti vedesse da un mese. Anche se sei uscito per comprare il giornale.

La vita con i cani è rinuncia. Perderai, a poco a poco, quella porzione di divano su cui stavi tanto comodo, dove ti godevi il riposo ed il meritato relax dopo giornate faticose e noiose. E la cosa bella sarà che non ti dispiacerà affatto.

La vita con i cani è comunione. Dividerai il tuo ultimo boccone con il tuo cane, perché non potrai resistere al suo sguardo implorante che hai incrociato purtroppo per te mentre stavi cenando.

La vita con i cani è insegnamento. Sono loro che ti mostreranno, semplicemente correndo in un prato o sulla riva del mare, la bellezza di una giornata di sole e l’importanza di stupirsi – ogni volta – davanti alle cose semplici.

La vita con i cani è amore. Quello che proverai ad emulare, che proverai a restituire al tuo cane senza però riuscirci. Ma cimentarti in questa prova sarà una delle tue imprese più entusiasmanti.

La vita con i cani è un viaggio. Nessun sentiero di montagna ti sembrerà lo stesso dopo che lo avrai percorso insieme al tuo cane: ricorderai profumi, odori e colori del bosco che prima non avevi sentito o visto; proprio come succederà per il tratto di vita che farete insieme.

La vita con i cani è una parentesi. Per te è una parte della tua vita, un dolce intervallo fra mille impegni e anni da riempire di cose da fare, un breve cammino insieme ad un cane che tu ben sai, ad un certo punto, si fermerà per lasciarti andare da solo. Invece, per il tuo cane, la tua vita è tutto.

La vita con i cani è meravigliosa“.

di Piera Alessio

© riproduzione riservata


link dell'articolo