Osimo – Consiglio comunale boicottato

Nove consiglieri del Pd, i due di Energia Nuova e Sara Andreoli del M5s disertano l’aula

Osimo – Un consiglio comunale lampo, o meglio, un non consiglio comunale quello che si è svolto ieri pomeriggio tra i banchi della Sala Gialla. Giusto il tempo di fare l’appello dei presenti e poi il verdetto della presidente Paola Andreoni: «Non è stato raggiunto il numero legale richiesto dall’articolo 19 del regolamento che prevede l’intervento di almeno la metà dei consiglieri compreso il Sindaco. Dichiaro sciolta la seduta». Assenti alla riunione inaugurale del nuovo anno, oltre a Sara Andreoli del Movimento Cinque Stelle, assente per questioni personali, nove dei dieci consiglieri del Partito Democratico insieme a entrambi i consiglieri di Energia Nuova.

Una sala consigliare semideserta quella di ieri, mercoledì 4 gennaio,
Una sala consigliare semideserta quella di ieri, mercoledì 4 gennaio.

Un vero e proprio sabotaggio ai danni di una seduta con un unico punto all’ordine del giorno proposto dalle liste civiche e riguardante la realizzazione della nuova scuola dell’infanzia di Passatempo,  questione calda già oggetto di discussione nei consigli comunali del 21 novembre e del 7 dicembre. In entrambe le occasioni la maggioranza aveva espresso la contrarietà alla proposta – avanzata dal comitato dei genitori – di costruire un edificio nuovo in via Pertini, negli spazi confinanti con la primaria, che potesse sostituire l’attuale scuola – al momento chiusa a causa di interventi atti ad accrescerne la resistenza sismica – ritenuta meno sicura.

La scuola primaria di Passatempo che ospita anche i bambini dell'infanzia
La scuola primaria di Passatempo che ospita anche i bambini dell’infanzia

Un argomento che sembrava chiuso e che invece continua ad infiammare gli animi delle Liste Civiche. Dino Latini e i suoi, infatti, dopo aver fatto pervenire alle famiglie della frazione un volantino per ribadire la necessità di investire soldi a favore del futuro plesso, hanno convocato un nuovo consiglio comunale allo scopo di chiedere a sindaco e giunta di inserire nel piano triennale delle opere pubbliche la realizzazione della fatidica scuola. Un progetto – si legge nel resoconto delle Liste Civiche – messo in cantiere già dal 2007, quando l’allora amministrazione Latini aveva previsto, per la frazione, la costruzione di un polo scolastico-sportivo composto da tre edifici contigui e corrispondenti ai tre ordini di istruzione.

Dino Latini
Dino Latini, ex sindaco di Osimo

Ma Partito Democratico e Energia Nuova non ci stanno e boicottano la riunione fissata alle ore 16.30 di ieri, puntando l’indice contro l’operato della lista di minoranza: «La convocazione di questo consiglio è stato un atto dovuto per legge, a seguito della richiesta fatta da almeno un quinto dei consiglieri – ha dichiarato il gruppo di maggioranza –. Crediamo però che non sia giusto spendere soldi pubblici per un consiglio con un solo punto. Non siamo contrari a discutere nel merito la proposta che è stata comunque già affrontata ma crediamo che abbia più senso farlo in una prossima seduta, con un ordine che raggruppi più punti. I rappresentanti delle Liste Civiche finora hanno presentato oltre 80 mozioni, saturando di fatto ogni spazio disponibile per la discussione di ulteriori mozioni da qui alla fine della legislatura». Immediata la replica del Gruppo Consilare delle Liste Civiche: «Hanno fatto saltare il numero legale. La democrazia della fuga. Nessun rispetto per i residenti della frazione di Passatempo».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Covid – Ok lo screening di massa a Osimo e Castelfidardo

Organizzazione perfetta e soliti denigratori


Camerano, 24 gennaio 2021 – Al PalaBaldinelli di Osimo e al PalaOlimpia di Castelfidardo (foto) sono in corso gli screening di massa gratuiti tramite tampone antigenico rapido che rientrano nel progetto Marche Sicure messo in atto dalla Regione.

Al PalaBaldinelli, da oggi e fino a martedì 26 gennaio, oltre agli osimani possono sottoporsi allo screening i residenti di Filottrano, Agugliano, Polverigi, Santa Maria Nuova e Offagna. Al PalaOlimpia, oggi e domani, i residenti di Castelfidardo, Camerano, Numana e Sirolo.

In un Paese dove tutto si complica e niente risulta efficiente quando si tratta di dare servizi alla popolazione, va detto che sia ad Osimo sia a Castelfidardo le procedure di screening stanno procedendo senza intoppi. Meglio, in entrambe le realtà l’organizzazione, lo staff medico, gli addetti, stanno producendo un lavoro d’eccellenza.

Nonostante la massiccia adesione, e nonostante il giorno di pioggia, tutto risulta ben organizzato, non ci sono file d’attesa, il personale addetto allo screening risulta gentile, altamente professionale, con una particolare disponibilità nei confronti di anziani e bambini. E per capire quanto ciò sia rispondente alla realtà basta andare su Facebook e leggersi le centinaia di apprezzamenti, ringraziamenti e complimenti postati da altrettanti cittadini che si sono sottoposti al test.

In linea di principio, ma bisognerà aspettare il termine dello screening per avere un dato certo e attendibile, la percentuale di positivi che sta uscendo dai test si aggira intorno all’uno per mille a Castelfidardo, qualche virgola in più ad Osimo ma lo scostamento è minimo.

Particolarmente soddisfatti di questo andamento i due sindaci, Simone Pugnaloni e Roberto Ascani, che oltre ad averci messo del proprio nell’organizzazione non perdono occasione per ringraziare tutti gli artefici di questo bell’esempio di efficienza. Un’esperienza cui plaudire senza se e senza ma, che sarà propedeutica alla fase successiva della vaccinazione per tutti. Un esempio di come sia possibile far bene le cose quando il sindaco è valido e ci crede, a prescindere dalla propria appartenenza politica.

Eppure, nonostante tutto ciò, sui social c’è chi proprio non ce la fa a dare a Cesare quel che è di Cesare, a riconoscere all’avversario politico un successo, una capacità. Come nel caso di un nostro lettore che sotto l’articolo di presentazione dello screening ad Osimo ha postato: “Una bella pubblicità per il PD osimano”.

Non citerò il nome del lettore, non ne vale la pena. E dirò anche – ma lui lo sa – che Pugnaloni non raccoglie il massimo delle mie simpatie giornalistiche, ma questa è un’altra storia. In questa storia dello screening di massa, invece, riconosco al sindaco Simone Pugnaloni un gran lavoro al servizio della sua comunità e di quelle degli altri Comuni che sta ospitando al PalaBaldinelli. E sono convinto che neppure per un attimo, mentre si dava da fare per organizzarlo, abbia pensato alla sua appartenenza politica. E lo stesso vale per Roberto Ascani. Grazie sindaci!

© riproduzione riservata 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi