Le risse PD-Liste Civiche e la Plastic Free del M5S votata all’unanimità

“Anche ad Osimo servono costruttori e non distruttori che attaccano le Istituzioni”

Osimo, 20 gennaio 2021 – È un vero e proprio sfogo politico quello che il PD osimano ha diffuso oggi in una nota ufficiale. Il capogruppo Giorgio Campanari e compagni, mettendo all’indice l’opposizione aggressiva delle Liste Civiche, dichiarano: «Oggi più che mai avremmo bisogno di senso di responsabilità e collaborazione con le istituzioni cittadine, ma assistiamo, continuamente, alla volontà delle Liste Civiche di provocare la rissa politica, con atteggiamenti aggressivi e volgari che hanno l’obiettivo di attaccare l’istituzione Consiglio comunale».

Una denuncia diretta che non risparmia nomi e cognomi: «Le parolacce utilizzate più volte in diretta video dall’ex sindaco Simoncini, il vittimismo continuo della Bordoni, il mancato rispetto del regolamento e del Presidente del Consiglio, gli attacchi ai dipendenti del Comune e dell’ospedale di Osimo, sono solo alcuni dei fatti imbarazzanti accaduti nell’ultima seduta ma che, puntualmente, si verificano ormai da un po’ di tempo, con le sembianze di un attacco frontale organizzato e studiato».

Osimo – Consiglio comunale in streaming

Denunciato come Liste Civiche si muova con acrimonia nei loro confronti, il PD osimano spende parole positive nei confronti degli altri gruppi d’opposizione: «L’Amministrazione Comunale sta facendo tanto, Osimo è sempre più bella e vivibile e loro, non avendo proposte realizzabili, la buttano in rissa. Noi, invece, ci sentiamo in dovere di ringraziare le migliaia di cittadini che ogni volta si collegano in rete e seguono con piacere il Consiglio comunale in diretta, di ringraziare i colleghi del M5S, Progetto Osimo Futura e Lega che hanno rispetto del Civico Consesso, del Presidente e dei consiglieri, che collaborano e fanno quell’opposizione seria e costruttiva che serve alla nostra città».

Plastic Free Challenge

Intanto, sempre attraverso un comunicato, il Movimento 5 Stelle osimano fa sapere che la loro mozione “Plastic Free Challenge”, presentata con emendamento dell’Amministrazione, è stata accolta e approvata con voto unanime dall’intero Consiglio comunale

Presentata dalla consigliera Caterina Donia nella seduta del Consiglio comunale dello scorso 18 gennaio, affinché il Comune di Osimo aderisse all’iniziativa “Plastic Free Challenge” promossa dal Ministero dell’Ambiente ed in particolare dal Ministro Sergio Costa, la mozione mira ad eliminare la plastica usa e getta dalle sedi comunali, dagli enti o istituzioni partecipate e/o controllate e dagli Istituti scolastici, oltre ad attuare importanti campagne di sensibilizzazione ed educazione ambientale nel Comune, dirette a tutti i cittadini, imprese e commercianti per promuovere il consumo consapevole e la corretta gestione dei rifiuti.

Osimo – Caterina Donia, consigliera del M5S

«È inoltre necessario – spiegano i penta stellati osimani – porre il divieto di utilizzo dei contenitori e delle stoviglie in plastica monouso non biodegradabili in occasione di manifestazioni, sagre, fiere e mercati organizzate nel territorio comunale. Si tratta di un invito ad impegnarsi per raggiungere gli obiettivi di raccolta differenziata finalizzata al riutilizzo, al riciclaggio e al recupero delle frazioni e dei materiali che possono essere recuperati, così da ridurre in modo sensibile la quantità di rifiuti indifferenziati».

L’iniziativa parte dalla constatazione che le materie plastiche sono le principali componenti (fino all’85%) dei rifiuti che si trovano lungo le coste, nei mari e in fondo agli oceani. Si tratta di una minaccia per le specie marine e gli ecosistemi, ma anche un rischio per la salute umana, con implicazioni significative su importanti settori economici.

«Da qui la necessità di impegnare la nostra amministrazione pubblica affinché offra un esempio ai cittadini bandendo la plastica monouso», la conclusione dei 5 Stelle.

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

La vita con i cani è… meravigliosa!

Quattordici modi per coniugarla dal profondo dell’anima


13 gennaio 2022Piera Alessio (nella foto con la sua cagnolina Nina), torna in questo spazio “Paneburroemarmellata” (glielo cedo sempre con profonda stima, amicizia e rispetto oltre che per il suo grande cuore e la sua grande penna), per raccontarci com’è, dal suo punto di vista, la vita con i cani che lei declina e descrive in svariate sfaccettature. Un argomento solo all’apparenza scontato, che solo chi ha posseduto o possiede un cane può davvero cogliere nella sua essenza. Scrive Piera:

“La vita con i cani è strana. Diventerai, senza che nessuno te lo insegni o ti spieghi come farlo, il capo branco di un cane che sarà pronto a qualunque cosa per te non appena saprà riconoscere il tuo odore e la tua voce.

La vita con i cani è misteriosa. Sarai spiato da un Grande Fratello peloso che non perderà nessun tuo movimento, specialmente quando capirà dove sono la cucina ed il recipiente dei biscotti.

La vita con i cani è crescere. Non puoi farci niente, non puoi fermare il tempo perché quel cucciolo che hai tenuto in braccio crescerà troppo velocemente, per diventare il grande amico che ti vorrà accompagnare ovunque andrai. I cuccioli durano troppo poco.

La vita con i cani è confronto. Avrai sempre uno sguardo con il quale misurarti, affogherai senza poterti salvare nelle profondità inimmaginabili degli occhi di un cane. Dove la gente crede che non ci sia un’anima.

La vita con i cani è sincera. Non avrai bisogno di raccontar loro una bugia o delle storie inventate perché tanto, qualunque cosa tu dica loro, i cani la sanno. Sempre.

La vita con i cani è scomoda. Ti ritroverai una sera d’inverno, con la tramontana che ti graffia il viso ed il gelo che ti arriva alle ossa, a passeggiare da solo con il tuo cane che corre e scodinzola felice, incurante del vento che gli arruffa il pelo e del caldo che avete lasciato in casa.

La vita con i cani è buffa. Parlerai con un essere che non ti potrà mai rispondere e che però ascolterà ogni tua parola, con così tanta attenzione ed interesse che non ritroverai in nessun altro uomo o donna al mondo.

La vita con i cani è ritorno a casa. Nessuno come il tuo cane sarà felice di vederti ogni volta che spunterai dalla porta dalla quale ti ha visto andar via; imparerà i tuoi orari, riconoscerà il tuo passo e sarà lì ad aspettarti, anche quando sarà vecchio e stanco, saltando di gioia come se non ti vedesse da un mese. Anche se sei uscito per comprare il giornale.

La vita con i cani è rinuncia. Perderai, a poco a poco, quella porzione di divano su cui stavi tanto comodo, dove ti godevi il riposo ed il meritato relax dopo giornate faticose e noiose. E la cosa bella sarà che non ti dispiacerà affatto.

La vita con i cani è comunione. Dividerai il tuo ultimo boccone con il tuo cane, perché non potrai resistere al suo sguardo implorante che hai incrociato purtroppo per te mentre stavi cenando.

La vita con i cani è insegnamento. Sono loro che ti mostreranno, semplicemente correndo in un prato o sulla riva del mare, la bellezza di una giornata di sole e l’importanza di stupirsi – ogni volta – davanti alle cose semplici.

La vita con i cani è amore. Quello che proverai ad emulare, che proverai a restituire al tuo cane senza però riuscirci. Ma cimentarti in questa prova sarà una delle tue imprese più entusiasmanti.

La vita con i cani è un viaggio. Nessun sentiero di montagna ti sembrerà lo stesso dopo che lo avrai percorso insieme al tuo cane: ricorderai profumi, odori e colori del bosco che prima non avevi sentito o visto; proprio come succederà per il tratto di vita che farete insieme.

La vita con i cani è una parentesi. Per te è una parte della tua vita, un dolce intervallo fra mille impegni e anni da riempire di cose da fare, un breve cammino insieme ad un cane che tu ben sai, ad un certo punto, si fermerà per lasciarti andare da solo. Invece, per il tuo cane, la tua vita è tutto.

La vita con i cani è meravigliosa“.

di Piera Alessio

© riproduzione riservata


link dell'articolo