Argomenti per categorie

NuovaMente Camerano torna sulla vicenda della Croce Gialla

Nessuno, a parte il gruppo di minoranza, entra nel merito della vicenda: “L’associazione tace”. E il sindaco Mercante promette comunicati scritti che non scrive mai

Camerano, 19 gennaio 2022 – “La vicenda della Croce Gialla è il paradigma dell’impotenza della Amministrazione comunale di Camerano”.

Camerano – Un incontro con la Croce Gialla (foto d’archivio)

Inizia così il post pubblicato ieri pomeriggio sulla propria pagina Facebook da NuovaMente Camerano, la lista di centrodestra che compone la minoranza in Consiglio comunale, riprendendo la vicenda assurda della Croce Gialla locale. Che riassume in quattro step:

1) in data 23.07.2021 approvazione del verbale di gara ed aggiudicazione dell’affidamento in comodato d’uso dell’immobile sito in Viale Ceci n. 2 all’Associazione P.A. Croce Gialla di Camerano;

2) in data 22.09.2021 trasmissione del contratto alla Croce Gialla;

3) in data 17.11.2021 il Presidente della Croce Gialla trasmette bozza di contratto di comodato con l’indicazione di alcune modifiche da apportare;

4) “nel frattempo a seguito di un sopralluogo del servizio tecnico comunale presso l’edificio oggetto di comodato, si è evidenziato un aggravamento stato di fatto dell’immobile in parola e rilevati cedimenti strutturali tali da modificare la valutazione preliminare per la ristrutturazione del tetto, ora quantificata in complessivi € 460.000,00”.

I consiglieri di minoranza della lista NuovaMente Camerano. da sx, Sabrina Piastrellini, Lorenzo Ballarini, Francesco Marzocchi, Marinella Ippoliti (Capogruppo)

«Dopo decenni di malgoverno i nodi vengono al pettine; quante storielle dovrà ancora inventarsi il nostro Sindaco per giustificare scelte scellerate dei suoi predecessori, interessati solo a coltivare il loro orticello elettorale? – scrive NuovaMente Camerano che poi sottolinea – Assistiamo ad un gioco delle parti assurdo e il nostro Sindaco, anziché affrancarsi da vecchie logiche di potere, addossa la colpa ai cambiamenti climatici: “la secca di questa estate ha probabilmente causato l’allargamento di alcune crepe (si intende nell’asilo Ceci, vedasi dichiarazioni rilasciate alla stampa locale del 16.01.2022)».

Di fatto, stando così le cose, la Croce Gialla non si sposterà da dov’è e non andrà dove lo scorso luglio i predecessori e compagni di viaggio del sindaco Mercante avevano deciso che andasse.

«Ce la dica tutta Sindaco, e abbia un moto di dignità – insiste NuovaMente Camerano – Asseveri la triste ma palese realtà: i problemi in quell’edificio ci sono sempre stati, ma bisognava dare un segnale ai Militi in vista della campagna elettorale. Questi sono giochetti che potrebbero costar cari al nostro Comune, visto che sono state generate legittime aspettative in capo all’ente aggiudicatario, a cui non si dà seguito per superficialità e pressapochismo dell’Amministrazione, che ha indetto un bando senza neanche accertare lo stato del fabbricato da attribuire in comodato all’aggiudicatario. Non è sostenibile che quello che era fattibile a luglio diventa antieconomico ad ottobre».

Oriano Mercante, sindaco di Camerano

Sospesa nell’aria resta una domanda: se l’opposizione non avesse sollevato il problema con l’interrogazione presentata al Consiglio comunale del 21 dicembre scorso, quando l’Amministrazione comunale si sarebbe degnata di comunicare all’aggiudicatario lo svincolo dall’impegno assunto?

Nel frattempo, la Croce Gialla tace. «Forse ha rimpianti per aver ceduto al canto delle sirene o è ancora frastornata per il benservito che le ha assicurato l’Amministrazione – conclude NuovaMente Camerano – I tanti volontari e sostenitori della storica e benemerita associazione attendono una adeguata reazione e anche noi – modesta opposizione – che ci siamo spesi per far luce su questa grigia e triste storia».

Il sindaco Oriano Mercante per logica, per opportunità politica, per rispetto dell’Istituzione e dei propri concittadini, dovrebbe quantomeno replicare con un comunicato dove spiega gli intendimenti dell’Amministrazione e le azioni previste per risolvere la spinosa questione della Croce Gialla. Un comunicato scritto, dal momento che a voce non parla con i giornali (o meglio, parla solo con quelli che gli fanno comodo). Uno di quei comunicati scritti che dall’alto della sua supponenza continua a promettere ma che non emette e non invia mai.

© riproduzione riservata

Tags: