Argomenti per categorie

Approvata la legge per la valorizzazione dei carnevali storici delle Marche

Andrea Assenti (FDI): «Sostenere i carnevali storici delle Marche per accrescere l’appeal turistico regionale e per preservare le nostre tradizioni»

Ancona, 9 luglio 2024 – «Sostenere a fini turistici e per valorizzare le nostre tradizioni, i carnevali storici delle Marche. Questi due concetti sono alla base della Legge regionale ad hoc approvata nella seduta odierna del Consiglio regionale. I carnevali storici vengono riconosciuti quale espressione del patrimonio storico e culturale della comunità marchigiana, nonché quale strumento di valorizzazione del territorio anche in chiave turistica, aggregativa e di inclusione sociale.

Andrea Assenti

Nelle attività di promozione e valorizzazione vengono indicate le finalità di conservare e diffondere la conoscenza della memoria storica e le tradizioni culturali del territorio; sostenere la ricerca storica e culturale legata alle manifestazioni carnevalesche per salvaguardarne i caratteri peculiari; favorire l’aggregazione sociale anche attraverso la valorizzazione del ruolo del volontariato e dell’associazionismo; sviluppare il turismo e animare i centri storici delle località in cui si svolgono le manifestazioni carnevalesche.

Inoltre la Regione promuove e sostiene il coordinamento delle campagne promozionali delle manifestazioni carnevalesche anche allo scopo di creare iniziative di rete tra i luoghi della cultura dei carnevali storici e il coinvolgimento e la sensibilizzazione delle giovani generazioni, anche attraverso le istituzioni scolastiche del territorio. Viene istituito un elenco regionale dei carnevali storici al quale possono essere iscritti i carnevali storici, vale a dire le manifestazioni che si sono svolte per almeno trenta anni nei quaranta anni precedenti la data di presentazione della domanda.

Spetterà alla Giunta regionale individuare gli interventi a sostegno, i criteri e le modalità per la concessione dei contributi finanziari con particolare riguardo a: rilevanza storico-culturale del carnevale; capacità della manifestazione di ampliare la partecipazione delle comunità locali e potenziare l’integrazione con il territorio di riferimento; valorizzazione delle competenze artigianali del territorio; capacità di accrescere l’attrattività del territorio di riferimento anche a fini turistici; attività collaterali di studio e ricerca anche mediante allestimento di spazi per la documentazione aperti al pubblico; innovazione e sostenibilità delle proposte progettuali e organizzative della manifestazione e delle attività correlate.

Per quel che riguarda i fondi messi a disposizione, questi ammontano a 100mila euro per il 2024, 150mila euro per il 2025 e 50mila euro per il 2026».

Questo il commento del consigliere del gruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale delle Marche, Andrea Assenti, relatore di maggioranza della Legge regionale.

Tags: