Valmusone, per l’artigianato uno scenario ancora in chiaroscuro

Confartigianato: “timida crescita per il manifatturiero, da qui si deve ripartire”

Osimo, 23 novembre 2018 – Valmusone, uno scenario ancora in chiaroscuro per l’artigianato. Il terzo trimestre si è chiuso con 31 iscrizioni d’attività e altrettante cessazioni. Tra i settori, per il manifatturiero si conferma una timida crescita, in difficoltà le costruzioni.

«Lo scenario è ancora complesso – dichiara Paolo Picchio responsabile territoriale Confartigianato – nel 2017  il saldo tra  aperture e cessazioni era positivo di 5 unità, quest’anno siamo a zero, il numero complessivo delle imprese artigiane è calato di 8 unità rispetto al 2017».

Paolo Picchio, responsabile territoriale Confartigianato

Un segnale confortante può essere rintracciato in quel modesto aumento nel settore manifatturiero, che rimane il motore trainante del nostro territorio.

Basti ricordare la ricchezza di specializzazioni che vanta questo nostro distretto plurisettoriale, per comprendere come la ripresa economica della Valmusone debba passare per forza da un recupero di dinamismo nella manifattura (meccanica di produzione, elettronica, infissi, arredi, moda, hi-tech).

In questa prospettiva l’ingresso nelle aziende di nuove leve di giovani con  competenze digitali e creatività  risulta determinante e di conseguenza lo è anche il rapporto di collaborazione con Istituti superiori e Università.

David Coppari, presidente territoriale Confartigianato

«Per innovare e competere sul mercato globalizzato bisogna fare investimenti – dichiara David Coppari presidente territoriale Confartigianato – purtroppo le nostre imprese hanno la propria marginalità erosa da una pressione fiscale eccessiva, da costi di gestione molto alti, da una burocrazia che rende complicata e onerosa ogni procedura con una serie di adempimenti inutili, oltretutto costosi in termini di tempo e denaro.

Chiediamo pertanto alle Istituzioni di pensare in termini di area vasta, di fare sistema e di intensificare l’impegno  e le azioni in difesa del tessuto economico di questo nostro territorio, che storicamente pone le sue radici sulla forza della micro e piccola impresa e sull’economia reale».

 

redazionale

 


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Ancona e i perseguitati politici antifascisti

Ricostituita nelle Marche l’ANPPIA memoria storica con presidente Gianluca Quacquarini


Camerano, 26 gennaio 2023 – Arriva una nota in redazione a firma Gianluca Quacquarini consigliere comunale dorico in orbita Articolo Uno, già iscritto al M5 stelle e ancora prima nel PD: “Ricostituita ad Ancona l’ANPPIA, Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, ed io sono stato eletto presidente di questa ricostituita federazione”.

Lì per lì, ignorando del tutto l’esistenza di questa Associazione, sono stato assalito dallo sgomento. Ma come, nel 2023 stiamo ancora a parlare di perseguitati politici antifascisti? In oltre vent’anni di mestiere, dal 2000 ad oggi, non ne ho mai incontrato uno. A cosa diavolo serve ricostituire una simile associazione? E ancora, a cosa diavolo serve essere degli anti qualcosa se quel qualcosa è finito nel 1946?

Gianluca Quacquarini

Mio nonno poteva essere un antifascista, dal momento che fu mandato al fronte nella Prima Guerra Mondiale (1915-1918) come un ‘ragazzo del ‘99” (nati nel 1899). E dunque testimone adulto dell’era fascista (1919-1943). Mio padre poteva essere un antifascista, dal momento che vide la luce nel 1928, alla caduta del regime di Mussolini aveva 15 anni e dunque sapeva cosa significasse esserlo. Un pensiero reso concreto dal fatto che per tutta la vita mio padre tenne nel cassetto del comodino in camera da letto la tessera del PCI, anche quando il PCI non esisteva più.

Loro sì, ma io? E con me tutti quelli della mia età o più giovani come appunto Quacquarini… Per me e per loro che senso ha, oggi, parlare di perseguitati politici antifascisti? Nessuno, ma rispondo solo per me. Per il semplice motivo che sono cresciuto in un’epoca in cui questi perseguitati semplicemente non esistevano. Appartenevano ad un passato per me remoto. Occhio però a giudicare, perché da quando ho iniziato a capire la storia ho sempre condannato il regime di Mussolini, e conosciuto a fondo la storia dei perseguitati politici antifascisti, da Sandro Pertini in testa e soci illustri, suoi compagni di lotta.

Così, sempre per capire, ho fatto qualche ricerca e finalmente ho capito. L’ANPPIA, che ha sede a Roma sin dal 1946, ha uno Statuto, un Comitato esecutivo con tanto di Revisori dei conti e un Collegio dei Probiviri; edita un giornale bimestrale: L’antifascista, fondato guarda tu proprio da Sandro Pertini, e ha sempre dedicato molta parte delle sue energie alla ricerca e diffusione della conoscenza della storia dell’Antifascismo e dei suoi protagonisti, attraverso pubblicazioni, convegni, mostre, attività nelle scuole e molto altro.

Quel che vale per la Shoah, dunque, vale anche per l’ANPPIA: la memoria storica è importante, mai dimenticare quei perseguitati dal fascismo che hanno fatto la galera e subìto l’esilio – in alcuni casi pagando con la propria vita – per costruire l’Italia democratica, liberale e repubblicana di oggi.

Dunque, il senso di questa ricostituzione sta tutto qui: ricordare la storia per non dimenticare, un monito affinché non si ripetano più certe storture del passato, assolutiste e sanguinarie. Del passato, però! Perché oggi proprio grazie a quegli eroi certe reminiscenze sono state cancellate, non ci appartengono più. E certi gruppetti nostalgici lasciano il tempo che trovano e non vale neppure la pena citarli.  Meglio così, per un attimo avevo pensato che mi fosse sfuggito qualcosa!

© riproduzione riservata


link dell'articolo