Porto Recanati celebra il mitico Brodetto

Il clou domenica 17 giugno in Piazza Bracondi con le proposte degli chef Scalmazzi, Giorgini e Cipriani

Porto Recanati, 12 giugno 2018 – Il piatto più famoso della bella città marinara, verrà celebrato domenica 17 giugno dalle 17 fino a tarda sera in Piazza Bracondi allestita con tutti i crismi di una elegante serata di gala.

Nel  frattempo, in questi giorni, sarà possibile gustare il vero Brodetto di Porto Recanati nei tanti ristoranti che hanno aderito all’iniziativa. Che vuole elevare e divulgare questa storica ricetta e legare ad essa il mare, l’entroterra marchigiano, la cultura, il turismo ed il vino.

Un’iniziativa fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale che sostiene e dà risonanza agli attori di questa bella avventura, presentata venerdì scorso nella sala della Pinacoteca al cospetto di tanta stampa e gente interessata. Dopo il saluto del sindaco Roberto Mozzicafreddo e della vice Rosalba Ubaldi, entrambi ottimi gourmet, l’assessore Angelica Sabbatini ha dato il via ad un vero e proprio spettacolo introducendo Marco Pacella, memoria storica della città.

Pacella ha raccontato che il Brodetto di Porto Recanati non è nato dalla mente di un pescatore ma da quella di un cuoco imprenditore di nome Giovanni Velluti, patron del ristorante Il Grottino nel secolo scorso. Ha spiegato che è l’unico brodetto marchigiano senza il pomodoro ma con la zafferanella o zafferano selvatico che lo rende, appunto, dorato.

A seguire la parola è andata ai tre cuochi che saranno i protagonisti della  festa la prossima domenica: German Scalmazzi del ristorante Chalet La Rotonda 1962, Fabio Giorgini del ristorante Fabietto e Fabio Cipriani del Giannino.

German Scalmazzi ha spiegato come il progetto nasca dall’amicizia che lega i tre chef, e dalla voglia di alzare il livello della cucina dentro i locali della città. Giorgini ha elencato tutti i pesci che servono per fare un vero brodetto, e che vanno scelti in base alla stagionalità. Cipriani ha illustrato la ricetta.

A loro supporto è intervenuta la Coldiretti della provincia di Macerata con il suo esperto di zafferano, coltivato nelle colline marchigiane di Camerino. Per il brodetto ci vuole un olio che sia delicato e non coprente. I tre cuochi hanno scelto la monocultivar orbetana di Laura Annibaldi.

A chiudere la ‘ricetta’ il vino, nelle vesti di Cesare Padula, responsabile AIS della provincia. Un altro viaggio, stavolta dentro il Verdicchio e le sue tante sfaccettature fra vigna, enologia e scelte aziendali. Le cantine che stapperanno le loro bottiglie sono Moncaro, Fattoria San Lorenzo e Sabbionare.

In conclusione, Angelo Serri, patron di Tipicità, ormai diventata una fiera internazionale di tutte quelle nostrane, e che ha sposato la mission brodetto inserendolo come sede di tappa nel Gran Tour delle Marche.

La ricetta tradizionale

Prevede, nell’ordine di cottura, seppie, palombo, razza, gattuccio, scorfano, tracina, coda di rospo, triglie, mazzancolla, scampi, pesce prete, panocchie, cefali, San Pietro, granchi e gallinella.

Si mette a bagno in acqua tiepida lo zafferano in pistilli e si fanno cucinare le seppie tagliate grossolanamente in olio e cipolla bianca sminuzzata, e via via si aggiungono i pesci che devono cucinare a fiamma molto bassa. Alla fine, lo zafferano.

Porto Recanati aspetta tanti buongustai domenica 17 giugno in Piazza Bracondi, con l’offerta strepitosa di un brodetto con la B maiuscola.

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Femminicidio e violenza di genere

104 le vittime in Italia nel 2022. Quattro nelle Marche


Camerano, 2 dicembre 2022 – “Il Rapporto annuale sulla violenza di genere rappresenta uno strumento necessario dal quale partire per affrontare un fenomeno sempre più complesso. I numeri sono il primo strumento per comprendere la portata di un fenomeno che, purtroppo, non accenna a rallentare”. Lo ha detto il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli sottolineando la valenza del Report annuale sulla violenza di genere nelle Marche per il 2021

Sono 104 le vittime in Italia nel 2022. Numeri spaventosi di vite spezzate, che coinvolgono anche il presente e il futuro di centinaia di minori. In due anni, si contano infatti 169 orfani per femminicidio, un terzo dei quali rimasto orfano anche del padre“, ha evidenziato Acquaroli.

(foto: Ikon Images / AGF – Copyright: Gary Waters)

Un fenomeno, quello della violenza di genere, che non accenna a rallentare e che si manifesta sotto moltissime forme, di cui l’omicidio resta la più ingiustificabile e orrenda punta dell’iceberg: violenza fisica, violenza psicologica, violenza sessuale, violenza economica, molestie e stalking, revenge porn, fino ad arrivare alle violenze legate a tratta e sfruttamento, stupro di guerra, mutilazioni.

Nel 2021, nelle Marche, si sono rivolte ai Centri Anti-Violenza 663 utenti (il 91% delle quali risulta essere un nuovo accesso). Ben 180 in più dell’anno precedente. Nel 2020 erano 483. Nel 2019 erano 471. Sono quattro le vittime che nelle Marche hanno perso efferatamente la vita nel corso del 2022.

Al di là dei numeri, comunque e sempre inaccettabili, che registrano un malessere in certi maschietti fatto di mancanza di rispetto, incapacità nell’accettare i ruoli, limiti culturali profondi e, in qualche caso, addirittura disprezzo per l’altro, sul fronte dei femminicidi resta ancora parecchia strada da percorrere: da parte delle istituzioni, delle forze dell’ordine, delle associazioni di categoria, della scuola.

Non è semplice, e non è detto che si arrivi davvero ad eliminare il problema. Troppo diffuso il fenomeno, troppo complicati certi rapporti interpersonali, troppo poche le forze dell’ordine messe in campo per affrontarlo. Questo però non significa che non si debba fare di tutto e di più per limitarlo quanto più possibile.

Ai maschietti, a certi maschietti, dico che se ne devono fare una ragione: una donna, la tua donna, non è una tua proprietà. Non puoi essere tu a scegliere – a pretendere – quel che deve fare, quello che può dire, come si deve vestire, chi frequentare, come vivere. Ma, peggio ancora, non puoi pretendere – pena l’eliminazione – che debba amare sempre e solo te. Tu maschietto, devi sapertelo guadagnare il rispetto e l’amore di una donna (vale per entrambi), e c’è un solo modo a tua disposizione per non riuscirci mai e fallire: dare per scontato che tu sei Dio. Mentre, in realtà, sei solo un piccolo uomo incapace di relazionarti con le sconfitte che la vita ti pone di fronte continuamente.

Chiudo con le parole pronunciate a Fano il 25 novembre scorso da Ignazio La Russa, attuale presidente del Senato: “Per arginare questo fenomeno serve un atto culturale. La società veramente pretende che il rispetto di una donna non abbia eccezioni. Un reato commesso nei confronti di una donna, perché ella è una donna, è un abominio nel senso vero del termine. Non bisogna offrire alibi, non bisogna mai offrire vie di fuga. Quando si uccide una donna, bisogna dire è stata uccisa senza ragione una donna, cominciamo a dire questo e avremo fatto un passo avanti”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo