Ancona – XIX edizione de La Notte Bianca del centro

sabato 23 settembre: tutto il programma

AnconaAnche quest’anno, la Notte Bianca di Ancona si presenta come una grande kermesse che ha visto fianco a fianco nell’organizzazione il Comune e gli operatori commerciali, attraverso le rispettive associazioni di categoria.

Ancona – Notte bianca (foto di repertorio)

Spettacoli musicali, incontri, mostre, presentazioni, dj-set, sfilate animeranno il centro della città. Grande attenzione posta alla sicurezza, con l’area transennata e presidiata presso i 10 punti di accesso (varchi mobili), e con una sessantina di persone addette tra personale del Comune e volontari,  cui si aggiungono le pattuglie delle forze dell’ordine, gli equipaggi del servizio V.A.B. (vigilanza antincendio)  e i mezzi di soccorso sanitario.

Qui di seguito il palinsesto al quale si affiancheranno iniziative dei singoli operatori commerciali.

PIAZZA ROMA  dalle ore 21:30

Concerto dei gruppi musicali emergenti della sala prove/registrazioni comunale “Officina Ancona Musica”

– La chance su Marte ( Pop rock indie)

– I Pazienti di Diana (Pop rock internazionale)

– Paro Paro  (band divertente con classici Internazionali tradotti paro paro in italiano)

– Vintage Voltage (Rock anni 70 cover band)

Anonymous (Alternative Rock cover band)

Ancona, Piazza del Plebiscito

PIAZZA DEL PLEBISCITO

Il programma di piazza del Plebiscito è curato dagli operatori della piazza, coordinati dal Confartigianato, e in accordo con il Comune.  Il programma si sviluppa a partire dalle 20,00 con la mostra all’ Atelier Arco Amoroso “Le mani del sapere”, che resterà aperta fino alle 00,00 e musica dal vivo. Dalle ore 21,30 in programma i concerti dei  Bluesberry´s field (blues) e gli Yellow beat  (cover band dei Beatles).

Dalle ore 23:30 si esibiranno sul palco a rotazione dj anconetani (Alex T./A.Paladini/Stritti) che proporranno musica dance/pop/happy accompagnati dallo speaker Alex L.

PIAZZA PERTINI

Il programma di piazza Pertini, a cura di Confartigianato, mette assieme gli operatori della piazza e gli organizzatori del mercatino dell’antiquariato.

“LA NOTTE VINTAGE DI PIAZZA PERTINI dalle ore 19:30 alle ore 01:00

– Mostra mercato di artigianato artistico,

– collezionismo e antiquariato

– stand enogastronomici

– intrattenimento musicale con gruppi dal vivo

Ancona – Teatro delle Muse (foto di repertorio)

PIAZZA DELLA REPUBBLICA 

Con la Confcommercio, la tradizionale finale di Ankongrafica della competizione Miss Conero nella suggestiva location di fronte al Teatro delle Muse. Lo spettacolo – che alternerà le sfilate a momenti di danza – avrà inizio alle 21,30 e si protrarrà per circa due ore.  Parteciperanno una ventina di ragazze selezionate provenienti dal territorio regionale,  approdate in finale.

ARCO DI TRAIANO 

Serata  variegata a partire dalle ore 19,00 che alterna momenti di cultura, danza, musica, sport e comicità. Il programma:

19.00 Opening Event

19.30 – 20.00 Visita guidata all’Arco di Traiano ed al suo Porto

20.00-21.00 Presentazione della nuova squadra dell’Ancona

21.00-22.30 Rana &… spettacolo comico, dialetto e barzellette

22.00 -24.00 JuJube 70/80 con L. Mariselli & A. Mariani djs

24.00-01.00 KASINO LATINO – balli di gruppo e reggaeton

01.00 a chiusura RADIO STUDIO + djs & voice

diretta nazionale per tutta la notte dall’Arco di Traiano

dalle 23.00, inoltre:

– Afro&Afro Remember

– Marzio Dj_Neo Dj

– Powered by AFRO REMEMBER REUNION

MUSEO DELLA CITTA’ 

Il Museo della città ospita, alle 18 e fino alle 23, la straordinaria presentazione di Oculus, progetto finanziato dalla Cariverona e seguito nel corso dell’anno dal Sistema Museale che dota il Museo di una serie di visori che permettono ai visitatori di immergersi virtualmente nella storia della città.

PINACOTECA 

Per la Notte Bianca, visita guidata gratuita alla mostra Tiziano & Tiziano due capolavori a confronto, a cura delle Macchine Celibi, con guida per una notte l’assessore alla Cultura, Paolo Marasca. Consigliabile la prenotazione. Doppia visita,  alle 21 e alle 22.

CHIESA DEL GESU’

Apertura straordinaria a cura del FAI- Fondo Ambiente Italiano,  dalle ore 19 alle ore 23

 LIBRERIA FELTRINELLI

Presentazione del  libro di Màlleus   “Scriptorium. Calma la tua mente con l’arte della calligrafia.” Mondadori.

Il  COMUNE RICORDA CHE:

– dalle ore 20.00 alle ore 06.00 è vietato vendere per asporto bevande di qualsiasi genere in contenitori di vetro;

  • – dalle ore 20.00 alle ore 06.00 è vietato circolare e stazionare su suolo pubblico detenendo a qualsiasi       titolo contenitori di vetro, e non trasportate in contenitori sigillati e confezionati all’origine;
  • – è vietato abbandonare contenitori di vetro sulla pubblica via;
  • – agli esercizi commerciali è fatto divieto di vendita di bevande alcooliche dalle 22.00 alle ore 07.00 del       giorno seguente;
  • – agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande è fatto divieto di vendita di bevande alcooliche     dalle ore 22.00 alle ore 07.00 del giorno seguente;
  • – agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande è fatto divieto di somministrazione di bevande     alcooliche dalle ore 01.00 alle ore 05.00 del giorno seguente;
  • – durante questo periodo la somministrazione è comunque consentita esclusivamente in concomitanza al   consumo di pasti con servizio al tavolo.

 

redazionale

 

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

“Perché noi siamo amore…”

Giornata di San Valentino 2021


Camerano, 14 febbraio 2021 – Facciamo un po’ di storia sulla festa degli innamorati senza arrivare a scomodare l’antica Roma dei Cesari. La leggenda narra che il santo avrebbe donato a una fanciulla povera una somma di denaro necessaria come dote per il suo sposalizio, che, senza di questa, non si sarebbe potuto celebrare, esponendo la ragazza priva di mezzi e di altro sostegno al rischio della perdizione. Il generoso dono – frutto di amore e finalizzato all’amore – avrebbe creato la tradizione di considerare il santo vescovo Valentino come il protettore degli innamorati.

La più antica Valentina di cui sia rimasta traccia risale al XV secolo e fu scritta da Carlo d’Orléans, all’epoca detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge a sua moglie (la seconda, Bonne di Armagnac) con le parole: Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée… (Sono già malato d’amore, mia dolcissima Valentina).

Inoltre, alla metà di febbraio si riscontrano i primi segni di risveglio della natura; nel Medioevo, soprattutto in Francia e Inghilterra, si riteneva che in quella data cominciasse l’accoppiamento degli uccelli, quindi l’evento si prestava a essere considerato la festa degli innamorati.[

A dare impulso alla festa, soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, è stato lo scambio di valentine, bigliettini d’amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore romantico: la colomba, l’immagine di Cupido con arco e frecce… (nella foto, Amore e Psiche, particolare della scultura del Canova). La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno venivano spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d’auguri. Si è andati avanti così fin quasi alla fine degli anni 2000, anche grazie ad alcuni imprenditori statunitensi come Esther Howland che iniziarono a produrre biglietti di san Valentino su scala industriale.

Oggi non si fa quasi più, gli innamorati del 2020 preferiscono scambiarsi scatole di cioccolatini, fiori, qualche gioiello. Senza dimenticare miliardi di frasi sdolcinate scambiate via Whatsapp e Instagram.  E impazza festeggiare al ristorante. Pienissimi quest’anno, ma a pranzo e non più a cena per via della pandemia.

Contenuto non disponibile.
Si prega di accettare i cookie cliccando su ACCETTO nel banner esposto

C’è chi condanna questa festa additandola come un’operazione puramente commerciale, ma sono per larga parte innamorati delusi o cornuti traditi. Altri, sostengono che se ami qualcuno devi dimostrarlo tutto l’anno e non solo il 14 febbraio.

Sia come sia, e che piaccia o no, è indubbio che l’amore muova il mondo: “l’amor che move il sole e l’altre stelle”, scriveva Dante Aligheri nell’ultimo verso della sua Divina Commedia. E se lo diceva lui…

Che esista un giorno deputato a celebrare l’amore, alla fine, non fa male a nessuno. Ed è giusto che i nostri ragazzi – ma vale per tutti gli innamorati e le coppie del mondo – possano sognare e pensare l’amore che stanno vivendo come unico, irripetibile e per sempre. Certo, è uno dei più grossi inganni che l’esistenza possa riservare, ma non diciamoglielo mai.

Perché viverlo, l’amore, produce il più grande stravolgimento ormonale, emotivo e sensoriale che si possa provare nell’arco di una vita. Non esiste nient’altro al confronto, “Perché noi siamo amore”, come canta il professor Roberto Vecchioni in Chiamami ancora amore (video allegato).

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi