Ancona – Torna BBQ, il party più solare della primavera

2 Giugno di musica, balli e street food nella natura fatata delle Cantine Moroder

Ancona, 30 maggio – Dopo  il grande successo di pubblico e organizzazione del 25 aprile e 1 maggio, la festa ideata da Raval Family replica fra grigliate, scampagnate e musica funky ed elettronica. Anche questa volta autobus navetta eviteranno ogni caos.

BBQ si riaccende il 2 giugno col terzo degli appuntamenti in programma per la saga del Porco del Conero. L’appuntamento è di nuovo alle Cantine Moroder & Agriturismo Aiòn (via Montacuto 121, Ancona), fra colline nel pieno della primavera e casolari fatati.

Ancona – BBQ Porco del Conero 2017

Si inizia a mezzogiorno e si continua fino a mezzanotte, la partecipazione è gratuita. Gli ingredienti sono quelli consolidati: piste da ballo con sonorità elettroniche e melodie reggae; incontri, chiacchiere, pietanze cucinate con passione e vini e bevande di qualità. Anche in questa edizione quattro autobus navetta collegano gratuitamente il parcheggio dello stadio del Conero alle Cantine Moroder dove non si può posteggiare, così da evitare parking selvaggio e rispettare la serenità del Parco.

Sono state migliaia le persone da tutta la regione e non solo che hanno preso parte ai due primi appuntamenti, del 25 aprile e del 1 maggio. Il terzo BBQ del 2 Giugno resta fedele alla linea ma presenta alcune variazioni.

Ancona – BBQ Porco del Conero 1 maggio 2018

Sul fronte mangereccio c’è la grigliata argentina a cura di Mi Rancho, con asado di carni assortite e d’Angus. Torna la pizza del punto Aia col suo forno a legna così come il “punto fritto” di Chicco d‘oliva Velenosi e il cibo da strada del Furgoncino. I prati della tenuta sono tappeti ideali per stendersi al sole di giugno con le pietanze servite alla festa. La scampagnata è di casa anche per famiglie con bimbi.

Parliamo di musica. Stavolta è Vodkatronik a salire in consolle coi suoi dj Apeless e Rapa, noti agitatori delle notti marchigiane ed instancabili sperimentatori di party pop-up. La pista per le danze elettroniche è nell’area food connection, ovvero sulla grande terrazza di Moroder che si tuffa verso l’orizzonte della riviera. Nella party connection invece, la spaziosa aia della Cantina, si esibirà la Reggata del Conero, con dj Alpha e Caligula. Anche qui balli a profusione in spirito reggae e funky.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo