Argomenti per categorie

Jazz Summer Festival alla Mole Vanvitelliana di Ancona

Questa sera alle 21.30 omaggio a Charles Mingus con Boris Kozlov. Domani sera allo stesso orario i Black Art Jazz Collective.

Ancona, 1 luglio 2024 – Al via nella corte della Mole Vanvitelliana oggi 1° luglio e a seguire domani, 2 luglio con due esclusive italiane, Ancona Jazz Summer Festival, la storica rassegna di musica jazz del capoluogo marchigiano organizzata da Spaziomusica ininterrottamente da oltre mezzo secolo.

Boris Koslov

Il concerto di stasera (ore 21.30) è un omaggio alla musica di Charles Mingus con protagonista un Ensemble estratto della Colours Jazz Orchestra arricchito dal contrabbassista Boris Kozlov, attualmente direttore musicale delle formazioni deputate a perpetuare il repertorio mingusiano, vale a dire la Mingus Big Band, Mingus Dynasty e Mingus Orchestra.

Domani sera, sempre alle 21.30, sarà la volta del sestetto Black Art Jazz Collective, formato da alcuni dei massimi esponenti del jazz americano di oggi, esemplare nella continuazione del linguaggio jazzistico sviluppatosi dagli anni ’60 in poi.

Biglietti e Micro Abbonamenti in vendita su Vivaticket o presso la Casa della Musica di corso Stamira
Contatti cell. +39 347 694 1597 | e-mail info@anconajazz.com

A seguire, nell’inedita e straordinaria cornice dell’Anfiteatro Romano, il cartellone del Summer Festival avrà i suoi punti di forza nella presenza di esponenti di primo piano nella scena musicale italiana:

Il quartetto del pianista e cantante Sergio Cammariere (16/07) allargato al sublime violoncello di Giovanna Famulari, il gruppo della cantante Rossana Casale (19/07), la quale presenterà il nuovo disco Almost Blue e il duo del grande trombettista Paolo Fresu con Rita Marcotulli al piano (26/07) tutti destinati all’Anfiteatro Romano.

Black Art Jazz Collective

Altre serate di grande interesse riguarderanno il 18/07, spazio aperto al jazz polacco, in ricordo della liberazione di Ancona, con la presenza della pianista Silvia Marco in un programma che parte dalla poesia di Wislawa Szymborska (Nobel 1996) Ella in Heaven, e del quartetto tutto femminile O.N.E., con musiciste provenienti da Polonia, Ucraina e Italia nella figura emergente del jazz nazionale Francesca Remigi; e il 22/07 presso Moroder, con l’unico concerto italiano della grande cantante Janis Siegel, fondatrice del leggendario quartetto vocale Manhattan Transfer, in un programma che abbinerà jazz e cucina secondo un percorso di imprevedibile coinvolgimento del pubblico.

I palchi di piazza del Papa (11/07) e della corte interna di Marina Dorica (13/07) ospiteranno Big Band dalle Università USA dello Utah e Illinois grazie alla collaborazione della rete esercenti piazza del Papa e di Marina Dorica.

Il mese di agosto prevede vari appuntamenti, il primo nel teatro del Conero a Sirolo, vedrà la Colours Jazz Orchestra (10/08) questa volta al completo che, attraverso la direzione e gli splendidi arrangiamenti di Massimo Morganti, presenterà un programma dedicato ai grandi tenoristi della storia del jazz, da Coleman Hawkins a Sonny Rollins, da John Coltrane a Bob Berg attraverso i loro capolavori riesplorati da Daniele Comoglio, brillante quanto versatile sassofonista, a suo agio in contesti diversi e aperti anche al pop e rock.

Questo evento è frutto della collaborazione con l’Associazione Le Muse di Ostra Vetere del M° Federico Mondelci.

Torna, in Terrazza di Moroder, l’appuntamento di Ferragosto un classico che rappresenta la chiusura ideale del cerchio, un concerto spettacolo, affidato al leggendario chitarrista Lino Patruno il quale, nel suo abituale Jazz Show, il 15/08 offrirà il giusto omaggio al jazz di New Orleans e Chicago grazie alla conoscenza profonda di quegli stili tanto importanti negli anni ’20 e in poi, avendo suonato accanto a figure storiche e rappresentative di quel periodo.

Gli appassionati, e non soltanto, avranno modo di apprezzare quindi un vasto spettro sonoro, dal duo alla grande orchestra, passando attraverso sensazioni ed emozioni proprie di un momento culturale che si appoggia, oggi più che mai, nella eterogeneità e nelle influenze da ogni dove.

Tags: