Camerano – Festa del Patrono: la sfilata in costume d’epoca

Re Erode, Salomé e il martirio di San Giovanni Battista. (guarda la gallery fotografica)

Previous Next

Camerano – In archivio anche la seconda serata della 36esima edizione della festa del Patrono. Una serata ricca, piena di effetti luminosi e sonori, culminata nella sfilata storica in costumi d’epoca e conclusa da giochi di fuoco.

Camerano – Una magica Piazza Roma, grazie agli effetti luminosi, in attesa della sfilata storica in costume

Notevolissimo lo sforzo organizzativo che don Aldo ha orchestrato con grande maestria, coadiuvato da mezzo paese. Ed è proprio questo che colpisce a livello di comunità: Camerano sembra essere abitato da persone scollegate fra loro a livello sociale, ma poi ti accorgi che negli appuntamenti importanti sono centinaia quelle capaci di stringersi intorno alle proprie radici. Bimbi, giovani e adulti si sono messi a disposizione e si sono lasciati coinvolgere fino in fondo.

Camerano – Re Erode

E così è stato ieri sera in occasione della sfilata in costume d’epoca, con tanto di drammatizzazione, che ha rivissuto la storia del martirio del Patrono San Giovanni Battista. Non è possibile citarli tutti, anche se vanno ringraziati in toto per la loro disponibilità e abnegazione. Giusto per fare qualche nome, oltre a don Aldo, diremo di Danilo Pasqualini che ha presentato l’intera serata step by step – passo dopo passo -; il mirabile gruppo di oratori – rigorosamente in nero – che a turno hanno descritto agli spettatori i vari momenti della sfilata con precisi cenni storici, fra i quali si celava anche la prima cittadina Annalisa Del Bello; o Riccardo Burattini, storico coordinatore/coreografo della sfilata stessa.

Camerano – Il gruppo Mercenari d’Oriente

In coda alla sfilata, esibizione degli artisti di strada Mercenari d’Oriente che si sono esibiti in una suggestiva performance con il fuoco a farla da padrone. La foto gallery in testa all’articolo dà un’idea dell’atmosfera della serata di ieri che, a detta degli “storici” locali, ha registrato un’affluenza di pubblico non all’altezza delle migliori edizioni.

Questa sera, si riparte alle 16:30 con il seguente programma:

Domenica 27/08

  • Ore 16:30 Sport in piazza Società sportive Cameranesi
  • Ore 18,30 triduo di preghiera
  • Ore 19:00 Corsa del Mini Vassoio
  • Ore 19:00 apertura Stand Gastronomici
  • Ore 20:30 Ruota della fortuna
  • Ore 21:30 Undicesima edizione della Corrida con la partecipazione dei Ten’s Celebration

Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo