Un iceberg, nella sua parte emersa, mostra solo un settimo della sua struttura. La maggior parte della sua massa si sviluppa sotto il pelo dell’acqua. Resta nascosta alla vista. Non a caso questo spazio prende il nome dai giganti di ghiaccio. Da qui, cercheremo di svelare quella parte sommersa della notizia che spesso si nasconde sotto il pelo dell’indifferenza, della fretta, dell’interesse occulto.

Elezioni Politiche 2018: il non popolo torna al voto

“Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi'' diceva Giuseppe Tomasi di Lampedusa nel suo Il Gattopardo

Ci siamo, ormai manca poco: due settimane e gli italiani potranno riprovare l’ebrezza d’infilare una scheda elettorale nell’urna per votare i propri rappresentanti in Parlamento. Qualcuno, mica tutti! Dopo cinque anni d’astinenza. Dopo quattro governi decisi non dal popolo ma dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Quattro golpe rossi, per qualcuno, di buon senso per qualcun altro.

Ricordate? Era il febbraio 2013 quando lo scioglimento anticipato delle Camere pose fine al mandato del Presidente Monti permettendo così a Napolitano che lo aveva messo lì senza far votare il popolo, d’instaurare il suo personale regno di centro-sinistra: Monti, Letta, Renzi, Gentiloni (quest’ultimo incaricato dal Presidente Sergio Mattarella succeduto, nel frattempo, al re Napolitano). Un filotto di Presidenti del Consiglio che mai s’era visto prima in Italia, infilato senza interruzioni, senza elezioni – a parte la parentesi Letta – senza che il popolo potesse decidere chi dovesse governarlo.

In qualsiasi altro Paese del Mondo, una simile gestione del potere politico avrebbe scatenato una sollevazione popolare feroce. La gente sarebbe scesa in strada, avrebbe presidiato piazze e monumenti, bivaccato sotto le tende, innalzato cartelli e organizzato cortei. In Italia, no.

L’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

In Italia la gente è scesa in strada, come tutte le mattine, per andare al lavoro. E molti fra quelli che il lavoro non ce l’avevano più (per via della crisi mondiale, mica per colpa del Governo!), si sono sparati un colpo di pistola alla tempia o si sono impiccati per togliere il disturbo senza fare troppo baccano. Sommersi dalla vergogna. Ha presidiato le piazze il popolo italico sì, ma solo il sabato e la domenica per portare i figli a prendere il gelato. E sotto le tende ci ha bivaccato, certo, nei campeggi però, a luglio e agosto quand’era in ferie.

Però s’è incavolato. Tantissimo! Lo ha fatto sui social, al bar e al ristorante. Sotto gli ombrelloni, in spiaggia, era un continuo urlare e inveire contro il solito: “Governo ladro!” Nei talk show, in tv, era un continuo lamento contro gli inetti che governavano, con un fiorire di filmati e indagini che mostravano i nostri anziani in ginocchio. Letteralmente in ginocchio, chini sugli scarti dei mercati rionali per raccattare quel po’ di verdura che non si potevano permettere.

Milano – Anziani raccolgono gli scarti di frutta e verdura tra la spazzatura del mercato in Via Papiniano

Qualcuno, a onor di cronaca, ha provato a gridare e a ribellarsi, ma è stato condannato al più becero populismo, prima. Poi, ad essere insensibile allo sforzo immane dei nostri governanti che provavano in tutti i modi a portare il Paese fuori dalle sabbie mobili. Per arrivare ad essere etichettato come razzista e, ultimamente, come fascista.

E i nostri politici, armati dello slogan: “Ce lo chiede l’Europa”, hanno continuato imperterriti a starsene lì, al loro posto, a concedere mancette mensili a questa o quella categoria, pur di resistere. Pur di allungare la legislatura quel tanto che bastava per arrivare a maturare la pensione. Incapaci di dare davvero una svolta al Paese; incapaci a riscrivere una legge elettorale seria in grado di dare governabilità ai vincitori.

Foto d’archivio, una sfilata dei militanti di Casa Pound

E in questo clima a guadagnarci, oltre loro, sono stati gli estremismi e i populismi prontissimi a cavalcare la rabbia, l’impotenza e l’immobilismo di un popolo che popolo non è. Perché, da sempre, abituato a vivere dentro il castello del suo signore; a ragionare per lobby, corporazioni, raccomandazioni. Dunque, un non popolo, per nulla coeso, senza ideali di patria se non quelli personali. Incapace di fare squadra e di accettare chi non gli somiglia.

Fra due settimane questo non popolo tornerà alle urne per eleggere una parte dei suoi futuri governanti. Senza un senso comune di popolo, senza un’idea di Stato, senza una visione sul futuro, voterà come ha sempre fatto. Voterà per gli appartenenti al proprio castello, alla propria lobby, alla propria corporazione: unica strada percorribile per assicurarsi qualche raccomandazione.

Silvio Berlusconi, a Porta a Porta di Bruno Vespa su Rai 1, il giorno di San Valentino ha firmato in diretta un nuovo contratto con gli italiani impegnandosi, se vincerà le elezioni, a portare il tasso di disoccupazione in Italia al di sotto della media europea

Questa invivibile e inguardabile campagna elettorale, dove ogni partito promette riduzioni di tasse, innalzamento delle pensioni, aiuti alle famiglie, più occupazione, più servizi, migliore qualità della vita, sapendo benissimo che non potranno sostenere finanziariamente tutto ciò, ci porterà dove ci hanno portato tutte le altre elezioni: a mettere in atto la regola di Giuseppe Tomasi di Lampedusa espressa nel suo Gattopardo. “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo