Argomenti per categorie

Nati per Leggere: il vento dei 20 soffia anche a Numana!

Da 0 a 6 anni tutti in biblioteca sabato 23 novembre!

Numana, 20 novembre 2019 – Sabato 23 novembre alle ore 17 si festeggiano a Numana, in Biblioteca, i venti anni dell’ormai conosciutissimo progetto Nati per Leggere, sviluppato dall’Associazione culturale Pediatri, dall’Associazione italiana Biblioteche e dal Centro per la Salute del Bambino.

L’invito è rivolto a tutti i bimbi da 0 ai 6 anni, con genitori e nonni al seguito, per un pomeriggio in compagnia di letture e lettori che presteranno la propria voce ai tanti libri presenti nello “spazio morbido” della biblioteca.

Numana – Lo “spazio morbido” in biblioteca

A introdurre l’evento saranno Gabriele Calducci, vicesindaco di Numana, e la pediatra Anna Nobilini che sempre accoglie l’invito dell’Amministrazione comunale a essere portavoce di Nati per Leggere. Si lascerà quindi ampio spazio ai suggerimenti e alle letture ad alta voce proposte dalla bibliotecaria e dalle lettrici volontarie accreditate dal progetto.

Per i genitori, sarà possibile attingere al materiale informativo e alle tante opportunità di lettura offerte dagli albi illustrati, calibrate in base allo sviluppo cognitivo del bambino che nell’arco di tempo che va dagli 0 ai 6 anni vive un’eccezionale evoluzione.

L’attenzione dell’Amministrazione numanese per il libro è rivolta a tutte le fasce d’età e, quest’anno in particolare, è bene ricordare i tanti benefici della lettura fin dai primissimi giorni di vita. Leggere con i propri figli, a bassa e ad alta voce, è piacevole e crea l’abitudine all’ascolto, aumenta molto la capacità d’attenzione e accresce il desiderio di imparare a leggere.

Tra le varie attività utili allo sviluppo del bambino, i pediatri indicano che la lettura durante i primi 3 anni di vita è la cosa più importante che i genitori possano fare per prepararlo alla scuola. Un bambino che riceve letture quotidiane acquisirà un vocabolario più ricco, avrà più immaginazione, si esprimerà meglio e sarà più curioso. Inoltre, gli consentirà una più facile comprensione dei testi scolastici e una minore fatica nello svolgimento dei temi e dei compitiin tutte le materie.

Le mamme e i papà non devono possedere doti particolari di bravura o di tecniche di lettura, è sufficiente seguire il testo e le figure, e intraprendere con il bambino una lettura ricca di scambi affettivi. La voce dei genitori è magia per il bambino!

 

redazionale

Tags: