Argomenti per categorie

Tre Archi: decisi indennizzi per i commercianti del rione San Marco

Per loro l’Amministrazione comunale di Osimo metterà a disposizione dai 10 ai 15 mila euro. I lavori a Porta Vaccaro al via dopo Ferragosto

Osimo, 12 agosto 2023 – Assieme all’assessore al Turismo e Commercio Michela Glorio, e ai tecnici comunali, il sindaco Simone Pugnaloni ha incontrato giovedì 10 agosto i referenti delle attività produttive del rione San Marco, penalizzati dalla viabilità modificata per la chiusura di Porta Vaccaro.

Osimo – I Tre Archi (Porta Vaccaro) chiusa da tempo per lavori di ristrutturazione

L’Amministrazione comunale ha messo sul tavolo diverse possibilità per incentivare l’afflusso di clienti e venire incontro alle difficoltà dei commercianti. Tra le possibilità di più immediata applicazione c’erano la temporanea trasformazione degli stalli blu di Via Matteotti e Via Leopardi in stalli bianchi a disco orario per 30 minuti, e la proroga con rateizzazione delle bollette di luce e gas. Altra possibilità, più articolata e di medio lunga risoluzione, era prevedere degli indennizzi.

I commercianti hanno preferito questa ultima proposta e l’Amministrazione ha dato mandato agli uffici di elaborare la proposta di indennizzo seguendo criteri oggettivi quale il calo di fatturato, al quale potranno partecipare solo le attività produttive della zona di San Marco. Serviranno alcune settimane per completare l’iter ma i commercianti si sono dimostrati propensi ad attendere, purché venga riconosciuto loro un indennizzo economico col quale sopperire al calo di fatturato.

Una prima lista di attività coinvolte è già in mano al Comune osimano per poter definire un budget da mettere a bando. Si tratta di una decina di negozianti e quindi indicativamente l’Amministrazione metterà a disposizione tra i 10.000 e i 15.000 euro, prendendo come riferimento un precedente quando, nel 2003, per i lavori in Via Matteotti durati circa 6 mesi vennero riconosciuti ai commercianti di San Marco 500 euro una tantum.

L’incontro è stata anche l’occasione per aggiornare sul cantiere di messa in sicurezza dei Tre Archi. Il primo annuncio fornito a giugno di una riapertura del varco a Ferragosto è stato disatteso per un motivo preciso: in un successivo sondaggio si è scoperto che la volta principale danneggiata è ad una sola testa e non si è potuto iniziare subito con i lavori. 

Sono serviti diversi sopralluoghi e studi tecnici dai quali è emersa la necessità di intervenire non con escavatore ma solo a mano, perché altrimenti si sarebbe messa a rischio l’intera struttura. La ditta incaricata dovrà lavorare su singoli rettangoli di Porta Vaccaro con un intervento di ripristino molto delicato ma indispensabile.

Simone Pugnaloni, sindaco di Osimo

Il cantiere, che partirà la settimana successiva a quella di Ferragosto, dovrebbe avere una durata di 40 giorni lavorativi; quindi, entro fine settembre inizio ottobre dovrebbe essere ripristinata la regolare viabilità, salvo imprevisti.

«Tengo a ricordare alle Liste civiche – ha sottolineato il sindaco Simone Pugnaloni non senza una vena polemica – che il centro storico durante gli eventi del cartellone estivo, che sono entrati nel clou questa settimana e proseguiranno la prossima con sei spettacoli consecutivi in piazza, non è completamente chiuso al traffico. Si può accedere da Via Fonte Magna proseguendo per Via San Francesco e da Via Cialdini svoltando per Via Giulia. Per accedere all’ospedale si dovrà, come da due mesi, passare per Via Marcelletta, Via Guasino e Via Leopardi impostata a senso inverso, ed ora miglioreremo la segnaletica per arrivare al nosocomio osimano.

L’emergenza, semmai, è rappresentata dalla chiusura dei Tre Archi a cartellone estivo già organizzato – ha continuato Pugnaloni – ma val la pena ricordare che Porta Vaccaro sarebbe stata prima o poi comunque chiusa per la messa in sicurezza, visto che venne puntellata nel 2013 dall’Amministrazione Simoncini. Il centro storico è da sempre il salotto cittadino di tutti gli osimani e non può essere trasformato in un dormitorio, almeno per periodi particolari dell’anno come il periodo natalizio e quello estivo.

Valorizzarlo, attrarre flussi turistici – conclude il primo cittadino osimano – è utile anche agli operatori economici del centro storico e agli stessi residenti, che altrimenti vedrebbero perdere di valore le loro proprietà. Quello che evidenzierei semmai è che, rispetto alla scorsa estate, si sono registrati finora molti meno problemi di degrado urbano, grazie anche all’impegno delle forze dell’ordine e alla responsabilità di cittadini».

 

redazionale

© riproduzione riservata

Tags: