Incontro Ente Parco e Cai per migliorare la fruizione dei sentieri del Conero

Riapertura del Passo del Lupo e mountain bike il focus del confronto

Sirolo. Summit presso gli uffici del Parco del Conero tra il vicepresidente Gilberto Stacchiotti, il consigliere Fabia Buglioni, il direttore Marco Zannini ed i membri del Cai, rappresentati dal presidente del Club di Ancona Arnaldo Piacenza e dal presidente del gruppo regionale Marche Lorenzo Monelli, alla presenza di Francesco Burattini, memoria storica del territorio.

Gli intervenuti al summit tenuto nella sede del Parco del Conero
Gli intervenuti al summit tenuto nella sede del Parco del Conero

Il Club Alpino Italiano, la famosa associazione che si occupa della conoscenza e dello studio delle montagne italiane e della difesa del loro ambiente naturale, si inserisce perfettamente nell’ambito delle azioni del Parco del Conero per avere un supporto concreto da parte di coloro che amano e frequentano l’area protetta.

L’incontro mirava a un confronto di idee per migliorare la fruizione dei 18 sentieri del Parco proprio con un’associazione che ha tra i propri obiettivi la diffusione della frequentazione della montagna e l’organizzazione di iniziative alpinistiche, escursionistiche e speleologiche e la manutenzione dei sentieri.

Tra i punti toccati, la questione del Passo del Lupo, il sentiero che conduce alla spiaggia delle Due Sorelle, ufficialmente chiuso da un’ordinanza del Comune di Sirolo che ne vieta formalmente l’accesso dal 2008.

Cartelli segnaletici nel Parco del Conero
Cartelli segnaletici nel Parco del Conero

«Si è convenuto entrambi – hanno spiegato Stacchiotti e Buglioni – sull’importanza di riaprire il Passo del Lupo, con la consapevolezza che la montagna non garantisce un rischio zero, ma può offrire quel valore aggiunto diversificandosi dal mero turismo balneare, per una conoscenza ed una fruizione ampia e qualificata del territorio, che può diventare attrattiva per quanti amano la montagna ed ascoltano il suo richiamo affascinante.

Il Passo del Lupo offre scorci ed emozioni uniche nel proprio genere, pertanto andrebbe di certo riaperto e valorizzato, con le dovute cautele e restrizioni del caso, con la consapevolezza di stare attraversando una zona impervia, a volte anche ostile».

Sul fronte della fruizione dei sentieri, si è parlato anche della presenza massiccia di mountain bike nei tracciati ufficiali e non dell’area protetta, ricordando che la convivenza tra quanti percorrono i sentieri nelle diverse maniere deve avvenire nella correttezza e nel rispetto della natura e dell’equilibrio a volte fragile tra biodiversità.

Trekking in mountain bike
Trekking in mountain bike

Ente Parco e Cai hanno mostrato interesse a ripetere periodicamente tali incontri.

«Questi momenti di confronto possono solo giovare – hanno concluso i vertici dell’Ente Parco – ad un rapporto armonioso tra l’Ente, nella sua funzione istituzionale di tutela della natura e fruitori come il Cai, che raccoglie ed organizza persone che amano e rispettano la natura e la vogliono vivere nel migliore dei modi, nella conservazione e nella valorizzazione della storia di un territorio le cui tracce di vita sono millenarie. Le generazioni future hanno il diritto di poter conoscere ed amare questo territorio come lo stiamo facendo noi ora».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi