Argomenti per categorie

Pugnaloni sul centro prelievi a Osimo Stazione: “Liste Civiche ridicole”

Il Sindaco di Osimo spiega come stanno le cose: “Abbiamo chiesto a Ferrovie Italia se è disposta a rinnovare l’affitto oltre settembre 2024”

Osimo, 28 ottobre 2023 – Continua la querelle tra il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni, e Liste Civiche sulla questione della riapertura del centro prelievi a Osimo Stazione. Una parte accusa l’altra di inadempienze e immobilismo, o false dichiarazioni, con i cittadini spettatori inermi della controversia che si trascina da tempo e che non vedono una soluzione possibile. Dopo l’ultimo atto di Liste Civiche con annessa protesta, il sindaco Pugnaloni reagisce e, in un lungo comunicato inviato in redazione, spiega come stanno le cose.

L’ingresso del centro prelievi a Osimo Stazione

Questo il punto fatto dal Sindaco.

«Gli attacchi come al solito strumentali e demagogici delle Liste Civiche rasentano il ridicolo – dice Pugnaloni – Mi hanno accusato di non volere la riapertura del centro prelievi a Osimo Stazione e di essere un ostacolo in quello che sarebbe un loro obiettivo sul quale stanno lavorando. La realtà è ben diversa e lo dimostrano non i post o i comunicati, ma le comunicazioni scritte che sono intercorse di recente tra i vari enti preposti che, vale la pena ricordarlo, sono Ast2, Rfi e il Comune di Osimo, bellamente bypassato nelle intenzioni delle Liste Civiche come se non esistesse. Purtroppo, questo modo di fare non è una novità: penso ad esempio ai fantomatici fondi per la bretella a Osimo che avrebbe inserito la Regione nel proprio bilancio senza confrontarsi con chi, quei fondi, dovrà poi metterli a terra, senza neppure aver discusso sul progetto per il quale andranno destinati.

Tornando al centro prelievi – continua Pugnaloni – la notizia positiva è che Comune ed Ast2 svolgeranno un sopralluogo nei locali della stazione ferroviaria di Osimo con l’intento di valutarne un adeguamento e quindi riaprirli come centro prelievi ma solo fino al termine del contratto di locazione che scade a settembre 2024.

Simone Pugnaloni, sindaco di Osimo

Dopo gli annunci dati dalle minoranze sulla riapertura del servizio, avevo scritto il 16 ottobre al dirigente dell’Azienda sanitaria Giovanni Stroppo chiedendo spiegazioni visto che nessuno aveva comunicato qualcosa in merito. Al di là dello sgarbo istituzionale, abbiamo voluto fornire di nuovo la disponibilità del Comune a riattivare il centro prelievi. La risposta dell’Ast il 18 ottobre è stata positiva, ma vincolata ad una concessione ancora a titolo gratuito del locale e ad un adeguamento dei locali ai nuovi criteri autorizzativi e di accreditamento regionali.

Da qui la proposta del Comune di svolgere un sopralluogo e definire i dettagli, per comprendere anche la portata degli eventuali lavori richiesti nei locali per riattivare l’accreditamento. Al contempo, sempre la scorsa settimana, abbiamo scritto a Rete Ferroviaria Italiana chiedendo se fosse disponibile a rinnovare il contratto di affitto anche oltre settembre 2024, o se la loro comunicazione del gennaio scorso di tornare in possesso dei locali alla stazione di Osimo fosse inderogabile. Abbiamo sollecitato Rfi a fornire una risposta evidenziando l’obiettivo di Comune ed Ast2 di riattivare quanto prima il centro prelievi a Osimo Stazione, come già prima del Covid, rinnovando la disponibilità a proseguire il contratto di locazione oltre il 30 settembre 2024.

Tutto ciò per ribadire – conclude Pugnaloni – che il Comune sta facendo il suo dovere collaborando con gli enti preposti, senza mettere alcuna bandierina ma solo con l’intento di fornire un contributo – il pagamento del canone – per un servizio che è di competenza regionale».

 

redazionale

© riproduzione riservata

Tags: