Argomenti per categorie

Pugnaloni: ecco come rivitalizzeremo il centro storico di Osimo

Le proposte del primo cittadino in risposta a Liste civiche: “Forniremo contributi economici a chi viene a vivere in affitto in centro”

Osimo, 25 febbraio 2022 – «In merito all’ennesimo attacco che le Liste civiche rivolgono all’Amministrazione comunale, mi preme sottolineare di nuovo l’impegno profuso per rivitalizzare il centro storico». Inizia così il comunicato del sindaco Simone Pugnaloni che elenca quanto fatto in città durante il suo mandato.

«Dal nostro insediamento – ricorda Pugnaloni – abbiamo investito sul restauro dei beni comunali, dalle logge all’atrio del Municipio, dal mercato coperto ai sottoservizi e ora siamo impegnati a ridare vita all’ex cinema, al ridotto della Nuova Fenice e al quartiere San Marco tramite i progetti legati al Pinqua, con ascensori e nuova scuola all’ex Bruno da Osimo.

Abbiamo investito e investiremo sulla promozione turistica e culturale di Osimo, basti pensare alle mostre e all’affluenza record alle grotte prima della pandemia. Dal piano sosta ai contributi post-Covid, dai cartelloni degli eventi alla riduzione della Tosap e della Tari, almeno fino al nuovo regolamento Arera, il nostro impegno non è mai venuto meno per aiutare le attività commerciali e ristorative del centro storico, e l’ordinanza di recente firmata per regolare la vendita di asporto è contingente ad una fase emergenziale e, a quanto pare, sta dando già buoni risultati, riducendo i disagi di chi il centro lo abita».

Simone Pugnaloni, sindaco di Osimo

In questo senso, l’Amministrazione comunale si dice consapevole della necessità di rendere più vivibile la zona storica di Osimo. «Per questo – continua il Sindaco – abbiamo previsto un abbattimento degli oneri di urbanizzazione su chi ristruttura immobili, con un occhio di riguardo a quelli del centro città. Basandoci sul principio della rigenerazione urbana e di consumo del suolo zero.

La giunta lavorerà per sostenere il ripopolamento del centro storico. Tra le ipotesi al vaglio, un bando pubblico per fornire contributi economici a chi si trasferisce a vivere in affitto in centro riducendo il peso della locazione o, ancora meglio, chi acquista casa in centro sostenendo le spese per contrarre il mutuo prima casa. Potremmo individuare nuove aree di degrado da riqualificare con premio di volumetria e snellezza burocratica, o ancora, con incentivi a chi investe su fonti rinnovabili e nuove tecnologie green».

Preziosa, sembrerebbe, la partecipazione del Sindaco osimano all’Expo di Dubai. «Dalla mia esperienza all’Expo, ho accresciuto valori e prospettive da applicare su Osimo, su tutti l’architettura morbida e lo sviluppo sostenibile, che passa inevitabilmente per un riutilizzo del tessuto urbano già presente, in primis quello del centro città. Riportare una scuola media nel cuore di Osimo, valorizzare contenitori storici come ex cinema e mercato coperto, investire in cultura e turismo, aprire uno front-office della Polizia locale, sono obiettivi che vanno proprio in questa direzione: rendere più appetibile vivere in centro storico».

In conclusione, immancabile, la stoccata a Liste civiche: «Certo, non lo è portare via i servizi territoriali come Poliambulatorio, 118 e Avis, obiettivo che le Liste civiche, tramite la Regione, puntano a concretizzare».

 

redazionale

© riproduzione riservata

Tags: