Rubano un rimorchio carico di merce al porto di Ancona

Arrestati due foggiani pluripregiudicati che avevano preso di mira la provincia per mettere a segno grossi furti

Osimo – I Carabinieri della Compagnia di Osimo (AN) sono riusciti appena in tempo ad individuare e bloccare due criminali pugliesi che, giunti in trasferta nelle Marche, avevano preso di mira la provincia anconetana, decisi a commettere una serie di grossi furti allo scopo di racimolare merce di valore e trasferirla illegalmente in Puglia per la vendita ed il riciclaggio.

C’è ancora il massimo riserbo da parte della Procura della Repubblica di Ancona e della Compagnia di Osimo in merito alla vicenda, le indagini ancora in corso tendono ad individuare ulteriori complici sul territorio marchigiano.

Un posto di controllo dei carabinieri nei pressi dell’autostrada

Dopo il fallito furto dello scorso dicembre all’“Expert” in frazione Aspio di Osimo, e il grosso furto aziendale consumato a Osimo Stazione a gennaio le indagini hanno consentito di scoprire e bloccare i due pericolosi malviventi foggiani arrestati nella notte in flagranza di reato presso il casello autostradale della A14 “Ancona Nord”.

L’operazione, coordinata dal Maggiore Raffaele Conforti e diretta dal luogotenente Luciano Almiento comandante del nucleo radiomobile, veniva avviata nella notte fra il 13 e 14 gennaio, con il coinvolgimento di tutte le Stazioni dipendenti della Compagnia osimana, con l’istituzione di posti di blocco “a vista” nei pressi dei caselli autostradali di: “Loreto-Porto Recanati”, “Ancona Sud-Osimo”, “Ancona Nord”.

Alle ore 22:00 circa del 13 gennaio, all’uscita del casello di “Ancona Nord” veniva notata un’automotrice Scania bianca con a bordo due individui sconosciuti e sospetti, senza che trainasse alcun rimorchio.

Dagli immediati accertamenti sulla targa emergeva che il mezzo risultava più volte rubato, nonché intestato ad un pluripregiudicato foggiano di 46 anni, con gravi precedenti penali. Insospettiti da tali circostanze i militari osimani iniziavano l’attività di pedinamento fino ad arrivare al porto di Ancona, dove la motrice parcheggiava in un’area riservata alla sosta di trattori stradali, vicina ai rimorchi in attesa di imbarcarsi o appena sbarcati.

I due sospetti scendevano dal mezzo e dopo aver controllato a piedi la zona, agganciavano e trainavano un rimorchio con targa intestata ad una ditta con sede a Piacenza, consumando il furto sotto gli occhi dei carabinieri e allontanandosi dalla zona portuale.

Motrice e rimorchio venivano seguiti fino al casello dell’autostrada di Ancona Nord, dove venivano bloccati dai militari nel momento in cui erano fermi per ritirare il biglietto d’ingresso in autostrada.

Un intervento coordinato della radiomobile osimana e di altri veicoli istituzionali delle Stazioni della Compagnia, che circondavano il mezzo impedendogli qualsiasi via di fuga.

I due individui a bordo del mezzo venivano arrestati in flagranza di reato per il delitto di: “furto aggravato in concorso” e identificati per:

a) D. L., nato nel 1957 e residente a Foggia, coniugato, autista, pluripregiudicato per reati specifici. Costui, il 5 giugno 2015 era stato già arrestato per analogo reato dal Commissariato P.S. di Cerignola (FG), e sottoposto agli arresti domiciliari fino al 19 ottobre 2015;

b) DM., nato a Cerignola (FG) nel 1973, residente ad Orta Nova (FG), coniugato, nullafacente, pluripregiudicato per reati specifici. Costui, fino all’8 settembre 2017 era sottoposto all’obbligo di firma presso la Stazione CC di Orta Nova (FG).

Il rimorchio rubato risultava di proprietà della ditta Karassulis Italia, con sede a Piacenza, carico di vasi di espansione per pompe idrauliche del valore di € 50.000,00 circa.

La refurtiva veniva affidata in custodia giudiziale a ditta convenzionata, mentre il titolare della ditta piacentina, rintracciato prontamente, veniva invitato a sporgere denuncia del patito furto presso i carabinieri di Piacenza, e poi di presentarsi presso la Compagnia di Osimo (AN), per la restituzione del rimorchio. Cosa che è avvenuta regolarmente.

Il P.M. di turno dott. Ruggero Dicuonzo nel concordare l’arresto dei due pericolosi foggiani, ne disponeva la detenzione presso le camere di sicurezza della Compagnia CC di Osimo, in attesa del rito direttissimo fissato per oggi presso il Tribunale di Ancona.

Nel corso dell’udienza tenuta nella tarda mattina, il Tribunale ha convalidato l’arresto dei due e rinviato all’udienza del 1° marzo 2018 su richiesta dei termini di difesa disponendo, nei loro confronti, la misura cautelare degli arresti domiciliari presso le loro abitazioni.

 

redazionale

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primarie del centrosinistra ad Ancona

Lo scontro politico per scegliere il candidato sindaco è fra Ida Simonella e Carlo Maria Pesaresi


Camerano, 23 novembre 2022 – A solleticare questo paneburro&marmellata – ultimamente non è semplice trovare argomenti stimolanti – è stato un lungo post su Facebook di Ezio Gabrielli pubblicato qualche giorno fa e intitolato “Si torna a respirare!”. Consiglio di leggerlo. Argomento: le primarie del centrosinistra ad Ancona per scegliere il candidato sindaco alle Amministrative del 2023.

Due sono i candidati: Ida Simonella, appoggiata apertamente e senza tanti fronzoli dal sindaco uscente Valeria Mancinelli, e Carlo Maria Pesaresi. Quest’ultimo, nelle grazie di Ezio Gabrielli: lo ammette con forza nel suo post di cui, tra l’altro, condivido quasi in toto l’analisi.

Sono 17 i seggi scelti per le primarie sparsi in città, ai quali domenica 27 novembre potranno accedere dalle ore 8.00 alle 20.00 (tranne i seggi 9 e 12 aperti dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00), tutti gli anconetani dai 16 anni in su, previo un minimo contributo in denaro che pare essere volontario.

La feroce critica di Gabrielli al doppio mandato consumato dalla Mancinelli, la condivido. Non conosco personalmente lui, o i due candidati in lizza, o la Sindaca uscente, per cui posso dire la mia senza vincoli di sorta.

«L’impegno di Carlo Pesaresi di questi giorni ha imposto a tutto il centrosinistra, comprese le parti più recalcitranti e settarie, di rimettersi in moto rianimando un sistema linfatico di relazione che l’approccio Mancinelliano della delega in bianco – ed è questa la critica più feroce che deve essere rivolta a quel gruppo dirigente – aveva inaridito», scrive Gabrielli. E ancora: «Il centrosinistra ha realmente creduto che si potesse presidiare un territorio con l’idea dell’uomo/donna forte a cui delegare le scelte… e lo scorso settembre ci siamo, anche nella nostra città, ritrovati con un corpo rattrappito (incapace financo di fare una iniziativa elettorale con tutti i candidati alla Camera, Senato e Primarie), bloccato dall’anoressia di confronto e di idee e così, ritrovarci con una manciata di voti di distanza dal centrodestra».

«Abbiamo governato bene – continua Gabrielli – ma abbiamo manifestato limiti; nelle dinamiche complesse (esempio fra tutte la costruzione dell’azienda unica provinciale dei rifiuti, obbiettivo principale che era stato dato alla Mancinelli sette anni fa), la politica della delega e della semplificazione arrogante non ha funzionato; un tempo siamo stati un capoluogo di regione ma abbiamo perso, in favore di una visione “paesana”, la capacità di esercitare quel ruolo».

Su “abbiamo governato bene” caro Gabrielli, dissento. L’Ancona di oggi non è migliore di quella presa in mano dalla Mancinelli dieci anni fa. Ancona capoluogo di regione, oggi, è una bestemmia. Basta fare un giro a Fano, Pesaro Urbino, Civitanova o Ascoli per capire e toccare con mano quanta vita sociale ed economica in più ci sia in quelle realtà rispetto alla dorica. Invito i lettori ad esprimersi su questo concetto.

In ultimo, al di là delle manovre di partito e degli eventuali interessi in gioco, personalmente m’interessa poco chi sarà il candidato Sindaco di Ancona del centrosinistra. Che sia Simonella o che sia Pesaresi – dalle voci di corridoio, il vincitore delle primarie del centrosinistra si dovrà misurare con il candidato di centrodestra Daniele Silvetti, attuale presidente dell’Ente Parco del Conero, ma non c’è nulla di ufficiale – quel che davvero m’interessa, e credo sia così anche per la gran parte degli anconetani, è che il nuovo Sindaco di Ancona abbia le capacità necessarie, e la giusta visione, per riportare Ancona al centro della regione Marche sul piano politico, geografico, sociale, industriale, culturale e turistico. Un gran lavoro, non lo nego, ma è un lavoro che va fatto se Ancona vuole restare a pieno titolo capoluogo di regione.

© riproduzione riservata


link dell'articolo