Pugnaloni rifà il tetto di Casa Cea. Il verde pubblico torna ad essere una priorità

Osimo. Bilancio di quattro anni di attività senza dubbio in verde (in tutti i sensi), quello stimato da La Confluenza di Osimo, associazione che si occupa della realizzazione di iniziative volte a conoscere e preservare gli ambienti naturali, nel rispetto della morfologia, della biodiversità e della storia di ogni luogo.

Una volontaria de La Confluenza illustra i progetti dell'associazione
Una volontaria de La Confluenza illustra i progetti dell’associazione

Un nuovo mattoncino alla già ammirevole impalcatura eretta dalla onlus osimana è stato ufficialmente aggiunto nella riunione annuale che si è tenuta la scorsa domenica nella sede di via Capanne 11. La novità giunge direttamente dalle parole del sindaco Pugnaloni: “Entro la fine dell’anno l’amministrazione comunale darà il via ai lavori di sistemazione del tetto del secondo piano di Casa Cea – ha annunciato il primo cittadino – rendendola così agibile per ospitare turisti e appassionati del paesaggio”.

Un intervento di 90 mila euro che La Confluenza anelava da anni. La casa colonica di via Capanne, che l’associazione ha trasformato in un Centro di Educazione Ambientale (CEA) riconosciuto dall’ente Regione, è stata ottenuta nel 2012 dai fondatori del progetto in sub-mandato tramite bando comunale, essendo l’immobile di proprietà della provincia di Ancona ma detenuta dal comune di Osimo in qualità di commodatario.

Ad oggi – così come negli ultimi quattro anni – solo il piano terra è regolarmente agibile e attrezzato, mentre il piano superiore e il tetto devono essere ristrutturati. Gli ambientalisti de La Confluenza hanno puntato i piedi di fronte alla mancanza di fondi pubblici che li ha costretti a ridurre gli spazi destinati alle varie iniziative ideate, cercando, a più riprese, di allacciare un dialogo con gli enti comunali e provinciali di competenza.

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni
Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni

Finalmente sembra che la loro perseveranza sia stata premiata. La mesa a norma dell’intero stabile potrà dar vita a un progetto di turismo sostenibile capace di assicurare maggiore visibilità alla zona e creare nuovi posti di lavoro, nonché consentire all’associazione di ospitare gruppi scout o scolaresche durante la notte. Come evidenziato dal sindaco Pugnaloni: «ci sarà la possibilità di incrementare il turismo religioso, trasformando l’area verde osimana in un crocevia in grado di collegare  le ultime tappe dei cammini francescani che arrivano dalla terra umbra, ovvero il santuario di Campocavallo e la basilica di Loreto, entrambi a pochi chilometri di distanza».

Un altro progetto a cui il comune si sta interessando riguarda la realizzazione di una ciclovia che permetterà di affiancare, a piedi o in sella alla bicicletta, il fiume lungo tutto il suo percorso, dalla sorgente fino alla foce, ovvero da Santa Maria Nuova a Porto Recanati. «Un’iniziativa che coinvolgerà famiglie e sportivi – ha aggiunto Pugnaloni – insieme a tutti coloro che transiteranno per la nostra meravigliosa città. Si tratterà di un vero  esempio di dialogo istituzionale tra la Regione Marche e tutti i Comuni coinvolti che insieme si sono impegnati sottoscrivendo un protocollo d’intesa».

La Confluenza ha aderito all'iniziativa Puliamo il mondo liberando le rive del Musone da rifiuti e sporcizia
La Confluenza ha aderito all’iniziativa Puliamo il mondo liberando le rive del Musone da rifiuti e sporcizia

Una vittoria del verde, dunque, tornato ad essere una priorità collettiva. Negli anni di attività, la Confluenza è riuscita a trasformare l’area naturale confinante con le frazioni di Campocavallo e Passatempo in un grande giardino-scuola. Oltre alla creazione e alla manutenzione costante di sentieri, percorsi e aree di ristoro, i volontari osimani hanno dato vita a progetti didattici ideati in collaborazione con le aziende agricole e altre realtà della zona. Una di queste è il museo del Covo di Campocavallo, al quale gli ecologisti si appoggiano per organizzare laboratori sull’arte dell’intreccio delle spighe di grano. Tra le altre iniziative proposte a grandi e piccini ci sono attività riguardanti il compostaggio e il riciclaggio consapevole, il contatto con l’agricoltura biologica, la conoscenza del mondo animale e vegetale, la scoperta dei biocolori.


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo