Preso il capo rumeno della banda delle slot

Brillante operazione dei carabinieri osimani. Con la sua cattura chiuso il secondo e ultimo filone d’indagine dell’operazione ‘Crash’

Osimo, 31 agosto 2018 – Sgominata la banda dedita ai furti con spaccata a danno delle sale slot, tabacchini, bar e ditte. All’atto dell’arresto gli indagati, tutti di origine rumena, non credevano alle loro orecchie durante la lettura di tutti i capi d’imputazione loro attribuiti.

I carabinieri del Norm della Compagnia di Osimo hanno chiuso così il secondo ed ultimo filone di indagini dell’operazione CRASH, assicurando alla giustizia un pericolosissimo delinquente specializzato in furti che, insieme ai suoi connazionali, aveva razziato in tutto il centro- nord Italia.

L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata in modo continuato alla consumazione di molteplici furti. Almeno 35 colpi commessi in meno di cinque mesi nelle provincie di Ancona, Pesaro, Macerata, Ascoli Piceno, Fermo e Teramo. Le Procure dei citati centri hanno spiccato specifiche ordinanze di custodia cautelare in carcere, notificate in quello di Pesaro, per i reati consumati tutti con analogo modus operandi.

La banda di malviventi è stata dunque debellata definitivamente e assicurata alla giustizia grazie al lavoro dei carabinieri di Osimo comandati dal Maggiore Raffaele Conforti e coordinati dal Luogotente Luciano Almiento.

A finire in carcere, insieme a tutta la banda, Silviu DIMA, classe ‘85, detto “Cartus” che in lingua rumena significa “cartuccia”, originario di Galati (provincia della Romania tristemente nota per l’alto tasso di delinquenti seriali), ma da anni dimorante ad Alba Adriatica (TE), pluripregiudicato con un vasto curriculum criminale alle spalle, ritenuto il pericolosissimo capo dell’associazione banditesca.

L’uomo è stato rintracciato in Piemonte, ad Alessandria, dove si era rifugiato e trasferito con un altro gruppo di complici rom, per compiere altre razzie e spaccate ad esercizi pubblici e a distributori di carburanti.

Elenco dei delitti attribuiti:

Silviu Dima
  • Castelfidardo (AN) 13.01.2018, furto in ditta di attrezzatura edile;
  • Sirolo (AN) 13.01.2018 furto in abitazione di attrezzatura agricola, da giardinaggio e altro materiale vario consumato in via Piani d’Aspio, all’interno di una casa colonica (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Castelfidardo (AN) 14.01.2018, furto di veicolo e furto di targhe in concessionario, poi rinvenute, riguardanti l’autovettura BMW X6, non immatricolata, di proprietà di un 57enne osimano, coniugato, autotrasportatore, su cui erano apposte le targhe relative all’autovettura FIAT Punto di proprietà di un fidardense 70enne, titolare dell’autocarrozzeria sita a Castelfidardo in via Ho Chi Min, ove entrambi i suddetti veicoli erano custoditi.
  • Sirolo (AN) 15.01.2018 furto di veicolo poi rinvenuto relativo ad un autocarro asportato dall’interno del cortile dell’abitazione di una donna 55enne, residente a Sirolo (AN), in via Piani D’Aspio (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Numana (AN) 15.01.2018, furto in ditta di attrezzatura varia ai danni della Ditta Conte Leopardi, sita a Numana (AN) in via Marina II (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Castelfidardo (AN) 15.01.2018, furto in ditta edile di attrezzatura varia sita in località Cerretano;
  • Numana (AN) 15.01.2018, furto in esercizio commerciale della ditta “Talevi”, sita a Numana in via Delle Industrie s.n.c., (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Castelfidardo (AN) 15.01.2018, furto nella ditta “EGG s.r.l.”, sita in via S.S. nr. 16 Adriatica Km. 314+140, dove veniva tra l’altro veniva rubata anche l’autovettura RENAULT Megane;
  • Osimo (AN) 30.01.2018 spaccata alla “Sala Slot” Osimo Stazione – difronte la Stazione FF.SS. con rinvenimento veicolo rubato utilizzato per la “spaccata”: Sala Slot “VLT Victory”, sita a Osimo in via SS.16 Adriatica nr. 162/164, con Autovettura AUDI A4 SW Avant asportata il 29.01.2018 in Ascoli Piceno presso l’autoconcessionaria “PICENA AUTO”, rinvenuta abbandonata sul posto;
L’interno di un bar tabacchi visitato dalla banda

Osimo (AN) 02.02.2018, furto con spaccata in danno di Bar Tabacchi” della frazione Passatempo del comune di Osimo (AN) con rinvenimento veicolo rubato utilizzato per la “spaccata”: Bar dello Sport”, dove asportavano una slot-machine ed una macchina cambia-monete. I malviventi trasportavano i due apparati nel cortile di una casa disabitata sita a Filottrano (AN) in via Spescia nr. 4, ove li scassinavano mediante una smerigliatrice, prelevando il denaro in esse contenuto. I malviventi, mentre si allontanavano a bordo dell’autovettura HYUNDAI Santafé, venivano intercettati da militari della radiomobile osimana e costretti ad  abbandonare il veicolo, dandosi alla fuga a piedi nella campagna. La predetta autovettura, intestata alla ditta “F.lli Mariotti”, sita a Montelupone (MC), in via Zona Industriale Fermi s.n.c., risultava oggetto di furto avvenuto nella stessa notte in Montelupone (MC);

  • Filottrano (AN) 02.02.2018, furto di attrezzature edile in casolare di campagna;
  • Cingoli (MC) 02.02.2018, furto di autovettura poi rinvenuta: furto dell’autovettura CITROEN Saxo di proprietà di un 85enne nato e residente a Cingoli (denuncia sporta presso la Stazione di Cingoli);
  • Senigallia (AN) 12.02.2018, furto con spaccata alla “sala slot” presso la sala giochi “G-PLANET”, sita a Senigallia, frazione Marzocca, SS. Adriatica Sud n. 228/D, di proprietà di una donna 50enne anconetana (denuncia sporta presso la Stazione di Marzocca);
  • Falconara Marittima 12.02.2018 furto di autovettura utilizzata per la spaccata, poi rinvenuta: autovettura FIAT Croma risultata di proprietà di una donna 45enne residente a Volla (NA) (denuncia sporta presso la Stazione CC di Volla);
  • Colonnella (TE) 27.02.2018, furto con spaccata in danno della tabaccheria-alimentari sita in via Buonarroti nr. 8 (denuncia sporta presso la Stazione di Colonnella);
  • Monsampolo del Tronto (AP) 27.02.2018 furto con spaccata in danno di bar-tabacchi: ai danni del “Bar Tabacchi Pausa Caffè”, (denuncia sporta presso Stazione di Monsampolo del Tronto);
  • Centobuchi di Monteprandone (AP) il 27.02.2018 furto con spaccata in danno di bar-tabacchi; sito in via Dei Tigli nr. 48 (denuncia sporta presso Stazione di Monteprandone);
  • Ascoli Piceno tra il 17 e 19.02.2018 furto di veicolo utilizzato per le spaccate, poi rinvenuto: furto dell’autocarro FIAT Fiorino, asportato dalla ditta edile di proprietà di R.V. (denuncia sporta presso la Stazione CC di Villa Sant’Antonio (AP).
  • Roseto degli Abruzzi (TE) il 07.03.2018 furto con spaccata in danno di bar-tabacchi: bar “White Bar” (denuncia sporta presso la Stazione di Roseto degli Abruzzi);
Autovettura rubata utilizzata come “ariete” rinvenuta all’interno della sala Slot di Osimo Stazione
  • Roseto degli Abruzzi (TE) il 07.03.2018 furto di n. 2 autovetture utilizzate per le spaccate, poi entrambe rinvenute: furto delle autovetture TOYOTA Runner e VOLKSWAGEN Golf, (denunce sporte presso la Stazione di Roseto degli Abruzzi);
  • Morro D’Oro (TE) tra il 03.2018 ed il  07.03.2018 furto di un’autovettura utilizzata per la spaccata, poi rinvenuta: furto dell’autovettura DACIA Duster (denuncia sporta presso la Stazione di Roseto degli Abruzzi);
  • Numana, tra il 7 e 08 marzo 2018 n. 2 furti in ditta ai danni di nota ditta edile (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Numana (AN) 08.03.2018, Numana (AN), furto ai danni di nota ditta edile (denuncia sporta presso la Stazione di Numana);
  • Osimo (AN) tra il 10 e 11 marzo 2018 furto di autovettura utilizzata per la spaccata, poi rinvenuta: furto avvenuto in abitazione privata, in Via Ticino, dove dopo aver forzato una finestra, s’introducevano nel garage ed asportavano l’autovettura MERCEDES CLK 200 ed una smerigliatrice (denuncia sporta presso la Stazione di Osimo);
  • Castelfidardo, tra il 10 e 11 marzo 2018, furto in ditta: smerigliatrice asportata presso la ditta “G.G.M. s.a.s.”, sita a Castelfidardo (AN) in via Marcora (denuncia sporta presso la Stazione di Castelfidardo);
  • Montelupone (MC) il 13.03.2018, furto con spaccata in danno di tabaccheria: “Tabaccheria Fortinovo”, sita a Montelupone (MC) in Piazza del Comune, dove venivano asportati 81 pacchetti di sigarette di varie marche e la somma di €. 500,00 circa, in fuga a bordo dell’autovettura MERCEDES CLK, risultata oggetto del furto consumato l’11 marzo u.s. in Osimo. All’interno dell’autovettura utilizzata, si rinvenivano una mazza di grosse dimensioni ed altri arnesi da scasso utilizzati per commettere il delitto, nonché la smerigliatrice asportata unitamente all’autovettura ed un trapano oggetto di altro furto commesso l’11 marzo u.s., presso la ditta “G.G.M. s.a.s.”, sita a Castelfidardo (AN) in via Marcora nr. 8;
  • Spinetoli (AP) 01.04.2018 furto in danno di esercizio pubblico ai danni della ditta di produzione di prosciutti di proprietà di R.G. (denuncia sporta presso la Stazione di Spinetoli);
  • Ascoli Piceno 11.04. 2018 furto di materiale elettronico consumato all’interno della scuola di musica di computer e telefoni cellulari (denuncia sporta presso la Questura di Ascoli Piceno);
  • Numana, 12 .04. 2018 furto di attrezzatura in danno di tre ditte; ditta “Taddei s.a.s.” ubicata in Via dell’Artigianato, denunciava che i malfattori, durante la notte, previa effrazione di porta dello stabile, s’introducevano nella ditta ed asportavano una mazza in ferro da 5,00 Kg; ditta “FLP” ubicata in Via dell’Artigianato, denunciava che i malfattori, durante la notte, previa effrazione di finestra dello stabile, s’introducevano nella ditta senza nulla asportare; ditta “FASEC” ubicata in Via dell’Artigianato, denunciava che i malfattori, durante la notte, previa effrazione di porta e di una finestra dello stabile, s’introducevano nella ditta e tentavano di divellere una cassaforte a muro, non riuscendo nell’intento poiché messi in fuga dall’allarme e da una pattuglia dell’Istituto di Vigilanza “La Vedetta” di Ancona accorsa sul posto.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primarie del centrosinistra ad Ancona

Lo scontro politico per scegliere il candidato sindaco è fra Ida Simonella e Carlo Maria Pesaresi


Camerano, 23 novembre 2022 – A solleticare questo paneburro&marmellata – ultimamente non è semplice trovare argomenti stimolanti – è stato un lungo post su Facebook di Ezio Gabrielli pubblicato qualche giorno fa e intitolato “Si torna a respirare!”. Consiglio di leggerlo. Argomento: le primarie del centrosinistra ad Ancona per scegliere il candidato sindaco alle Amministrative del 2023.

Due sono i candidati: Ida Simonella, appoggiata apertamente e senza tanti fronzoli dal sindaco uscente Valeria Mancinelli, e Carlo Maria Pesaresi. Quest’ultimo, nelle grazie di Ezio Gabrielli: lo ammette con forza nel suo post di cui, tra l’altro, condivido quasi in toto l’analisi.

Sono 17 i seggi scelti per le primarie sparsi in città, ai quali domenica 27 novembre potranno accedere dalle ore 8.00 alle 20.00 (tranne i seggi 9 e 12 aperti dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00), tutti gli anconetani dai 16 anni in su, previo un minimo contributo in denaro che pare essere volontario.

La feroce critica di Gabrielli al doppio mandato consumato dalla Mancinelli, la condivido. Non conosco personalmente lui, o i due candidati in lizza, o la Sindaca uscente, per cui posso dire la mia senza vincoli di sorta.

«L’impegno di Carlo Pesaresi di questi giorni ha imposto a tutto il centrosinistra, comprese le parti più recalcitranti e settarie, di rimettersi in moto rianimando un sistema linfatico di relazione che l’approccio Mancinelliano della delega in bianco – ed è questa la critica più feroce che deve essere rivolta a quel gruppo dirigente – aveva inaridito», scrive Gabrielli. E ancora: «Il centrosinistra ha realmente creduto che si potesse presidiare un territorio con l’idea dell’uomo/donna forte a cui delegare le scelte… e lo scorso settembre ci siamo, anche nella nostra città, ritrovati con un corpo rattrappito (incapace financo di fare una iniziativa elettorale con tutti i candidati alla Camera, Senato e Primarie), bloccato dall’anoressia di confronto e di idee e così, ritrovarci con una manciata di voti di distanza dal centrodestra».

«Abbiamo governato bene – continua Gabrielli – ma abbiamo manifestato limiti; nelle dinamiche complesse (esempio fra tutte la costruzione dell’azienda unica provinciale dei rifiuti, obbiettivo principale che era stato dato alla Mancinelli sette anni fa), la politica della delega e della semplificazione arrogante non ha funzionato; un tempo siamo stati un capoluogo di regione ma abbiamo perso, in favore di una visione “paesana”, la capacità di esercitare quel ruolo».

Su “abbiamo governato bene” caro Gabrielli, dissento. L’Ancona di oggi non è migliore di quella presa in mano dalla Mancinelli dieci anni fa. Ancona capoluogo di regione, oggi, è una bestemmia. Basta fare un giro a Fano, Pesaro Urbino, Civitanova o Ascoli per capire e toccare con mano quanta vita sociale ed economica in più ci sia in quelle realtà rispetto alla dorica. Invito i lettori ad esprimersi su questo concetto.

In ultimo, al di là delle manovre di partito e degli eventuali interessi in gioco, personalmente m’interessa poco chi sarà il candidato Sindaco di Ancona del centrosinistra. Che sia Simonella o che sia Pesaresi – dalle voci di corridoio, il vincitore delle primarie del centrosinistra si dovrà misurare con il candidato di centrodestra Daniele Silvetti, attuale presidente dell’Ente Parco del Conero, ma non c’è nulla di ufficiale – quel che davvero m’interessa, e credo sia così anche per la gran parte degli anconetani, è che il nuovo Sindaco di Ancona abbia le capacità necessarie, e la giusta visione, per riportare Ancona al centro della regione Marche sul piano politico, geografico, sociale, industriale, culturale e turistico. Un gran lavoro, non lo nego, ma è un lavoro che va fatto se Ancona vuole restare a pieno titolo capoluogo di regione.

© riproduzione riservata


link dell'articolo