Osimo festeggia San Giuseppe patrono della città

Benemerenze, consegna di attestati, concerti e processione con banda. Cancellati i fuochi: la spesa devoluta alle popolazioni colpite dal sisma

Osimo. È alle porte la festa che celebra il patrono di Osimo, San Giuseppe, ricorrenza che, come da tradizione, verrà celebrata a cavallo tra il 17 e il 18 settembre. Tra le numerose iniziative promosse dal Comune compare la consegna delle civiche benemerenze ai senza testa d’eccezione che si sono distinti per il loro impegno a favore della comunità locale.

da sinistra, l'assessore allo Sport Alex Andreoli consegna un riconoscimento a Paolo Bianconi
da sinistra, l’assessore allo Sport Alex Andreoli consegna un riconoscimento a Paolo Bianconi

La cerimonia si svolgerà alle ore 21.00 presso l’atrio del Palazzo Comunale alla presenza delle autorità civili, militari e religiose. A ricevere il prestigioso riconoscimento saranno Paolo Bianconi e Pietro Alessandrini. Il professor Bianconi, docente di scienze motorie e figura di spicco  non solo nel basket ma in tutto lo scenario sportivo osimano, ha ricoperto l’incarico di Assessore allo sport dal 1970 al 1985. Presidente del Centro Minibasket Robur, Consigliere di Lega e Vice Presidente vicario della Lega Nazionale Dilettanti, nonché membro del Panathlon Club di Osimo, di cui è stato ideatore e fondatore.

Pietro Alessandrini, a destra, con Paola Andreoni, presidente del Consiglio di Osimo
Pietro Alessandrini, a destra, con Paola Andreoni, presidente del Consiglio di Osimo

Pietro Alessandrini, professore emerito di Politica Economica presso la facoltà di Economia di Ancona è una delle menti più brillanti in quanto a studi legati a economia e politica monetaria. Ha lavorato presso la Banca d’Italia, svolto attività di ricerca nelle università di Oxford, Cambridge e Dublino, ricoperto cariche accademiche e firmato svariati contributi di carattere scientifico. Oggi è direttore del MoFir (Money and Finance Research Group).

Nella stessa serata verrà consegnata la cittadinanza onoraria ad altre due figure protagoniste della storia della città. Franz Heiss, appuntato dell’Arma dei Carabinieri di Vipiteno (Bolzano) che il 22 luglio 1998 trasse in salvo Giada Frontini, bambina osimana di tre anni in vacanza con i genitori. Scivolata in un dirupo durante un’escursione sulle cascate di Stanghe, deve la vita all’intervento dell’oggi quarantaseienne Heiss che si calò a mani nude lungo la parete rocciosa per raggiungere la piccola. Alla storia dell’uomo coraggioso ha dedicato un servizio lo scorso dicembre la trasmissione “Il Dono”, in onda su Rai 1, condotta da Paola Perego. Nell’occasione la famiglia Frontini ha potuto riabbracciare il carabiniere eroe.

L'appuntato dei carabinieri, Franz Heiss, abbracciato da un esponente della famiglia Frontini
L’appuntato dei carabinieri, Franz Heiss, abbracciato da un esponente della famiglia Frontini

Degna di nota anche la storia della cantante lirica Raina Kabaivanska, bulgara d’origine e dal 1996 docente presso l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo. Una strabiliante carriera sui palcoscenici di tutto il mondo inaugurata nel 1961 con il debutto al Teatro della Scala di Milano e da allora mai interrotta.

Durante la cerimonia verranno consegnati titoli anche ad altre figure attive nel panorama cittadino.

A Franco Salciccia e Claudio Guercetti il premio “Una vita per il lavoro”, mentre al dirigente sportivo ed ex calciatore Francesco Bellucci (difensore che ha giocato a Osimo, Bari, Avellino, Cagliari, Lecce, Treviso, Messina, Lucca), e al dirigente dell’Osimana calcio Gianni Giacco, quello di “Amico dello sport”. Il riconoscimento per la solidarietà andrà infine a Giovanni Bambozzi. La benemerenza alla memoria sarà destinata a  Leonardo Angeloni, Rossano Graciotti, Maurizio Maggiori e Carlo Nicoletti.

la cantante lirica Raina Kabaivanska
la cantante lirica Raina Kabaivanska

La cerimonia si inserisce all’interno di un calendario piuttosti fitto di eventi laici e religiosi programmati per celebrare il patrono cittadino. Oltre alla consueta fiera che sarà allestita da venerdì a domenica, gli eventi previsti sono:

venerdì 16 a piazza Boccolino, ore 21.15: presentazione della squadra La Nef Libertas Osimo; ore 22: Tributo ai Beach Boys con Good Vibrations.

sabato 17 ore 21.45, premiazione dei vincitori “Diplomati e laureati con l’Avis”, riguardante l’anno scolastico 2015/2016; ore 22,  piazza Boccolino, Uccio Aloisi Group, concerto di Pizzica e Taranta Salentina.

sabato e domenica, atrio del palazzo comunale: mostra fotografica collettiva Circolo Fotografico Mario Giacomelli.

domenica 18, ore 14, gara ciclistica nazionale; ore 18, Piazza del Comune, premiazione XXVIII° Trofeo Rigoberto Lamonica Coppa “San Giuseppe da Copertino”; ore 19, Teatro La Nuova Fenice, “Gran galà di danza” con Anbeta Toromani, Kledi Kadiu, Mr. Byron; ore 21,30 piazza Boccolino, Max Giusti e la sua band in concerto.

Tra gli appuntamenti religiosi, invece, sabato 17, dopo la messa celebrata da Monsignor Carlo Bresciani, si svolgerà la tradizionale processione accompagnata dalla banda cittadina. L’itinerario interesserà le via San Francesco e Campana per poi proseguire su Piazza Dante, Corso Mazzini, Piazza del Comune e via Pontelli.

Di comune accordo con la comunità dell’Ordine dei frati minori, conventuali, l’amministrazione comunale ha scelto di annullare lo spettacolo pirotecnico previsto per domenica 18 e devolvere la somma risparmiata in favore delle popolazioni colpite dal sisma.


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo