Osimo – Debellata la banda dei ladri pendolari pugliesi

Arrestate 8 persone specializzate in furti ai depositi di merce

OsimoSono definiti i pendolari del furto. Dalla città di Foggia e dalla provincia foggiana si spostavano nel centro-nord Italia per rubare nelle aziende di stoccaggio di merce. Avevano scelto le Marche ed in particolare le province di Ancona e Macerata, considerati territori fertili da depredare, senza tener conto dei carabinieri della Compagnia di Osimo che nel frattempo li avevano individuati e li attendevano per arrestarli.

Sono diverse le bande organizzate che rubano ogni tipo di merce con l'ausilio di Tir. Una pratica diffusa che prima o poi viene comunque stroncata dall'ottimo lavoro dei Carabinieri
Sono diverse le bande organizzate che rubano ogni tipo di merce con l’ausilio di Tir. Una pratica diffusa che prima o poi viene comunque stroncata dall’ottimo lavoro dei Carabinieri (foto d’archivio)

I carabinieri, al comando del cap. Raffaele Conforti, ed il Nucleo Operativo Radiomobile diretto dal luogotenente Luciano Almiento, dopo indagini articolate e intercettazioni telefoniche, controlli e pedinamenti, sono riusciti ad incastrare e arrestare le otto persone della banda. Avevano appena compiuto il furto di circa 500 pneumatici tutti nuovi per un valore quantificato in oltre 250 mila euro, tutti caricati su un semirimorchio di circa 13 metri, stracolmo e trainato da una motrice. Semirimorchio e motrice risultati poi rubati in Foggia, in località San Severo.

Le indagini sono iniziate nel mese di novembre 2016, dopo alcuni furti di rame avvenuti in località San Biagio di Osimo e Osimo Stazione. Le speciali modalità operative con cui erano stati eseguiti, e la cadenza settimanale, avevano permesso agli investigatori osimani di  giungere alla conclusione che si trattava di una banda specializzata, composta da numerose persone che agivano con volto parzialmente modificato, agli ordini di un “capo” che coordinava tutto il sodalizio, ovvero il basista di Loreto.

Il tutto eseguito sempre a colpo sicuro, con la presenza di un complice che conosceva bene l’ambiente in cui operavano, le aziende da depredare e con la certezza della merce da asportare. Altra particolarità: i luoghi in cui colpivano si trovavano quasi sempre a pochi passi dai caselli autostradali.

Di conseguenza, le indagini venivano estese in tutta la provincia di Ancona e non solo, prendendo in considerazione le zone industriali ubicate presso i caselli A/14 della riviera marchigiana.

L’indagine minuziosa ha dato i primi risultati quando sono stati individuati alcuni Tir e automobili in uso a soggetti di origini foggiane, alcuni dei quali dediti ai furti in capannoni industriali. La conseguente attività di controllo ha poi individuato più soggetti, sempre di origini foggiane, che erano collegati con un loro “paesano” residente in Val Musone.

Intensificati i servizi, e ipotizzate le probabili date in cui potevano colpire, la sera dell’ 11.01.2017 i carabinieri di Osimo hanno predisposto un servizio capillare di controllo presso i caselli autostradali e le zone industriali: due autoradio, cinque pattuglie in divisa e tre in borghese.

Alle 22.30, individuato il basista presso il casello A/14 Ancona Nord, scattava l’operazione. Veniva individuata anche la presenza di due autovetture di soggetti di origini foggiane, pluripregiudicati per furti specifici.

Era ormai chiaro che si stava per commettere un furto ma bisognava capire dove.

La risposta arrivava all’una di notte, al casello di Osimo, sottoforma di una motrice marca Scania di colore rosso rubata in quel di Foggia. Pedinata a distanza dai militi, questa giungeva nella zona industriale di Jesi presso un deposito di gomme. Immediatamente, venivano messi sotto sorveglianza tutti i caselli autostradali e tutta la SS 16 con l’ausilio di altre pattuglie dei nuclei di Jesi e Ancona.

Un deposito di pneumatici per auto
Un deposito di pneumatici per auto

Verso le 2.00 la motrice usciva dal deposito di gomme trainando un grosso rimorchio lungo circa 13 metri, la seguiva un’autovettura di grossa cilindrata, sempre in uso ai pregiudicati foggiani. A ruota, dal deposito usciva anche una station wagon con 6 persone a bordo. L’autoarticolato e la vettura “staffetta” entravano subito in autostrada direzione sud, mentre i sei soggetti si dirigevano in un parcheggio dove avevano lasciato in sosta le proprie auto.

All’altezza del casello A/14 di Osimo, dopo una repentina e breve fuga con inseguimento, quattro pattuglie bloccavano il Tir rubato e l’auto staffetta, accertando così che il rimorchio era stracolmo di pneumatici di varie marche e misure. L’autista del tir e quello dell’auto venivano subito dichiarati in stato di arresto.

Nel corso del controllo, il passeggero del Tir riusciva a farla franca scendendo dal mezzo quando era ancora in corsa, dileguandosi nella campagna circostante. Nell’immediato, la sua ricerca dava esito negativo.

In contemporanea, le altre pattuglie provvedevano al fermo e all’arresto degli altri 6 soggetti. Anche in questo caso uno di loro, dopo aver spintonato un carabiniere, tentava la fuga a piedi, ma veniva bloccato prontamente.

L’altro fuggitivo, quello dell’autostrada, è stato già individuato e per lui le ore sono contate.

La banda è risultata essere ben organizzata, composta da soggetti con compiti precisi: “il basista” individuava le ditte da depredare; “il capo” riuniva i partecipanti e organizzava la trasferta; la manovalanza caricava la merce sui bilici; il “palo” funzionava anche da “staffetta”.

Ora che tutti gli arrestati sono stati assicurati alla giustizia e rinchiusi nei carceri di Ancona e Pesaro, inizia per gli investigatori dei carabinieri di Osimo il certosino lavoro di individuare i ricettatori, e soprattutto addebitare al sodalizio la responsabilità dei grossi furti commessi in Provincia di Ancona e non solo.

Il “basista” è stato trovato in possesso di un’agenda nella quale erano segnate le varie città da colpire, con abbinata la tipologia di merce esistente nelle ditte del luogo e che veniva trattata più sovente. Ad esempio: per Osimo il rame ed i pannelli fotovoltaici; per Filottrano e Civitanova era indicato l’abbigliamento; per Porto Sant’Elpidio e il fermano le scarpe con tanto di marchio; per i comuni dell’ascolano il pesce e così via.

Per quanto riguarda invece la provincia di Macerata, alla banda è già stato attribuito il colpo commesso pochi giorni fa a Treia, dove dalla ditta “Filottrani” sono state asportate circa 20 stufe a pellet per un ingente valore commerciale. Sicuramente sono gli stessi autori dei furti di stufe avvenuti in Sarnano, Castignano e Ripatransone.

I componenti della banda arrestata

la-banda-dei-foggiani

  1. CONSOLE Giuseppe, nato a Foggia il 02.07.1955, residente a Loreto (AN), vedovo, autista, pluripregiudicato, (basista);
  2. DI CANIO Antonio, nato a Foggia il 12.06.1971, ivi residente, coniugato, operaio, pluripregiudicato;
  3. DI CANIO Gaetano, nato a Foggia il 30.03.1969, ivi residente, coniugato, bracciante agricolo, pluripregiudicato;
  4. DI CANIO Michele, nato a Foggia il 22.03.1975, ivi residente, coniugato, bracciante agricolo, pluripregiudicato;
  5. DI CANIO Michele, nato a Foggia il 30.01.1994, ivi residente, celibe, nullafacente, incensurato;
  6. LA GATTA Giorgio, nato a Foggia il 25.12.1985, ivi residente, coniugato, nullafacente, pluripregiudicato;
  7. SARROCCO Pasquale, nato a Foggia il 07.06.1991, residente a Castelnuovo della Daunia (FG), celibe, autotrasportatore, pluripregiudicato;
  8. SOCCIO Michele Arcangelo, nato a San Severo (FG) il 17.03.1977, ivi residente, coniugato, disoccupato, pluripregiudicato.

Capo d’imputazione

  • Furto aggravato in concorso – artt. 110, 624 e 625 c.p.;
  • Riciclaggio – art. 648 bis c.p.;
  • Resistenza a un Pubblico Ufficiale – art. 337 c.p.;
  • Lesioni personali – art. 582 c.p..

 

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Come cambia l’informazione al tempo dei social

La capacità delle Amministrazioni comunali di trasmettere il proprio operato


Camerano, 16 maggio 2022 – È fuori da ogni dubbio o discussione: l’avvento dei social ha letteralmente stravolto il mondo della comunicazione, il modo di fare informazione e dare le notizie. A volte migliorando le cose, a volte peggiorandole in modo inaccettabile e, spesso, dannoso.

L’avvento del web, e di piattaforme come Facebook, Tik Tok, Twitter, WhatsApp, Telegram, ha aperto spazi infiniti e fatto crollare muri dell’incomunicabilità prima inaccessibili. Ma, se da un verso ha messo in comunicazione fra loro gli individui di tre quarti del mondo, da un altro ha concesso diritto di parola e di replica anche agli imbecilli che, considerati certi interventi visti su Facebook, prolificano a tutte le latitudini dell’emisfero. Umberto Eco docet, quando affermò: «I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli». Era il giugno del 2015.

La sua affermazione, oggi, è stata ampiamente dimostrata. Nel campo della comunicazione, che andrebbe trattata con molta delicatezza, ci si sente tutti giornalisti. Tanti, troppi i novelli Indro Montanelli o Enzo Biagi che sia, pronti a dare per primi lo scoop giornaliero di quanto accaduto sotto casa, o al vicino di pianerottolo, o in piazza, o dall’altro capo del mondo, con il risultato di spargere spazzatura a destra e a manca. Tanti, troppi quelli che riprendono dai social una news e, convinti d’essere gli unici, la fanno rimbalzare qua e là aggiungendo – o togliendo – qualche contenuto. Tanti, troppi quelli che gli danno seguito, non verificano le fonti e contribuiscono ad allagare l’oceano delle fake news.

Poi, ci sono gli Enti pubblici, i Comuni che, come diretta conseguenza dell’avvento dei social, sono stati costretti a dotarsi di Uffici stampa per soddisfare con comunicati giornalieri le bocche fameliche delle miriadi di testate giornalistiche (tra cui la nostra), nate grazie alla facilità di comunicare attraverso i social. Oggi, un Ufficio stampa non si nega a nessuno, ce l’hanno quasi tutti, anche quelle piccole realtà che un tempo non se lo sognavano neppure lontanamente. Anche se, spesso, a gestire un Ufficio stampa non sono giornalisti iscritti all’Ordine ma figure che l’Ordine dei giornalisti non sa neppure dove sia.

E veniamo alle dolenti note. Mica tutti i Comuni si sono attrezzati seguendo le regole e la legge; addirittura, alcuni Comuni non si sono attrezzati affatto. In alcuni Comuni il Sindaco, vuoi per risparmiare, vuoi perché si considera la reincarnazione di San Francesco di Sales, vuoi perché di comunicare quel che fa non gli interessa affatto (un modo comodo comodo per farsi gli affari propri), l’Ufficio stampa se lo fa da sé. Quando comunica.

Corriere del Conero da sei anni ormai informa i propri lettori attraverso sei pagine dedicate ad altrettanti Comuni: Camerano, Castelfidardo, Loreto, Osimo, Numana, Sirolo; più una settima pagina, chiamata Dal Mondo, dove finiscono tutte le altre notizie che arrivano da Ancona e dalle altre quattro province marchigiane. La nostra è un’informazione a carattere regionale anche se, grazie al web, siamo letti in tutto il mondo.

In questi sei anni abbiamo collaborato – a volte scontrandoci – con questi Comuni e i rispettivi Sindaci. Non tutti sono attrezzati come dovrebbero nel comunicare ai giornali il proprio operato. Ma va detto che comunque la figura del Sindaco è quella che la fa da padrone, nel bene e nel male. C’è Sindaco e Sindaco, c’è chi esagera e chi se ne frega, c’è chi favorisce una testata a scapito di un’altra, c’è chi informa il meno possibile e chi ti sommerge di comunicati ma nel modo sbagliato. Ecco, di seguito, una nostra personale classifica stilata in base alla nostra esperienza e riferita ai Comuni che informiamo.

posizione

Comune

motivazione
1OSIMOHa un sito web ufficiale e una pagina social. Non ha un Ufficio stampa. Alcuni comunicati arrivano dalla segreteria del Sindaco; altri dal gruppo consiliare del PD; moltissimi dal sindaco Pugnaloni in persona che elogiamo per la sua puntualità, l’ampiezza dell’informazione e la completezza dei comunicati quasi sempre corredati da foto. Merita ampiamente il primo posto anche grazie al fatto che Pugnaloni ha creato una chat riservata ai soli giornalisti.
2CASTELFIDARDOHa un sito web ufficiale e una pagina social. Ha una persona che cura l’Ufficio stampa e puntualmente contatta i giornali attraverso Telegram. I suoi comunicati sono ampi, corredati da foto e informano su tutto lo scibile del Comune e anche qualcosa in più.
3ANCONAHa un sito web ufficiale e più di una pagina social. Ha un Ufficio stampa che impiega diversi giornalisti professionisti, strano trovare un Capoluogo di regione al terzo posto. La sua comunicazione verso le testate giornalistiche è la più ampia in assoluto. Peccato che, nonostante in redazione arrivino quotidianamente montagne di comunicati, questi spesso sono privi di fotografie e, dunque, impubblicabili per una testata online come la nostra. Con la forza lavoro che ha, potrebbe fare molto di più. Problema segnalato più volte.
4SIROLOHa un sito web ufficiale che potrebbe essere migliorato e una pagina social. Non ha un Ufficio stampa. Insieme a Numana è il Comune con meno residenti (Sirolo, 4mila e rotti; Numana 3.700 e rotti). La comunicazione ai giornali la fa quasi esclusivamente il sindaco Filippo Moschella, spesso rubando tempo al suo tempo libero. Nonostante ciò, da quando in Comune c’è lui la comunicazione da e su Sirolo è migliorata parecchio.
5NUMANAHa un sito web ufficiale e uno per il turismo e una pagina social. Ha un Ufficio stampa curato da una persona. Anni addietro la comunicazione con le testate giornalistiche locali era continuativa, tanto che Numana ricopriva posizioni di vertice nella ns. classifica. Da un paio d’anni a questa parte la comunicazione, molto ricca, si è concentrata sulla stagione turistica estiva, lasciando piuttosto scoperto il resto dell’anno. Peccato!
6LORETOHa un sito web ufficiale e una pagina social. Non ha un Ufficio stampa. Almeno, a noi non risulta: non riceviamo comunicati da questo Comune da almeno un anno. Abbiamo contattato per questo il sindaco Moreno Pieroni che si è detto sorpreso e che avrebbe provveduto. Ad oggi, non ha provveduto affatto. La sua comunicazione, tutta personale, per quel che ne sappiamo l’affida ad un videomessaggio che pubblica settimanalmente, tutti i lunedì, sulla pagina social del Comune.
7CAMERANOHa un sito web ufficiale e una pagina social. Non ha un Ufficio stampa. Spiace vedere Camerano all’ultimo posto, ma tant’è, nonostante qui abbia sede la nostra testata. All’inizio del suo mandato il sindaco Oriano Mercante, contattato telefonicamente dal giornale per approfondire un tema, rispose che lui per telefono non rilasciava dichiarazioni, e che avrebbe risposto con i comunicati stampa. Sono passati sette mesi ma di comunicati a firma del Sindaco non ne abbiamo mai ricevuti. Nulla è cambiato, tra l’altro, rispetto all’Amministrazione precedente. Alla ns. redazione manca tantissimo l’assessore Costantino Renato, puntualissimo e molto professionale nei comunicati alle testate giornalistiche.

 

© riproduzione riservata


link dell'articolo