Ferruccio de Bortoli chiude ad Osimo il 5° festival del giornalismo d’inchiesta

Osimo. Sabato 24 settembre, ore 21.15, presso il Chiostro San Francesco andrà in scena la serata conclusiva del Festival del giornalismo d’inchiesta marchigiano. A calcare il palco di quest’ultima arena osimana sarà Ferruccio de Bortoli, penna di primo piano nel panorama giornalistico nazionale.

BIOGRAFIA

Laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano, giornalista professionista dal 1973, de Bortoli vanta una lunga militanza al Corriere della Sera, dove ha esordito nel 1979 in qualità di cronista, per poi passare alle pagine economiche.

La prima nomina a direttore del quotidiano di via Solferino arriva nel 1997. Nel giugno del 2003 lascia il Corriere per la Rcs Libri, dove ricopre la carica di amministratore delegato. È direttore responsabile del Sole 24 Ore e direttore editoriale del Gruppo Sole 24 Ore dal 2005 al 2009, anno in cui torna alla guida del Corriere della Sera, per restarci fino al 2015.

Per quanto riguarda il campo dell’editoria, è stato presidente della Casa Editrice Flammarion e vice presidente dell’Associazione Italiana Editori (A.I.E). Oggi è presidente di Longanesi.

Attivo anche sul piano sociale, dal 2006 al 2009 de Bortoli ha ricoperto il ruolo di presidente della Fondazione Pier Lombardo di Milano, che si occupa di preservare la funzionalità dello storico Teatro Franco Parente. Tutt’ora è al vertice dell’Associazione Vidas, sempre di Milano, che garantisce assistenza gratuita ai malati terminali e della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano.

de-bortoli-festival-giornalismo-2016-700x1000-2

In virtù di quest’ultimo incarico, nel 2012 la sezione osimana dell’A.N.P.I. gli ha conferito il Premio nazionale Renato Benedetto Fabrizi, intitolato alla memoria dell’antifascista nato a Osimo e destinato, ogni anno, ai personaggi che si distinguono attraverso iniziative a favore dei diritti umani.

Tra gli altri riconoscimenti ricevuti, il titolo Inquieto dell’anno 2011, il Premio Buone Notizie nel 2014, il Premio Giano consegnato nel 2015 da Confartigianato per l’impegno a sostegno delle piccole e medie imprese italiane.

Per quanto riguarda il giornalismo, è stato anche caporedattore dell’Europeo e firma del quotidiano svizzero in lingua italiana Corriere del Ticino. Nel 2008, per l’editore La Scuola, ha pubblicato L’informazione che cambia, un saggio che ripropone un’intervista rilasciata da de Bortoli a Stefano Natoli, riguardante lo stato attuale dell’informazione giornalistica, il modo in cui il mestiere del giornalista si è trasformato, le evoluzioni segnate dall’avvento delle tecnologie e dei media.

Ferruccio de Bortoli
Ferruccio de Bortoli

Un nome, insomma, quello che sarà ospite sabato a Osimo, che ha contribuito a raccontare la storia della penisola. Nella cornice del chiostro di San Francesco, de Bortoli proporrà un quadro della situazione economica nazionale ed internazionale e potrà interagire con il pubblico presente.

La serata, a coronamento di una manifestazione che si snoda tra Camerano, Montefano e Filottrano nasce da un’idea dello Juter-Club osimano, è giunta alla quinta edizione. La partecipazione alle serate in cartellone, per gli iscritti all’Ordine dei giornalisti, servirà al riconoscimento dei crediti formativi. Otto, per la serata di de Bortoli.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Marchigiani: rabbia, orgoglio e dignità

Un onore appartenere a questo popolo un po’ dorico un po’ piceno


Camerano, 21 settembre 2022 – Non voglio star qui a commentare ciò che è successo nella notte fra giovedì 15 e venerdì 16 settembre 2022 nelle Marche. Né i morti di Ostra, i disastri a Sassoferrato, Pianello, Corinaldo, Cantiano, Senigallia, per citarne solo alcuni. O la reiterata piena del Misa, le responsabilità di chi doveva fare e non ha fatto. O i dispersi… Se ne è parlato e se ne sta parlando, forse anche troppo, su tutti i media social compresi.

No, non commento, sperando, finalmente, che le responsabilità di chi poteva arginare i danni e se n’è fregato saltino fuori e i colpevoli vengano puniti. Magra consolazione però di fronte ai morti, dispersi, feriti o ai rimasti senza un’abitazione.

Di fronte ad un’alluvione con conseguenze così drammatiche come quest’ultima, aspettando che la Magistratura e la Giustizia facciano il loro corso, vorrei sottolineare invece la reazione dei marchigiani. Rabbia sì, tanta, tantissima, perché gran parte dei disastri si sarebbero potuti evitare visti i precedenti del 2014. Ma anche tanto orgoglio e dignità.

Senza tante chiacchiere, senza aspettare inermi gli aiuti che comunque sono arrivati anche da mezza Italia, i marchigiani colpiti dal disastro si sono da subito rimboccati le maniche e, indossati gli stivali e agguantate le pale e le scope, si sono messi immediatamente all’opera per spalare via dal fango strade, garage, cantine e abitazioni allagate.

Mentre Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari cercavano i morti e i dispersi, tanti giovani studenti, operai, commercianti, imprenditori e liberi professionisti, uniti dallo stesso intento e tutti insieme, si sono riversati per strada cercando di salvare il salvabile. Con orgoglio e dignità. L’orgoglio e la dignità di un antico popolo di mare avvezzo a fare da sé di fronte agli accidenti della vita. Perché i marchigiani sanno da sempre come si fa a rialzare la testa, con tigna e la forza delle proprie braccia.

Ma c’è anche di più, e questo solo i marchigiani lo possono capire. Vedere gruppi di tifosi dell’Ascoli e dell’Ancona – acerrimi nemici quando si tratta di calcio giocato – lavorare fianco a fianco a Senigallia e Borgo Bicchia pale in mano, sporchi di fango e stremati dalla fatica, dà la vera misura di cosa significhi la solidarietà, l’orgoglio e la dignità di questo popolo un po’ dorico e un po’ piceno (foto, Curva Nord Ancona).

Scene particolari che ad un vecchio cronista di provincia come me fanno sentire fino in fondo, e con sincero orgoglio, il senso d’appartenenza a questa gente. Se questi sono i marchigiani, è un onore per me essere nato in questa regione. Grazie a tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno lavorato per far rialzare la testa alle mie Marche!

© riproduzione riservata


link dell'articolo