Ferruccio de Bortoli chiude ad Osimo il 5° festival del giornalismo d’inchiesta

Osimo. Sabato 24 settembre, ore 21.15, presso il Chiostro San Francesco andrà in scena la serata conclusiva del Festival del giornalismo d’inchiesta marchigiano. A calcare il palco di quest’ultima arena osimana sarà Ferruccio de Bortoli, penna di primo piano nel panorama giornalistico nazionale.

BIOGRAFIA

Laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano, giornalista professionista dal 1973, de Bortoli vanta una lunga militanza al Corriere della Sera, dove ha esordito nel 1979 in qualità di cronista, per poi passare alle pagine economiche.

La prima nomina a direttore del quotidiano di via Solferino arriva nel 1997. Nel giugno del 2003 lascia il Corriere per la Rcs Libri, dove ricopre la carica di amministratore delegato. È direttore responsabile del Sole 24 Ore e direttore editoriale del Gruppo Sole 24 Ore dal 2005 al 2009, anno in cui torna alla guida del Corriere della Sera, per restarci fino al 2015.

Per quanto riguarda il campo dell’editoria, è stato presidente della Casa Editrice Flammarion e vice presidente dell’Associazione Italiana Editori (A.I.E). Oggi è presidente di Longanesi.

Attivo anche sul piano sociale, dal 2006 al 2009 de Bortoli ha ricoperto il ruolo di presidente della Fondazione Pier Lombardo di Milano, che si occupa di preservare la funzionalità dello storico Teatro Franco Parente. Tutt’ora è al vertice dell’Associazione Vidas, sempre di Milano, che garantisce assistenza gratuita ai malati terminali e della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano.

de-bortoli-festival-giornalismo-2016-700x1000-2

In virtù di quest’ultimo incarico, nel 2012 la sezione osimana dell’A.N.P.I. gli ha conferito il Premio nazionale Renato Benedetto Fabrizi, intitolato alla memoria dell’antifascista nato a Osimo e destinato, ogni anno, ai personaggi che si distinguono attraverso iniziative a favore dei diritti umani.

Tra gli altri riconoscimenti ricevuti, il titolo Inquieto dell’anno 2011, il Premio Buone Notizie nel 2014, il Premio Giano consegnato nel 2015 da Confartigianato per l’impegno a sostegno delle piccole e medie imprese italiane.

Per quanto riguarda il giornalismo, è stato anche caporedattore dell’Europeo e firma del quotidiano svizzero in lingua italiana Corriere del Ticino. Nel 2008, per l’editore La Scuola, ha pubblicato L’informazione che cambia, un saggio che ripropone un’intervista rilasciata da de Bortoli a Stefano Natoli, riguardante lo stato attuale dell’informazione giornalistica, il modo in cui il mestiere del giornalista si è trasformato, le evoluzioni segnate dall’avvento delle tecnologie e dei media.

Ferruccio de Bortoli
Ferruccio de Bortoli

Un nome, insomma, quello che sarà ospite sabato a Osimo, che ha contribuito a raccontare la storia della penisola. Nella cornice del chiostro di San Francesco, de Bortoli proporrà un quadro della situazione economica nazionale ed internazionale e potrà interagire con il pubblico presente.

La serata, a coronamento di una manifestazione che si snoda tra Camerano, Montefano e Filottrano nasce da un’idea dello Juter-Club osimano, è giunta alla quinta edizione. La partecipazione alle serate in cartellone, per gli iscritti all’Ordine dei giornalisti, servirà al riconoscimento dei crediti formativi. Otto, per la serata di de Bortoli.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo