Subissati realizzerà la nuova scuola elementare a Marcelli

Con un punteggio di 99,29 su 100 la ditta Subissati di Ostra Vetere ha vinto il bando di gara per la realizzazione del primo stralcio del polo scolastico di Numana

Numana – Partiranno presto i lavori di realizzazione del nuovo polo scolastico di Numana in via Bologna di Marcelli che comprenderà la scuola elementare e la materna per un costo totale di 1,1 milioni di euro.

L'area dove sorgerà la nuova scuola di Numana
L’area dove sorgerà la nuova scuola di Numana

Il primo stralcio relativo alla scuola elementare, che è stato oggetto della gara di appalto indetta dal Comune di Numana a ridosso del Natale, è stato aggiudicato a Subissati, l’azienda di Ostra Vetere specializzata in strutture in legno che ha realizzato recentemente anche il centro civico delle Acli agli Svarchi.

Il costo totale dell’intervento ammonta a circa 750mila euro, di cui 680mila per i lavori veri e propri e i restanti 70mila a disposizione della stazione appaltante.

Il progetto ecesutivo della nuova scuola
Il progetto esecutivo della nuova scuola

La nuova scuola elementare, progettata dall’ing. Adriano Agnesi, prevede un ambiente ricco, variegato e sensorialmente interessante, capace quindi di generare benessere nei bambini che hanno un approccio alla conoscenza caratterizzato da una forte sinestesia, in cui un senso attiva gli altri.

La struttura, per la cui realizzazione sono previsti 130 giorni, sarà a un piano, eco-sostenibile, realizzata in legno, con un giardino per ogni classe e ovviamente antisismica, caratteristica molto sentita dalla cittadinanza dopo i dubbi sollevati dalla valutazione di idoneità statica della scuola Elia effettuata nel 2009.

Il prospetto esecutivo
Il prospetto esecutivo

Soddisfatto il sindaco Gianluigi Tombolini, che prevede già prima dell’estate un nuovo bando di gara per la realizzazione del secondo stralcio relativo alla scuola materna.

«Il nostro obiettivo è essere rapidi – ha dichiarato Tombolini – e dare una scuola sicura ai nostri ragazzi. I tempi sono stati strettissimi e gli uffici hanno lavorato bene. Quando si parla di scuola si parla di civiltà, i nostri ragazzi devono essere al sicuro».

Per stabilire i criteri del bando di gara, era stata creata una commissione con gli insegnati che avevano offerto suggerimenti e consigli per rendere la scuola il più funzionale possibile, pur rispettando il budget a disposizione.

Il render della nuova scuola
Il render della nuova scuola

Tra le richieste: grandi aule polifunzionali per le attività di gruppo, la posizione dei bagni, la viabilità, ingressi separati per elementari e materna e zone coperte dove i genitori possono attendere i propri figli.

«Canterò vittoria quando la inaugurerò! – ha concluso il sindaco – Ho trovato i soldi, abbiamo fatto il progetto, ieri la gara aggiudicata… ora bisogna realizzarla. Credo che la scuola sia un’opera importante che interessa tutta la cittadinanza».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi