Numana – L’impagabile e prezioso lavoro delle associazioni di volontariato

Tombolini le ringrazia pubblicamente plaudendo alla generosità dei numanesi

Numana – Prosegue l’incessante e preziosa opera di volontariato delle associazioni numanesi a favore delle popolazioni terremotate, supervisionate dal sindaco Gianluigi Tombolini e dal vicesindaco ed assessore alle Politiche sociali Gabriele Calducci.

Gianluigi Tombolini, sindaco di Numana
Gianluigi Tombolini, sindaco di Numana

L’operatività principale viene svolta dall’associazione volontari Humana – La Fenice, seguita dalle altre, in primis la Croce Bianca. Certo quindi di interpretare il sentimento di gratitudine di tutta la cittadinanza, il sindaco Gianluigi Tombolini ha voluto inviare a tutte loro una lettera di vivo ringraziamento per aver saputo raccogliere, con insuperabile efficienza, la straordinaria solidarietà dei numanesi a favore dei concittadini marchigiani più sfortunati.

In particolare, Tombolini ha voluto sottolineare come la cittadinanza, in silenzio e senza clamori, abbia dato grande prova di generosità nei tristi accadimenti dovuti al terremoto: il primo e più grosso applauso va indirizzato proprio ad essa.

L’Associazione Humana – La Fenice, grazie all’instancabile coordinamento delle volontarie Sabrina Sampaolesi e Susan Baroncini, è riuscita in maniera ottimale a convogliare il flusso di aiuti proveniente dai numanesi e dalle altre località della Riviera, approntando punti di raccolta e iniziative specifiche. Non ultima, la colletta alimentare tenuta presso i supermercati Simply di Numana e Sirolo, e Si con Te di Camerano, nello scorso gennaio.

La stessa associazione, grazie ai numerosi contatti nelle zone terremotate ed in collaborazione con altre Onlus come Portorecanati Solidale, le varie Caritas del Maceratese e le Misericordie di Pisa e Lucca, è riuscita a soddisfare nel giro di 24 ore le varie richieste pervenute.

Alcuni volontari numanesi al lavoro per riempire gli scatoloni di merce e prodotti alimentari destinati ai terremotati
Alcuni volontari numanesi al lavoro per riempire gli scatoloni di merce e prodotti alimentari destinati ai terremotati

Numerosissime quindi le iniziative messe in campo sin dall’inizio di quest’anno dall’Associazione Humana – La Fenice. Eccole nel dettaglio:

  • raccolta di materiale vario donato dai cittadini (abbigliamento, generi alimentari, cibo per animali, cartoleria, casalinghi). Suddivisione dello stesso per generi e stoccaggio grazie ad una squadra di circa 20 volontari tra cui i militi della Croce Bianca;
  • consegna del materiale nelle tendopoli, nei campi roulotte, nei centri di aggregazione, nelle case di riposo ubicate nelle zone centrali del cratere sismico: Ussita, Visso, Pievebovigliana, Pievetorina, Fiordimonte, San Severino, Serrapetrona, Gagliole. E nei vari campeggi ed hotels della costa che ancora ospitano persone terremotate;
  • consegna di materiale didattico e di 300 calze della Befana – con la collaborazione del negozio Si con te di Camerano e del rappresentante della Perfetti – alle scuole medie ed elementari di Caldarola, Muccia, Ussita ed ai servizi sociali di Castelraimondo;
  • consegna di elettrodomestici vari ad Ussita e Camerino, raccolti grazie alle offerte in danaro pervenute, ed acquistati con grossi sconti grazie alla solidarietà del punto vendita Mediaworld di Ancona;
  • consegna di due bancali di confezioni di shampoo e bagnoschiuma gentilmente offerti dal rappresentate dell’Oreal;
  • consegna di cibo e coperte per cani ai canili di Camerino e Morrovalle, oltre al cibo per bestiame ad allevatori di Pieve Bovigliana, Pieve Torina, Ussita e Cupi.

Infine, per raccogliere altri fondi, è stata organizzata per il 23 febbraio una Festa di Carnevale per bambini al Green Sporting Club di Castelfidardo. Dalle ore 15, musica e animazione allieteranno i partecipanti ed il ricavato verrà utilizzato per un progetto speciale dell’associazione, in collaborazione con il sindaco di Muccia e i docenti del locale plesso scolastico, per la costruzione di una ludoteca. Ospiti di riguardo della festa, i bimbi di Muccia.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Covid – Ok lo screening di massa a Osimo e Castelfidardo

Organizzazione perfetta e soliti denigratori


Camerano, 24 gennaio 2021 – Al PalaBaldinelli di Osimo e al PalaOlimpia di Castelfidardo (foto) sono in corso gli screening di massa gratuiti tramite tampone antigenico rapido che rientrano nel progetto Marche Sicure messo in atto dalla Regione.

Al PalaBaldinelli, da oggi e fino a martedì 26 gennaio, oltre agli osimani possono sottoporsi allo screening i residenti di Filottrano, Agugliano, Polverigi, Santa Maria Nuova e Offagna. Al PalaOlimpia, oggi e domani, i residenti di Castelfidardo, Camerano, Numana e Sirolo.

In un Paese dove tutto si complica e niente risulta efficiente quando si tratta di dare servizi alla popolazione, va detto che sia ad Osimo sia a Castelfidardo le procedure di screening stanno procedendo senza intoppi. Meglio, in entrambe le realtà l’organizzazione, lo staff medico, gli addetti, stanno producendo un lavoro d’eccellenza.

Nonostante la massiccia adesione, e nonostante il giorno di pioggia, tutto risulta ben organizzato, non ci sono file d’attesa, il personale addetto allo screening risulta gentile, altamente professionale, con una particolare disponibilità nei confronti di anziani e bambini. E per capire quanto ciò sia rispondente alla realtà basta andare su Facebook e leggersi le centinaia di apprezzamenti, ringraziamenti e complimenti postati da altrettanti cittadini che si sono sottoposti al test.

In linea di principio, ma bisognerà aspettare il termine dello screening per avere un dato certo e attendibile, la percentuale di positivi che sta uscendo dai test si aggira intorno all’uno per mille a Castelfidardo, qualche virgola in più ad Osimo ma lo scostamento è minimo.

Particolarmente soddisfatti di questo andamento i due sindaci, Simone Pugnaloni e Roberto Ascani, che oltre ad averci messo del proprio nell’organizzazione non perdono occasione per ringraziare tutti gli artefici di questo bell’esempio di efficienza. Un’esperienza cui plaudire senza se e senza ma, che sarà propedeutica alla fase successiva della vaccinazione per tutti. Un esempio di come sia possibile far bene le cose quando il sindaco è valido e ci crede, a prescindere dalla propria appartenenza politica.

Eppure, nonostante tutto ciò, sui social c’è chi proprio non ce la fa a dare a Cesare quel che è di Cesare, a riconoscere all’avversario politico un successo, una capacità. Come nel caso di un nostro lettore che sotto l’articolo di presentazione dello screening ad Osimo ha postato: “Una bella pubblicità per il PD osimano”.

Non citerò il nome del lettore, non ne vale la pena. E dirò anche – ma lui lo sa – che Pugnaloni non raccoglie il massimo delle mie simpatie giornalistiche, ma questa è un’altra storia. In questa storia dello screening di massa, invece, riconosco al sindaco Simone Pugnaloni un gran lavoro al servizio della sua comunità e di quelle degli altri Comuni che sta ospitando al PalaBaldinelli. E sono convinto che neppure per un attimo, mentre si dava da fare per organizzarlo, abbia pensato alla sua appartenenza politica. E lo stesso vale per Roberto Ascani. Grazie sindaci!

© riproduzione riservata 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi