Numana – Alla scuola Rodari è arrivato Salvatore, il semaforo ispettore

Educazione alla convivenza civile per abbassare i toni in mensa

Numana – La scuola è un mondo sempre in fermento dove l’entusiasmo dei bambini e la voglia di insegnare divertendo dei docenti spesso regala soluzioni creative ed interessanti.

E’ ciò che si ‘ verificato a Marcelli di Numana dove, nella Scuola Primaria “Gianni Rodari”, ha avuto il via un’iniziativa di Educazione alla Convivenza Civile, durante l’ora della mensa, alquanto curiosa.

Gli artefici dell'iniziativa
Gli artefici dell’iniziativa del semaforo Salvatore nella scuola primaria Gianni Rodari a Marcelli di Numana

I docenti, infatti,  con l’aiuto degli insegnanti e di alcuni allievi dell’Istituto Tecnico Industriale “A. MEUCCI” di Castelfidardo, hanno ricevuto in dono un semaforo che con i suoi tre classici colori modulerà il naturale gioco di voci dei bambini che durante l’ora del pasto amano rilassarsi e scherzare tra loro.

L’occhio vigile di Salvatore, questo è il nome che gli è stato imposto, sarà verde quando i toni risulteranno adeguati, arancione quando aumenteranno e rosso quando si raggiungerà la soglia del rumore vero e proprio.

Grazie al semaforo intelligente gli allievi potranno autoregolarsi buttando l’occhio verso il piccolo semaforo che, in silenzio, dirà più di mille parole.

Questo non sarà certamente un delegare ad un oggetto il compito dei docenti ma sarà un valido sistema per aiutarli a far comprender senza alzare i toni che un’atmosfera di relax e di simpatia renderanno più gradevoli il momento del pasto e della convivialità. Le regole sono alla base del vivere civile e Salvatore, il semaforo ispettore, aiuta, a modo suo, a far sì che vengano rispettate con un pizzico di giocosità ed allegria.

I bambini hanno accolto con entusiasmo l’idea ed hanno festeggiato l’arrivo di Salvatore a mensa con canti, poesie e disegni con i quali hanno rallegrato l’intero salone ed hanno salutato i graditi ospiti.

Allievi ed insegnanti, infatti, hanno avuto l’onore di pranzare e festeggiare insieme al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Giovanni Paolo II” di Numana e Sirolo, Prof.ssa Anna Rita Durantini, che ha presenziato all’evento e si è complimentata con coloro che hanno realizzato praticamente l’idea dei docenti della Scuola Primaria “G.Rodari”.

Parliamo dell’ing. Vinicio Barone, ideatore e “papà” del piccolo Salvatore e già protagonista di altri innovativi progetti , dell’ing. Pierluigi Maggini, responsabile di sede dell’Istituto di Castelfidardo e l’instancabile prof. Gabriele Calducci che si è impegnato a far sì che il progetto andasse in porto nel migliore dei modi, motivando i suoi studenti ed insegnando loro che lavorare per la comunità e per educare i più piccoli è un onore e non un onere.

Quest’ultimo, inoltre, riveste anche i panni di vicesindaco ed assessore alle politiche sociali  di Numana e, in quanto tale, ha portato i saluti del sindaco Gianluigi Tombolini che si è complimentato per l’iniziativa.

Tale sinergia tra Enti locali e scuole di gradi diversi del territorio dimostra che la continuità verticale ed orizzontale tra agenzie di varia natura è sempre possibile laddove esistano la volontà di collaborare ed uno scopo valido, come quello legato all’educazione dei bambini: futuri uomini di domani.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi