Pesaro – Truffa aggravata ai danni dell’Unione Europea

La GdF sequestra beni per un valore di 330 mila euro

Pesaro – I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro hanno eseguito un’importante attività di polizia giudiziaria, in materia di percezione di fondi pubblici comunitari erogati dall’Unione Europea e gestiti dalla Regione Marche, nei confronti di una società agricola di Sant’Angelo in Vado.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Urbino ed eseguite dalla Compagnia della stessa città, hanno consentito di scoprire una truffa perpetrata da un’azienda agricola vadese ai danni della spesa pubblica comunitaria, per un ammontare di 330 mila euro.

Pesaro Urbino – Le Fiamme Gialle al lavoro

In particolare, quest’ultima, nell’ambito del “Programma di Sviluppo rurale 2007/2013” della Regione Marche, ha indebitamente percepito fondi europei stanziati dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) finalizzati ad incentivare la realizzazione di impianti di produzione, l’utilizzo e la vendita di energia o calore da fonti rinnovabili.

Le fiamme gialle di Urbino, all’esito di minuziose investigazioni documentali, hanno accertato che il rappresentante legale dell’azienda agricola coinvolta, pur non avendo i requisiti per accedere ai benefici del programma regionale, ha presentato documentazione riportante false dichiarazioni – inducendo, così, in errore la Regione Marche – per ottenere “contributi” europei per costruire un innovativo impianto a biomasse, per l’importo complessivo di oltre 330 mila euro.

Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Urbino, accogliendo la proposta degli organi investigativi, ha emesso un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca sui beni dell’azienda e del legale rappresentante, ritenuto responsabile del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, fino alla concorrenza di 330 mila euro, costituente il profitto del reato.

Sono stati sequestrati saldi attivi di rapporti finanziari e 9 immobili siti in Sant’Angelo in Vado. L’operazione posta in essere conferma, ancora una volta, il ruolo strategico della Guardia di Finanza quale forza di polizia a tutela degli interessi economico-finanziari dell’Unione Europea, dello Stato e degli Enti locali, assicurando, in materia di spesa pubblica, che le risorse messe a disposizione siano correttamente impiegate per finalità di interesse collettivo.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo