Guardia di Finanza di Pesaro: operazione Cassaforte di Famiglia

Un arresto, 16 indagati e sequestro di immobili per 700 mila euro. Contestati reati fiscali, fallimentari e riciclaggio

Pesaro, 11 giugno 2021 – Nelle prime ore della mattinata di ieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro hanno eseguito una misura cautelare in carcere, numerosi provvedimenti di perquisizione e il sequestro di immobili per un valore di oltre 700 mila euro, emessi nell’ambito dell’indagine denominata Cassaforte di Famiglia, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pesaro.

Sono state eseguite una ventina di perquisizioni (domiciliari e locali) nei Comuni di Vallefoglia (PU), Cantiano (PU), Ancona, Numana (AN), Bologna, Roma e nella provincia di Frosinone nei confronti di 16 indagati, 3 studi professionali e 3 sedi societarie, nonché l’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo di beni immobili, per un valore di oltre 700 mila euro – tra cui una villa di lusso – nei Comuni di Vallefoglia e Pesaro.

La complessa attività di indagine, condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, è stata intrapresa nei confronti di un sessantenne ben conosciuto nel tessuto imprenditoriale pesarese e non solo – destinatario della misura cautelare personale – titolare di fatto, unitamente alla consorte, di ben sei società operanti nel settore della grande distribuzione e nel settore edile, per le quali erano intervenute le procedure fallimentari.

I coniugi hanno una lunga storia legata ad aziende sparse in giro per l’Italia e già gravati, nel tempo, da provvedimenti cautelari personali per reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale. Le attività di indagine intraprese dalle Fiamme Gialle hanno avuto come punto di partenza numerose e consistenti movimentazioni finanziarie operate, tra il 2011 e il 2014, dai coniugi in favore di una società pesarese. Movimentazioni risultate essere parte delle distrazioni patrimoniali perpetrate a danno delle 6 società oramai fallite, che sono state spogliate di averi (beni, merci, disponibilità liquide) per un importo di circa 4 milioni di euro.

La società in questione, il cui patrimonio sociale è detenuto in gran percentuale da una società fiduciaria – definita dall’indagato principale come “la cassaforte di famiglia” – è stata proprietaria di diversi immobili tutti nella disponibilità del nucleo familiare nonché protagonista, negli anni, di importanti operazioni economiche e finanziarie.

Dopo aver accumulato debiti tributari, dagli anni 2010 al 2014, per circa 2,8 milioni di euro la stessa – attraverso la cessione del ramo d’azienda – ha trasferito il patrimonio immobiliare a un’altra società “schermo”, partecipata da professionisti compiacenti. Le indagini hanno permesso di accertare ulteriori condotte di reato quali l’intestazione fraudolenta di valori ed il riciclaggio; sono state ricostruite complesse e molteplici operazioni societarie riguardanti passaggi di quote tra più società e soggetti, con il ruolo attivo di professionisti e consulenti del settore (anch’essi indagati) i quali, oltre a coordinare ed eseguire le operazioni riguardanti tali operazioni, sempre concordate con l’imprenditore, si sono anche resi intestatari diretti di quote sociali, fungendo da veri e propri “prestanome”, per celare i reali beneficiari e la provenienza dei beni traferiti.

 

redazionale

© riproduzione riservata 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primarie del centrosinistra ad Ancona

Lo scontro politico per scegliere il candidato sindaco è fra Ida Simonella e Carlo Maria Pesaresi


Camerano, 23 novembre 2022 – A solleticare questo paneburro&marmellata – ultimamente non è semplice trovare argomenti stimolanti – è stato un lungo post su Facebook di Ezio Gabrielli pubblicato qualche giorno fa e intitolato “Si torna a respirare!”. Consiglio di leggerlo. Argomento: le primarie del centrosinistra ad Ancona per scegliere il candidato sindaco alle Amministrative del 2023.

Due sono i candidati: Ida Simonella, appoggiata apertamente e senza tanti fronzoli dal sindaco uscente Valeria Mancinelli, e Carlo Maria Pesaresi. Quest’ultimo, nelle grazie di Ezio Gabrielli: lo ammette con forza nel suo post di cui, tra l’altro, condivido quasi in toto l’analisi.

Sono 17 i seggi scelti per le primarie sparsi in città, ai quali domenica 27 novembre potranno accedere dalle ore 8.00 alle 20.00 (tranne i seggi 9 e 12 aperti dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00), tutti gli anconetani dai 16 anni in su, previo un minimo contributo in denaro che pare essere volontario.

La feroce critica di Gabrielli al doppio mandato consumato dalla Mancinelli, la condivido. Non conosco personalmente lui, o i due candidati in lizza, o la Sindaca uscente, per cui posso dire la mia senza vincoli di sorta.

«L’impegno di Carlo Pesaresi di questi giorni ha imposto a tutto il centrosinistra, comprese le parti più recalcitranti e settarie, di rimettersi in moto rianimando un sistema linfatico di relazione che l’approccio Mancinelliano della delega in bianco – ed è questa la critica più feroce che deve essere rivolta a quel gruppo dirigente – aveva inaridito», scrive Gabrielli. E ancora: «Il centrosinistra ha realmente creduto che si potesse presidiare un territorio con l’idea dell’uomo/donna forte a cui delegare le scelte… e lo scorso settembre ci siamo, anche nella nostra città, ritrovati con un corpo rattrappito (incapace financo di fare una iniziativa elettorale con tutti i candidati alla Camera, Senato e Primarie), bloccato dall’anoressia di confronto e di idee e così, ritrovarci con una manciata di voti di distanza dal centrodestra».

«Abbiamo governato bene – continua Gabrielli – ma abbiamo manifestato limiti; nelle dinamiche complesse (esempio fra tutte la costruzione dell’azienda unica provinciale dei rifiuti, obbiettivo principale che era stato dato alla Mancinelli sette anni fa), la politica della delega e della semplificazione arrogante non ha funzionato; un tempo siamo stati un capoluogo di regione ma abbiamo perso, in favore di una visione “paesana”, la capacità di esercitare quel ruolo».

Su “abbiamo governato bene” caro Gabrielli, dissento. L’Ancona di oggi non è migliore di quella presa in mano dalla Mancinelli dieci anni fa. Ancona capoluogo di regione, oggi, è una bestemmia. Basta fare un giro a Fano, Pesaro Urbino, Civitanova o Ascoli per capire e toccare con mano quanta vita sociale ed economica in più ci sia in quelle realtà rispetto alla dorica. Invito i lettori ad esprimersi su questo concetto.

In ultimo, al di là delle manovre di partito e degli eventuali interessi in gioco, personalmente m’interessa poco chi sarà il candidato Sindaco di Ancona del centrosinistra. Che sia Simonella o che sia Pesaresi – dalle voci di corridoio, il vincitore delle primarie del centrosinistra si dovrà misurare con il candidato di centrodestra Daniele Silvetti, attuale presidente dell’Ente Parco del Conero, ma non c’è nulla di ufficiale – quel che davvero m’interessa, e credo sia così anche per la gran parte degli anconetani, è che il nuovo Sindaco di Ancona abbia le capacità necessarie, e la giusta visione, per riportare Ancona al centro della regione Marche sul piano politico, geografico, sociale, industriale, culturale e turistico. Un gran lavoro, non lo nego, ma è un lavoro che va fatto se Ancona vuole restare a pieno titolo capoluogo di regione.

© riproduzione riservata


link dell'articolo